Riversimple Urban Car, ecco la open source a idrogeno | Ingegneri.info

Riversimple Urban Car, ecco la open source a idrogeno

wpid-2857_riversimpleurbancar.jpg
image_pdf

E’ in arrivo l’auto ecologica open source. Il prototipo del mezzo, ribattezzato Riversimple Urban Car, è stato presentato pochi giorni fa alla Somerset House, nel cuore di Londra, e pare proprio esser riuscito a conquistare l’attenzione dei media di tutto il mondo. Costruito con materiali ultraleggeri, totalmente riciclabili, che conferiscono un peso di soli 350 kg, è realizzato dalla Riversimple, società inglese fondata dal Hugo Spowers. Tra i finanziatori del progetto figura anche Sebastian Piech, pronipote di Ferdinand Porsche, fondatore della nota casa automobilistica tedesca.

Non più grande di una smart, la Riversimple Urban Car è la prima vettura low-cost alimentata a idrogeno, equipaggiata con una cella a combustibile da 6 kw e 4 motori elettrici indipendenti, ognuno dei quali è collegato a una delle quattro ruote. I motori in questione, ovviamente, sono alimentati con un dispositivo chiamato fuel cell da 6 Kw: un trasformatore che permette di convertire direttamente l’energia chimica dell’idrogeno in energia elettrica. Le prestazioni dichiarate parlano di una velocità massima di 80 km/h, autonomia di 400 km con un pieno e 106 km con un litro. Altrettanto sorprendenti i dati riguardanti l’impatto ambientale: la piccola due posti immette nell’aria solo 30 g di CO2. Ancora più interessante è il prezzo. E’ previsto un leasing con un costo di 200 sterline al mese circa 230 euro.

{GALLERY}Gli schemi per realizzare la propria Urban Car saranno disponibili on-line. La cosa più strabiliante del progetto, infatti, risulta esser non tanto la tecnologia quanto la filosofia adottata: opensource. “I segreti della nostra auto – commenta Hugo Spowers, presidente di questa nuova realtà con radici ramificate fra le università di Oxford e Cranfield – saranno a disposizione di tutti”.
I creatori della prima macchina completamente a idrogeno daranno vita a un modello di business completamente nuovo. La compagnia Riversimple dichiara di voler distribuire i dettagli necessari per la produzione della vettura a una quarantina di fondazioni no-profit in giro per il mondo che lo metteranno in rete a disposizione di tutti. La macchina verrà quindi ricreata localmente magari, spiegano dall’azienda, “cambiando qualcosa” per venire incontro alle esigenze locali.

In una fase successiva alla presentazione di una prima serie di prototipi (una decina di unità), la Riversimple Urban Car sarà realizzata dalla Riversimple per degli esperimenti in ambito urbano: Cambridge e Peterborough sono le città scelte per la fase di studio su strada. Prima di poter mettere le mani su questo gioiello eco-tecnologico si dovrà aspettare qualche anno. La casa ritiene di poter essere in grado di commercializzare la sua Urban Car a partire dal 2013.

Copyright © - Riproduzione riservata
Riversimple Urban Car, ecco la open source a idrogeno Ingegneri.info