Il terzo ponte sul Bosforo è stato completato dall'italiana Astaldi | Ingegneri.info

Il terzo ponte sul Bosforo è stato completato dall’italiana Astaldi

L'italiana Astaldi annuncia il completamento dei lavori per il terzo ponte sul Bosforo. E' il più largo ponte sospeso al mondo

fonte: Astaldi
fonte: Astaldi
image_pdf

L’italiana Astaldi annuncia di aver completato i lavori per il Terzo Ponte sul Bosforo. L’ultimo “concio chiave” di chiusura dell’impalcato è stato saldato lo scorso 6 marzo 2016, dopo avere avviato le opere di costruzione nel 2013.

Europa e Asia sono così uniti da una nuova ‘bretella’, una infrastruttura stradale di grande rilevanza: è l’unico ponte sospeso al mondo ad ospitare sul proprio impalcato un’autostrada a 8 corsie (4 per senso di marcia) separate da 2 linee ferroviarie, tutte allo stesso livello. E’ anche il più largo ponte sospeso al mondo e il ponte sospeso con le più alte torri a forma di «A» del mondo.

Il ponte è del tipo ibrido sospeso-strallato, con una larghezza pari a 59 metri e una luce libera di 1,4 chilometri, l’equivalente di 11 campi da calcio messi in fila. Inoltre ha due torri di altezza pari a 322 metri – più alte della Torre Eiffel (che è alta 300 metri). Il Terzo Ponte sul Bosforo è parte di un progetto più ampio, The Northern Marmara Highway Project, che prevede nel suo complesso la realizzazione di circa 190 chilometri di autostrada a 8 corsie. I lavori sono realizzati con la formula del BOT (Build-Operate-Transfer) e prevedono un investimento totale di oltre 3 miliardi di USD, finanziato su base project finance.

fonte: Astaldi

fonte: Astaldi

Il contratto, avviato nel 2013, prevedeva la costruzione di un ponte sospeso e strallato con una campata centrale di 1.408 metri di lunghezza. La struttura portante è costituita da due piloni a forma di “A” realizzati ognuno con una coppia di pilastri inclinati, a sezione triangolare. I due piloni principali, in calcestruzzo e acciaio, hanno le fondazioni a terra, sulle sponde dello stretto e avranno un’altezza di 318 m dal livello dell’acqua.

fonte: Astaldi

fonte: Astaldi

Per quanto riguarda l’impalcato, dovrebbe supportare velocità di transito previste da 120 km/h per il traffico stradale, 160 km/h per i treni passeggeri e 80 km/h per i treni merci. Il ponte e’ percorribile anche a piedi grazie a due passerelle realizzate lungo i bordi esterni dell’impalcato, con una larghezza di 2,5 metri.

fonte: Astaldi

fonte: Astaldi

La progettazione ha tenuto conto della possibilità che si verifichino terremoti di forte intensità, visto che l’area del cantiere è interessata dalla faglia anatolica, che si estende da est ad ovest lungo l’area nord della Turchia, fino al mare di Marmara. Lo studio preliminare e’ stato eseguito in accordo alle linee guida delle norme AASHTO (American Association of State Highway and Transportation Officials) per la progettazione di ponti.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il terzo ponte sul Bosforo è stato completato dall’italiana Astaldi Ingegneri.info