L'anello del Garda: il percorso ciclabile più lungo d'Europa | Ingegneri.info

L’anello del Garda: il percorso ciclabile più lungo d’Europa

Una volta concluso, l'anello del Garda sarà il percorso ciclabile più lungo d'Europa. Il tracciato e lo stato dell'arte

anello_ciclabile_garda
image_pdf

L’anello ciclabile del Garda si candida a diventare la capitale europea del cicloturismo; in parte l’anello è già realizzato sulle sponde lombarde, venete e trentine e coprirà un percorso di 140 km. Il progetto ha avuto anche il parere favorevole del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti.

Un momento cruciale per la realizzazione dell’opera è stato lo scorso 8 aprile 2016, quando a Roma, l’assessore allo sviluppo economico di Regione Lombardia, l’assessore al turismo della Regione del Veneto e l’assessore alle infrastrutture e all’ambiente della Provincia autonoma di Trento, in accordo con l’assessore lombardo alle infrastrutture, hanno incontrato il titolare del dicastero delle infrastrutture e dei trasporti ottenendo “un preciso impegno nel reperire nuove risorse statali per il completamento dell’opera”.
È quindi stato aggiunto un altro tassello verso il completamento dell’anello ciclabile del Garda, che nel caso della provincia autonoma di Trento s’inserisce in un più ampio contesto, infatti questo rappresenterà un elemento complementare al collegamento ferroviario tra la zona del Garda e il centro Europa, consentendo ai turisti di trovare un sistema di mobilità innovativo ed integrato.

Figura1

Visto il carattere interregionale sarà sancito un protocollo di intesa tra le regioni interessate (Veneto, Lombardia e Trentino Alto Adige, ….) e i ministeri dei Beni e Attività culturali, Turismo, Ambiente e tutela del territorio.

Dal comunicato stampa riportato sul portale della Regione Veneto è sottolineata la rilevanza nazionale del progetto. “L’importanza strategica e la rilevanza che ha ormai assunto questo progetto- – hanno rimarcato infine Parolini, Gilmozzi e Caner (gli assessori delle rispettive regioni e provincia autonoma) – – consente a tutti i soggetti istituzionali coinvolti di attivarsi su più fronti per il reperimento dei fondi e dei finanziamenti necessari alla realizzazione degli interventi, rendendo così l’obiettivo sempre più a portata di mano”.

Non solo, gli esponenti politici hanno inoltre annunciato “una comune azione tecnica attraverso un gruppo di lavoro interregionale ad hoc, per raccogliere i progetti già redatti e affrontare gli ultimi dettagli per arrivare in poco tempo ad un progetto definitivo unitario ed omogeneo. Il Ministro delle Infrastrutture ha comunicato l’intenzione di inserire il progetto del Garda tra i pochi interventi finanziati nel piano nazionale che comprende anche il grande progetto “Vento” della ciclabile del Po“.
L’anello unico ciclabile del Garda è un progetto dalla portata storica, che permetterà a questa area turistica di diventare una delle capitali europee del cicloturismo e del turismo lento, con importanti ricadute per il tessuto economico locale e per la filiera del turismo. Il cicloturismo è un settore in costante crescita a livello europeo in grado di offrire notevoli opportunità di sviluppo: si stima infatti che in Europa ogni chilometro di ciclabile turistica sia in grado di generare un indotto annuo tra i 110 e i 350mila euro”.

Al 13 febbraio, la situazione era questa:
Sponda Lombarda – Completamento dei tratti: da Campione del Garda (frazione di Tremosine sul Garda) alla località Largo dei minatori in Comune di Tremosine sul Garda; dalla località Largo dei minatori in Comune di Tremosine sul Garda al confine con il territorio di Limone sul Garda; da Toscolano Maderno a Gargnano (passaggio dalla frazione Cecina); da Gargnano (intersezione con la SP38 ‘Tremosine – Tignale’ a Campione del Garda (frazione di Tremosine sul Garda).
Sponda Veneta – Realizzazione di segnaletica e opere di completamento per il tratto da Bardolino a Malcesine; pista ciclabile del Sole (collegamento tra la pista dell’Adige e quella del Mincio a Peschiera).
Sponda Trentina – Tratto da confine regione Lombardia (lato Limone) nel Comune di Ledro, in prossimità alla SS45 bis ‘Gardesana Occidentale’; tratto interamente su territorio provinciale nel Comune di Riva del Garda in prossimità della SS45 bis ‘Gardesana Occidentale; tratto fino al Confine Regione Veneto (lato Malcesine) nel Comune di Nago-Torbole in fregio alla SS 45 bis ‘Gardesana Occidentale’”.

Per approfondire: Piste ciclabili: caratteristiche e riferimenti normativi

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
L’anello del Garda: il percorso ciclabile più lungo d’Europa Ingegneri.info