Renzo Piano e il nuovo ponte per Genova: "Dovrà durare mille anni" | Ingegneri.info

Renzo Piano e il nuovo ponte per Genova: “Dovrà durare mille anni”

"I muri devono crollare, i ponti mai. Questo ponte deve infiammare il nostro immaginario". Renzo Piano presenta il dopo Ponte Morandi

Un'immagine del plastico di Renzo Piano relativo al progetto per il nuovo ponte di Genova (fonte FB Regione Liguria)
Un'immagine del plastico di Renzo Piano relativo al progetto per il nuovo ponte di Genova (fonte FB Regione Liguria)
image_pdf

Un ponte genovese, semplice e parsimonioso, in acciaio e di colore bianco e che sia destinato a durare mille anni. Renzo Piano ha presentato ufficialmente il progetto donato alla città di Genova per la costruzione della nuova infrastruttura destinata a sostituire il Ponte Morandi. Accanto all’archistar e ai suoi collaboratori, attorno al plastico che lascia intendere la nuova architettura di collegamento del capoluogo ligure, c’erano nella tarda mattinata di oggi 7 settembre 2018, il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, l’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, che alla fine della conferenza stampa si è reso protagonista, suo malgrado, della rottura del plastico, l’amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, il sindaco di Genova, Marco Bucci, e il sottosegretario ai Trasporti, Edoardo Rixi.

L’idea di Renzo Piano per il nuovo ponte

L’architetto ligure ha lavorato sull’idea per la nuova infrastruttura dal 15 agosto, subito dopo la tragedia del Ponte Morandi, su richiesta del governatore Toti e del sindaco di Genova. Dire che il nuovo ponte debba durare mille anni non è una battuta, ma una necessaria esigenza: “Dovrà essere un ponte semplice e parsimonioso – spiega Renzo Piano – ma non banale. Dovrà essere un ponte ‘genovese’ e deve avere qualcosa che ricordi le vittime – ha proseguito – La mia presenza è la cosa meno importante. Questa deve essere un’opera che nasce dall’entusiasmo. Un cantiere è un luogo di coesione e magia dove tutti lavorano assieme. Genova è grande e capace. Genova non si è mai persa. Sarà un ponte più sottile che avrà la propria base sul Polcevera. Quelli che ho presentato non sono schizzi. Sono progetti ragionati. Avrà una sua luminosità con riflettori che di giorno cattureranno la luce del sole per poi fare luce di notte. Il colore sarà il bianco”.

Per il ponte l’acciaio lo produrrà l’Arcelor Mittal che ha appena rilevato l’Ilva: preoccupano però i tempi di realizzazione dell’infrastruttura, ma Renzo Piano rassicura: “Costruiremo il ponte quanto prima ma non ci deve essere fretta. Sarà costruito come se fosse una nave. Fatto di componenti che vanno messi assieme. Genova sarà laboratorio d’Italia. Sarà un ponte a 4 corsie da 3,75 metri più le corsie di emergenza”.

Tempi e coordinamento per il nuovo ponte

Entro ottobre 2019, novembre al massimo, Genova avrà un nuovo ponte sul torrente Polcevera”. L’annuncio porta la firma del presidente della Regione Liguria e commissario per l’emergenza Giovanni Toti che ha anche spiegato come il cantiere per la demolizione delle macerie del Ponte Morandi andrà di pari passo con quello per la ricostruzione. “Sulla demolizione – ha proseguito Toti – nelle ultime ore stiamo lavorando per smontare il Morandi e per non demolire le case sottostanti almeno fino alla costruzione del nuovo ponte. Ma ci stiamo lavorando, vedremo. Non è una cosa semplice. I monitoraggi inizieranno nei prossimi giorni. Per ora l’unica società titolata ad aprire il nuovo cantiere è Autostrade che ha la concessione. Ritengo che con la partecipazione anche di Fincantieri e Piano si possa costruire il ponte”. L’ad di Fincantieri, Giuseppe Bono, ha spiegato invece come il “cantiere di Sestri Ponente, a Genova, avrà un ruolo centrale nella realizzazione del nuovo ponte. Lì potremo realizzare la struttura d’acciaio. Ci sarà nuovo lavoro e ci saranno assunzioni. Sarà un ponte a chilometro zero. Speriamo di avere presto anche nuovi spazi e un cantiere più grande“.

Il sottosegretario ai Trasporti Edoardo Rixi, all’uscita dal vertice che ha preceduto la conferenza stampa, ha parlato dei tempi del Decreto Genova, che il governo Conte dovrebbe licenziare entro la prossima settimana o almeno prima del salone nautico.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Renzo Piano e il nuovo ponte per Genova: “Dovrà durare mille anni” Ingegneri.info