Le società ferroviarie europee firmano tre risoluzioni comuni | Ingegneri.info

Le società ferroviarie europee firmano tre risoluzioni comuni

wpid-4979_treno.jpg
image_pdf

Le decisioni prese a Roma durante l’annuale Summit dei CEO delle società ferroviarie europee:
– nasce il gruppo Railway2020, per lo sviluppo del trasporto ferroviario in Europa nell’ottica della creazione di un unico mercato
– proposto un ruolo di coordinamento e controllo dell’Agenzia

Ferroviaria Europea sulle Autorità Nazionali di Sicurezza
– continua il progetto di ricerca ferroviaria “Innotrack”, co-finanziato dall’Unione Europea

Pianificare e sviluppare le strategie delle ferrovie europee per i prossimi dieci anni e assegnare un ruolo di coordinamento e controllo più incisivo all’Agenzia Ferroviaria Europea rispetto alle Autorità Nazionali di Sicurezza. Questi gli obiettivi principali della 10ariunione dei CEO delle compagnie ferroviarie di tutt’Europa che si è svolto oggi a Roma sotto la presidenza di Mauro Moretti.

L’incontro di quest’anno è stato dedicato principalmente all’organizzazione di “Railway2020”: la creazione di un gruppo di lavoro, composto dai vertici delle principali imprese di settore e dai sindacati, coordinato dal Vice Presidente della Commissione Europea e Commissario ai Trasporti Siim Kallas, che lavorerà per incrementare le potenzialità del sistema ferroviario e contribuire così all’uscita dall’attuale crisi economico-finanziaria.Dall’incontro sono emerse proposte concrete e prospettive di medio e lungo termine da inserire nel Libro Bianco dei Trasporti che la Commissione Europea adotterà a fine del2010. Sarà definita così una tabella di marcia con le principali misure da adottare nei prossimi dieci anni.

Altro punto focale dell’incontro, la proposta alla Commissione Europea del riconoscimento di un ruolo primario e più incisivo all’Agenzia Ferroviaria Europea (ERA), cosicché possa sovraintendere e coordinare le attività delle singole Autorità Nazionali di Sicurezza con maggiori poteri di controllo e supervisione. L’ERA – a detta dei CEO – rappresenta l’unica strada possibile per garantire alle imprese ferroviarie un accesso equo ad un mercato unico europeo. Indispensabili in tal senso una legislazione omogenea nei diversi Paesi, una spinta nel processo verso l’interoperabilità e l’uniformità nelle procedure di rilascio ai newcomers delle licenze e dei certificati di sicurezza.

I CEO si sono confrontati, inoltre, sullo sviluppo di “Innotrack”, un innovativo progetto di ricerca ferroviaria, co-finanziato dall’Unione Europea, finalizzato allo sviluppo della produttività, al potenziamento della capacità delle infrastrutture ferroviarie e all’incremento della quota di mercato dei passeggeri e delle merci.

Copyright © - Riproduzione riservata
Le società ferroviarie europee firmano tre risoluzioni comuni Ingegneri.info