Il ponte verde del futuro: Eco Bridge in Corea del Sud | Ingegneri.info

Il ponte verde del futuro: Eco Bridge in Corea del Sud

A cavallo tra due pendii montuosi separati da un asse autostradale, il futuro Eco Bridge di Seoul sarà un ponte organico in acciaio. Ecco il progetto di Kild, vincitore del concorso “Yangjaegogae Eco Bridge Design Competition”

Vista a volo d’uccello del ponte Eco-Bridge © Kild
Vista a volo d’uccello del ponte Eco-Bridge © Kild
image_pdf

Un ponte organico ed ecologico che nasce dal movimento sinuoso di una struttura semplice per creare un’esperienza paesaggistica che si fonde con la topografia delle montagne circostanti. Questa è la proposta vincente di Kild, gruppo di architetti lituani che si è aggiudicato il primo premio del concorso “Yangjaegogae Eco Bridge Design Competition” promosso dall’amministrazione governativa di Seoul, in Corea del Sud. Con l’intento di creare un collegamento aereo tra due pendii montuosi separati da un asse autostradale, il futuro ponte Eco Bridge di Seoul rappresenta un nuovo esperimento di struttura completamente immersa nel verde, in grado di preservare la flora e la fauna del luogo nonostante l’infrastruttura inferiore della Gyeongbu Expressway.

Vista del ponte dall’autostrada Gyeongbu Expressway © Kild

Vista del ponte dall’autostrada Gyeongbu Expressway © Kild

Il progetto di Kild (architetti Ksnelashvili, Isora, Lozuraityte e Daunys), ispirato concettualmente alla natura ritmica dei giardini coreani (quelli con il tradizionale padiglione), mostra un design integrato in continuità con il luogo in cui sorge, a cavallo tra la cima del Monte Umyeonsan e quella del Parco Maljukgeori. Il valore del progetto risiede nella creazione di due differenti ambiti che coprono lo sviluppo del ponte, uno rettilineo dedicato all’attraversamento pedonale dell’uomo e uno collinare riservato al percorso degli animali che abitano le cime montuose; due ambiti limitrofi ma distinti, dettati anche dal carattere di pendenza naturale che ha permesso di separare le due zone.

Il dualismo del concept progettuale e strutturale: da una parte il percorso dell’uomo, dall’altra il pendio verde che preserva l’habitat animale © Kild

Il dualismo del concept progettuale e strutturale: da una parte il percorso dell’uomo, dall’altra il pendio verde che preserva l’habitat animale © Kild

Dal punto di vista costruttivo, la struttura riflette il dualismo del concept progettuale: il sentiero pedonale costituisce l’arco portante in acciaio che corre rettilineo senza variazione di quota, mentre la collina verde, progettata come un pendio ondulato per non interrompere l’habitat animale, rappresenta un’integrazione strutturale sospesa sul fianco del ponte in acciaio. Nervature metalliche completano la trama di supporto sui cui poggia l’impianto di irrigazione e drenaggio per la vegetazione con vasche impermeabili. Il sistema di irrigazione utilizza l’acqua piovana raccolta in un serbatoio di accumulo previsto ai piedi del ponte, insieme ad una terrazza di manutenzione. Un rivestimento in lamiera metallica avvolge la struttura e assolve anche la funzione di barriera di sicurezza con corrimano, regalando al ponte una forma in continuo movimento, come se fosse in torsione su sé stesso. La matericità di questo rivestimento segna inoltre il confine tra il paesaggio naturale all’estradosso e l’ambiente infrastrutturale all’intradosso.

Vista del ponte dall’autostrada Gyeongbu Expressway © Kild

Vista del ponte dall’autostrada Gyeongbu Expressway © Kild

Con una luce di 94 metri e una lunghezza di 120 metri, il futuro Eco Bridge di Kild offre ai cittadini l’esperienza naturalistica di camminare a picco sulla pendenza delle montagne e di godere di una vista panoramica della città di Seoul verso nord, poiché la struttura si piega proprio nel suo punto centrale per lasciare ampia visibilità. Il percorso pedonale (posizionato a sud) e la collina verde (a nord) raggiungono infatti la massima differenza di quota solo in corrispondenza degli ingressi al ponte (salto di 6 metri a ovest e 11 metri a est) per lasciare libera la visuale verso nord nel suo punto centrale.

Scheda del progetto
Architetti: KILD – Architetti Ksnelashvili, Isora, Lozuraityte, Daunys
Stato: primo premio nel concorso “Yangjaegogae Eco Bridge Design Competition” – 2017
Location: Seoul, Corea del Sud
Cliente: The Seoul Metropolitan Government
Area: 2.600 mq
Dati tecnici del ponte: lunghezza 120 m; luce 94 m; larghezza min 14 m – max 19,4 m; altezza min 3,3 m – max 15,5 m; posizionato ad una distanza di 29 metri dall’autostrada

Leggi anche: L’eccellenza dell’ingegneria italiana conquista San Pietroburgo

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Il ponte verde del futuro: Eco Bridge in Corea del Sud Ingegneri.info