Arenaways: debutta il primo treno privato | Ingegneri.info

Arenaways: debutta il primo treno privato

wpid-6008_fddeedceba.jpg
image_pdf

È partito da Torino alle 7.10 per giungere alla stazione di Milano Porta Garibaldi alle 9.10, con 10 minuti di anticipo. Il treno della compagnia ferroviaria Arenaways ha effettuato ieri il suo primo viaggio, inaugurando così il nuovo servizio di trasporto passeggeri sulla tratta lombardo-piemontese, pensato soprattutto per i pendolari che devono viaggiare tra un capoluogo e l’altro.

Il treno si è fermato una decina di minuti nei pressi della stazione di Novara perché largamente in anticipo: a ridurre i tempi del viaggio ha contribuito il fatto che Arenaways per ora non può effettuare fermate intermedie tra Torino e Milano.

In base ai termini di accordo con Rfi, giunti in via definitiva solo venerdì sera, delle 14 fermate previste 10 sono state soppresse: i nuovi treni possono quindi servire le stazioni di Torino Lingotto, Torino Porta Susa, Milano Porta Garibaldi e Milano Rogoredo per un totale di 4 collegamenti al giorno, 2 per senso di marcia.

È stata quindi una partenza coronata dalle polemiche quella del primo treno privato che, nella storia del trasporto su binario, entra in diretta concorrenza con il gestore unico Trenitalia. “Sono evidentemente tracce penalizzanti – ha commentato l’amministratore delegato Giuseppe Arena -, richieste originariamente per un percorso ad anello con tutte le fermate intermedie. Logicamente, dopo la decisione dell’Ufficio per la Regolazione dei Servizi Ferroviari, questi orari non sono più competitivi. Ma per noi l’importante era partire e dare vita alla prima alternativa per i passeggeri italiani”.

Arenaways ha già pronti tre ricorsi: all’Antitrust, all’Ufficio di regolazione dei servizi ferroviari del ministero dei Trasporti e alla Commissione europea. “Il ricorso all’Antitrust – ha spiegato la società – è contro la non separazione di Rfi e Trenitalia e la posizione dominante di Trenitalia. L’altro è all’Ufficio di regolazione dei servizi ferroviari che ci ha impedito per ora le fermate intermedie tra Torino e Milano”.

“Noi non abbiamo fatto ostruzionismo – ha replicato l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti -, ci atteniamo alle regole: non siamo noi che diamo le licenze. La concorrenza è sempre positiva, ma il problema è che le istituzioni che firmano i contratti di servizio devono avere equilibrio”. Per conoscere gli esiti della vicenda è necessario attendere ancora qualche giorno: tutto dovrebbe essere chiarito entro l’11 dicembre per l’inizio del nuovo calendario ferroviario invernale.

Arenaways è stata costituita tre anni fa da una cordata di imprenditori piemontesi e bresciani, con un investimento iniziale di 50 milioni di euro. Il treno è di colore giallo e rosso ed è dotato di una classe unica. La flotta si compone oggi di 12 locomotive: tre locomotive elettriche E483 TRAXX Bombardier, che nei prossimi mesi diventeranno sette; tre locomotive diesel idrauliche G2000 VOSSLOH e, infine, due tipologie elettriche Siemens E189 EuroSprinter.

Il biglietto, che può essere acquistato on line o a bordo senza sovrapprezzo, costa 17 euro e il tempo di percorrenza è di un’ora e 35 minuti. Ma Arenaways vuole fare la differenza anche con un altro elemento, quello dei servizi ai viaggiatori. A bordo del treno è possibile fare la spesa: si ritira la scheda prenotazione nella carrozza con snack bar e minimarket, si segnalano i prodotti scelti, si paga il conto e la borsa si ritira al ritorno in stazione. La scelta è tra articoli da forno, pasta, affettati, formaggi, ministre e passati, verdura, carni e dolci.

“L’idea di dare la possibilità di effettuare la spesa a bordo – spiega Patrizia De Bernardi, coordinatrice dei servizi sui treni Arenaways – ci è venuta perché abbiamo constatato tramite un’indagine che la maggioranza dei pendolari è single. Sui treni è disponibile anche il servizio di lavanderia: si lasciano i vestiti e si ritirano tre giorni dopo sul treno o in tre punti presenti in città. E dal 2011 si potrà navigare in internet gratuitamente collegando il proprio dispositivo alla rete wi-fi.

di O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Arenaways: debutta il primo treno privato Ingegneri.info