Shell Eco-Marathon: in gara i due prototipi degli studenti di ingegneria Polito | Ingegneri.info

Shell Eco-Marathon: in gara i due prototipi degli studenti di ingegneria Polito

Due prototipi composti dagli studenti d’ingegneria del Politecnico di Torino parteciperanno alla 33a Shell Eco-marathon Europe, dedicata a veicoli ad alta efficienza energetica

image_pdf

I team H2politO – molecole da corsa e H2politO – molecules going hybrid, composti dagli studenti d’ingegneria del Politecnico di Torino parteciperanno alla 33° edizione della Shell Eco-marathon Europe, la gara che si svolge nell’ambito del festival “Make the Future Live” al Queen Elizabeth Olympic Park di Londra dal 25 al 28 maggio.
Obiettivo della Shell Eco-marathon è incoraggiare i giovani delle scuole superiori e delle università di tutto il mondo ad ideare e costruire veicoli ad alta efficienza energetica. All’edizione 2017 parteciperanno 192 team provenienti da 27 Paesi europei, impegnati per più di un anno alla progettazione e alla costruzione di veicoli futuristici che si sfideranno sul circuito urbano londinese per decretare chi riuscirà a percorrere la maggior distanza possibile con l’equivalente di un litro di carburante o un kWh di energia.

Due le categorie di veicoli previste:
URBAN CONCEPT nella quale le auto sono create secondo i criteri più convenzionali
PROTOTIPI dove è possibile testare vetture capaci di ridurre la resistenza e massimizzare l’efficienza del motore, favorendo anche lo sviluppo di design avveniristici.
Già nell’edizione 2016 il team H2polit0 – molecole da corsa ha ottenuto ottimi risultati con il veicolo “IDRAkronos”, classificatosi 1° nella categoria prototipi alimentati a idrogeno, percorrendo 737 km con un solo metro cubo di combustibile, una distanza maggiore di quella che separa Torino da Roma. Anche il veicolo XAM ha ottenuto ottimi risultati classificandosi al 5° posto nella categoria Urban Concept – Etanolo.

Per l’Italia parteciperanno quest’anno 5 team composti da studenti provenienti da 4 Regioni: Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Sicilia con 3 veicoli nella prima categoria e 2 nella seconda.
Nello specifico, i team piemontesi sono formati da 70 ragazzi e ragazze di età compresa tra i 19 e i 25 anni provenienti da quasi tutti i corsi di laurea di ingegneria: autoveicolo, meccanica, aerospaziale, gestionale, elettronica, meccatronica, ingegneria dei materiali e informatica.

Il team H2politO – molecole da corsa concorrerà nella categoria Prototipi con il veicolo “IDRAkronos” composto da una monoscocca autoportante in fibra di carbonio e alimentato da una Fuel-cell ad Idrogeno da 500 W e da un motore elettrico brushed ad alta efficienza da soli 250 W. Mentre il team H2politO – molecules going hybrid gareggerà nella categoria UrbanConcept con il veicolo a etanolo “XAM” (Extreme Automotive Mobility), l’unico veicolo biposto e ibrido che parteciperà alla competizione. Questo dispone di due motori per la propulsione: un motore endotermico monocilindrico di 50 cc a quattro tempi alimentato ad etanolo e un motore elettrico, secondo uno schema di ibrido parallelo (parallel hybrid).

Dal 2008 la gara rappresenta per noi un’opportunità per approfondire le conoscenze teoriche apprese in aula” commentano Giuseppe Basso e Michele Galfrè, i due team leader delle squadre del Politecnico. “Sebbene lo spirito della partecipazione sia sempre stato orientato alla vittoria, il semplice fatto di prendere parte alla gara permette un arricchimento culturale e professionale estremamente rilevante”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Shell Eco-Marathon: in gara i due prototipi degli studenti di ingegneria Polito Ingegneri.info