Il treno elettrico senza binari in Cina è già in azione | Ingegneri.info

Il treno elettrico senza binari in Cina è già in azione

Lo scorso 2 giugno il primo tram che si muove automaticamente ha percorso la prima tratta a Zhuzhou, in Cina

© CRRC
© CRRC
image_pdf

In Cina hanno messo su strada una trovata tecnologicamente interessante.
Si tratta di un treno elettrico (per ora un tram cittadino, il cui debutto ufficiale è avvenuto lo scorso 2 giugno nella prefettura cittadina di Zhuzhou nella provincia della Cina centrale, Hunan) senza binari.
Progettato e prodotto dalla compagnia ferroviaria CRRC Zhuzhou Locomotive, si basa su una tecnologia chiamata Autonomous Rail Rapid Transit System, il cui acronimo ridotto dà il nome anche al mezzo, Art.
L’Art viaggia su ruote in gomma che avvolgono un nucleo di plastica (invece delle classiche ruote in acciaio). Ed è appunto dotato di una tecnologia in grado svolgere le manovre di guida automaticamente. «Ha i vantaggi di entrambi i sistemi, quello ferroviario e quello su asfalto, è agile e non inquinante», dichiara Feng Jianghua, ingegnere della casa madre, responsabile del progetto.

© CRCC

© CRCC

I percorsi dell’Art sono binari virtuali tracciati su strada da bande magnetiche che gli specifici sensori collocati sulla motrice seguono durante la tratta. Una tecnologia allo studio già dal 2013, e finalmente attiva da qualche settimana. Al momento copre collegamenti per un totale di 6,5 chilometri, con convogli che raggiungono la lunghezza complessiva di 31 metri e una capacità di oltre 300 passeggeri. La velocità massima è di 70 chilometri orari, ha una autonomia di durata di 35 chilometri e un tempo di caricamento batterie inferiore ai 10 minuti.
Non solo: «L’Art è molto più conveniente della metropolitana, il cui costo complessivo, consumi inclusi, è di circa 60-100 milioni di dollari a chilometro in Cina. E anche confrontandolo con i classici tram elettrici con cavo, che costano tra i 20 e i 30 milioni di dollari a chilometro, l’Art è solo un quinto dell’investimento».
L’Art è la risposta a «una crescente domanda per il trasporto pubblico in Cina», prosegue Feng, «soprattutto nei piccoli e medi centri, che non dispongono di risorse finanziarie sufficienti per metropolitane o ammodernamenti urbanistici per implementare il parco di mezzi già esistenti. Per il 2018 prevediamo un’espansione mirata soprattutto a coprire queste esigenze».
In attesa di vedere all’opera l’avveniristico e controverso bus che transita scavalcando le auto, la Cina può godere di questa invenzione già più concretamente in azione.
Di seguito, alcuni video del treno in azione.

Leggi anche: Ponte di Archimede: lo studio di fattibilità per l’attraversamento del Bjørnafjord

Copyright © - Riproduzione riservata
Il treno elettrico senza binari in Cina è già in azione Ingegneri.info