Sicurezza ferroviaria: quali sono le principali cause di incidenti? | Ingegneri.info

Sicurezza ferroviaria: quali sono le principali cause di incidenti?

Distrazione, errato comportamento umano e mancato rispetto del Codice della Strada sono le principali cause di incidenti stardali e ai passaggi a livello. In occasione della giornata internazionale di informazione e sensibilizzazione promossa dall’UIC, si parla di sicurezza ferroviaria e nuove tecnologie di Protezione Automatica Integrativa - Passaggi a Livello (PAI-PL)

Sicurezza_passaggi a livello
image_pdf

La sicurezza ferroviaria in Europa (non solo italiana, dunque) è al centro della Campagna promossa dall’UIC (Union Internationale des Chemins de Fer) in occasione della decima edizione di ILCAD (International Level Crossing Awareness Day), la giornata internazionale di informazione e sensibilizzazione dei passaggi a livello, a cui il Gruppo FS ha aderito con convinzione, diffondendo sia il messaggio sia i dati della campagna.

Distrazione, errati comportamenti abitudinari nell’attraversare i binari quando le barriere sono chiuse ed il mancato rispetto del Codice della Strada (art. 147), delle norme e della segnaletica stradale. Sono queste le principali cause di incidenti, anche mortali, che sempre più frequentemente coinvolgono automobilisti, ciclisti e pedoni spesso indisciplinati o che distratti da smartphone e dispositivi elettronici, sottovalutano i rischi connessi all’attraversamento di un passaggio a livello, in corso di chiusura o chiuso, mettendo in pericolo la propria vita e quella degli altri utenti della strada.

Proprio la distrazione causata dall’utilizzo di smartphone e altri dispositivi, è stata il tema centrale di questa decima edizione di ILCAD (International Level Crossing Awareness Day) e l’UIC (Union Internationale des Chemins de Fer) quest’anno si è concentrata sul messaggio “Young level crossing users”, con dati presentati il 7 Giugno a Zagabria (Croazia) allo scopo di informare i cittadini sui comportamenti sicuri da adottare in prossimità dei passaggi a livello, rivolgendosi in particolare alle persone con età compresa tra i 15 e i 35 anni.

ILCAD infatti, ben rappresenta alcuni obiettivi da sempre nel DNA dell’UIC, mettendo a disposizione la propria competenza tecnica al fine di migliorare globalmente i vantaggi del trasporto su rotaia e con l’obiettivo di rendere l’offerta di trasporto più affidabile tramite la gestione intelligente delle interfacce tra le linee ferrate e il settore stradale sui passaggi a livello.

Quali sono i dati che preoccupano negli incidenti stradali e ferroviari?

Il comportamento umano è il fattore principale delle collisioni stradali. Spesso gli errori dei conducenti derivano da stanchezza, stress, consumo di prodotti farmaceutici o semplicemente da un eccesso di velocità, ma è proprio  per l’uso inappropriato di dispositivi elettronici, soprattutto da parte di individui “iperconnessi” di età compresa tra i 15 e i 35 anni, che negli ultimi anni si riscontrano i dati più preoccupanti.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) infatti, gli incidenti stradali sono la principale causa di morte di adolescenti e persone con età compresa tra i 15 e i 29 anni, stimando che il 48% dei decessi dovuti al traffico stradale globale coinvolge persone di età compresa tra i 15 e i 44 anni.

Tra questi anche il numero di decessi in corrispondenza dei passaggi a livello che, nonostante sia basso rispetto alla somma degli incidenti stradali (1% nell’UE), rappresentano comunque il 28% di tutti gli incidenti mortali ferroviari. A confermarlo sono i dati del 2017 che con 27 incidenti ai passaggi a livello ed un bilancio di sei morti e quattro feriti infatti, attestano un leggero aumento rispetto al 2016, ove si erano contati 21 incidenti, con cinque morti e cinque feriti.

Dati preoccupanti questi, che portano a far sottolineare a Renato Mazzoncini, Presidente UIC e Amministratore Delegato di FS Italiane, che “ è importante sensibilizzare i cittadini europei sui pericoli dei passaggi a livello e sull’importanza di rispettare le regole per un corretto attraversamento. Quest’anno ancor di più, visto che parliamo alle giovani generazioni, spesso protagoniste di incidenti che hanno nella distrazione e nell’uso di smartphone o auricolari le principali cause. Il Gruppo FS Italiane è impegnato da anni per diffondere a ogni livello la cultura della sicurezza affinché nessuno metta in pericolo la propria vita e quella degli altri. Inoltre, circa venti anni fa abbiamo avviato un piano per eliminare i passaggi a livello e su quelli ancora attivi stiamo installando tecnologie di ultima generazione per mitigare gli effetti del mancato rispetto delle regole. L’obiettivo è sempre la sicurezza del sistema ferroviario nel suo complesso”.

Arrivano nuove tecnologie per la sicurezza ai passaggi a livello

Con lo scopo di rilevare la presenza di ingombri sui binari in prossimità delle barriere e bloccare immadiatamento la circolazione ferroviaria fino alla completa risoluzione dell’anormalità qualora quest’ultima si dovesse verificare, le compagnie ferroviarie si impegano ad installare dei sistemi di Protezione Automatica Integrativa – Passaggi a Livello (PAI-PL) sui passaggi a livello per i quali non è stato ancora trovato un accordo con gli Enti Locali per la loro eliminazione.

A che punto è l’adeguamento della rete ferroviaria in Italia?

Concentrando l’attenzione sull’Italia, la rete ferroviaria nazionale (lunga 16.787 km) conta al 2017, 4.518 passaggi a livello, di cui 812 affidati alla responsabilità diretta di privati. Rete Ferroviaria Italiana, Gestore dell’infrastruttura nazionale, con interventi finanziati dallo Stato con appositi fondi e concordati con gli Enti Locali (Regioni, Province e Comuni), è impegnata da anni nel piano di eliminazione dei passaggi a livello, sostituendoli  con opere di viabilità alternative e realizzando tutte le nuove linee ferroviarie senza quest’ultimi, sopprimendo nel 2017, 102 incroci fra strada e ferrovia, di cui 69 in consegna a privati, con un investimento complessivo di circa 60 milioni di euro e prevedendo nel 2018 l’eliminazione di altri 125 passaggi a livello, di cui 86 in consegna a privati con un investimento complessivo di circa 100 milioni di euro.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Sicurezza ferroviaria: quali sono le principali cause di incidenti? Ingegneri.info