Autostrade elettrificate ad impatto zero, il progetto Scania in Italia | Ingegneri.info

Autostrade elettrificate ad impatto zero, il progetto Scania in Italia

L'A35 Brebemi che collega Brescia con Milano primo atto di una sperimentazione italiana dedicata ad alleggerire l'impatto del trasporto su gomma

Un pantografo per un tir: ecco cosa vedremo sull'A35 Brescia-Milano
Un pantografo per un tir: ecco cosa vedremo sull'A35 Brescia-Milano
image_pdf

La prima autostrada elettrificata in Italia grazie alla sinergia SCANIA e A35 Brebemi, rivoluzionerà il trasporto su gomma in Italia. Per proiettarsi nel futuro bisogna fare un salto nel passato, e pensare, nel caso di questo progetto, alle nostre autostrade come ai centri delle nostre città, che fino agli anni ’70 e in alcuni casi ancora oggi, avevano nei filobus con il pantografo il mezzo pubblico principale di spostamento. Vediamo invece cosa potrebbe accadere ai tir su uno dei tratti di collegamento autostradale del nord Italia.

L’idea progettuale

Progetto rivoluzionario in materia di trasporto su gomma. Idea nata dalla società Scania che prevede l’installazione su entrambi i sensi di marcia di una linea elettrica sospesa che consenta l’alimentazione degli autocarri Scania in circolazione. I veicoli infatti grazie ad un pantografo ed una catena cinematica ibrida consentono di alimentare un motore elettrico. Se il veicolo deve effettuare il sorpasso si sposterà sull’altra corsia e grazie al suo motore ibrido elettrico ed a combustione interna effettuerà il sorpasso in piena sicurezza, come mostrato nel video di presentazione.  In sostanza l’idea è la stessa che da oltre un secolo muove tram e filobus nelle tratte cittadine.

Il progetto che prevede ben 6 chilometri della A35 Brebemi, l’autostrada che collega Brescia con Milano, è stato annunciato nell’ambito dello European Truck Festival durante il convegno ‘Il Trasporto Elettrico delle Merci su Strada’.

Il progetto prevede sistemi di distribuzione dell’energia elettrica che verranno realizzati esternamente alla piattaforma autostradale con una linea di contatto a 600-750V in corrente continua, realizzata sopra la corsia di marcia con una altezza pari a circa 5.5 metri.

Il progetto prevede una prima fase denominata ‘studio pilota’, utile a mettere a regime e tarare il sistema, nella tratta centrale della A35. Successivamente, verificata l’efficienza, l’efficacia e l’economicità e sostenibilità dell’intervento, si procederà alla completa elettrificazione della A35, congiuntamente alla commercializzazione dei veicoli e dei relativi dispositivi per l’utilizzo della linea elettrificata.

La scelta della A35 è giustificata sia dalla modernità della tratta autostradale che per ragioni geografiche, in quanto si trova nel cuore del mercato nazionale dei servizi logistici ed è quindi un’area che risulta una tra le più esposte d’Europa ai fattori inquinanti.

I principali protagonisti

Le prime linee elettriche di alimentazione dei veicoli verranno installate sul tratto tra i caselli di Romano di Lombardia e Calcio. Il passo successivo sarà quello di dotare l’autostrada di pannelli fotovoltaici in grado di fornire energia elettrica. Un’autostrada ad economia circolare.

Franco Fenoglio, Presidente e Amministratore Delegato di Italscania, ha dichiarato: “Siamo pronti a collaborare con A35 Brebemi per dare vita alla prima autostrada elettrificata in Italia, un progetto estremamente rivoluzionario destinato a cambiare per sempre la concezione del trasporto su gomma. La collaborazione di Scania con A35 Brebemi, Siemens e tutti gli interlocutori coinvolti in questo progetto dimostra come solo attraverso la cooperazione con partner strategici riusciremo ad accelerare il processo di cambiamento verso un sistema di trasporto sostenibile. Lo sviluppo della prima autostrada elettrificata in Italia, una delle prime in Europa, è un esempio di grande eccellenza sul fronte dell’innovazione: un motivo di grande orgoglio per il nostro Paese”.

Secondo le stime, grazie alle corsie elettriche, i veicoli industriali potrebbero abbattere fino all’80-90% delle emissioni fossili.

Anche il Presidente dell’A35 Brebemi, Francesco Bettoni, ha affermato: “Il grande interesse per le questioni dibattute oggi e l’importanza dei player riuniti a Brescia a discutere sul futuro della mobilità sostenibile, dimostrano come la strada intrapresa con questa rivoluzione nel trasporto elettrico su gomma possa essere quella corretta. Il progetto di elettrificazione della A35 si pregia di avere tra i sostenitori sia un concedente (CAL spa) proiettato come noi nel futuro, sia partner quali Scania e Siemens entrambi punti di riferimento di questo settore, passando per operatori del mondo della logistica interessati a queste nuove tecnologie in grado di innovare l’intero settore del trasporto delle merci. Questi elementi sono per noi una garanzia per un piano di interventi innovativi, capaci di dare grande valore al sistema infrastrutturale lombardo e nazionale”.

I due player internazionali come Scania e Siemens verranno affiancati dalla CAL spa il cui amministratore delelgato, Gianantonio Arnoldi, ha sottolineato: “CAL è stata nell’ultimo decennio al centro del panorama infrastrutturale nazionale avendo realizzato, nel rispetto dei tempi e dei costi previsti in sede di approvazione dei relativi progetti, ben 140 km di moderne autostrade funzionali a rendere le imprese più competitive ed i cittadini lombardi più sicuri nei loro spostamenti. Oggi CAL raccoglie una nuova sfida su un tema che sta acquisendo sempre maggiore rilevanza alla luce degli impegni presi anche dal nostro Paese con la sottoscrizione del Protocollo di Kyoto e dell’Accordo di Parigi. Realizzare, per la prima volta in Italia, una sperimentazione che favorisca lo sviluppo di un sistema di trazione dei mezzi pesanti ad emissione zero nell’autostrada Brebemi, che CAL potrebbe estendere a tutta la sua rete, permettendo in questo modo la creazione di un corridoio di mobilità sostenibile tra Brescia e l’HUB di Malpensa. Con il sostegno attivo di Regione Lombardia ed il placet del Ministero delle Infrastrutture e di quello dell’Ambiente, sarà così finalmente possibile dare un contributo alla individuazione di soluzioni strutturali al problema delle emissioni inquinanti, in linea con le analoghe iniziative in corso in altri paesi europei, quali Svezia e Germania.”

I progetti futuri in formato tir

Il progetto è uno dei tanti progetti che l’azienda svedese sta realizzando in altre parti del mondo, come in Svezia con l’elettrificazione dell’autostrada E16 nel territorio della città di Gävle e del progetto tedesco denominato Trucks for German eHighways che prevede la costruzione, nel corso del 2019 e 2020, di tre nuove autostrade elettrificate in Germania. Inoltre l’azienda bavarese sta programmando l’applicazione di tale tecnologia anche a Los Angeles negli Stati Uniti.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Autostrade elettrificate ad impatto zero, il progetto Scania in Italia Ingegneri.info