Il Gruppo Nazionale di Bioingegneria premia l'innovazione al Polimi | Ingegneri.info

Il Gruppo Nazionale di Bioingegneria premia l’innovazione al Polimi

Prima edizione di Switch2Product, premio che seleziona i progetti più innovativi nel settore della bioingegneria e delle biotecnologie

Ingegneria biomedica
image_pdf

Il Congresso del Gruppo Nazionale di Bioingegneria (GNB) – evento che ogni due anni riunisce i bioingegneri italiani al Politecnico di Milano – ha introdotto quest’anno Switch2Product (S2P), il premio per selezionare i migliori progetti di innovazione tecnologica nel settore delle biotecnologie. S2P intende valorizzare idee che provengono dalla ricerca e che possono ottenere un brevetto e, grazie a un percorso di accelerazione imprenditoriale, costituire un’impresa innovativa.

Il premio è curato dal Technology Transfer Office (TTO) di Polimi e da PoliHub, l’Innovation District & Startup Accelerator gestito dalla Fondazione Politecnico di Milano.

Switch2Product: i premiati

Tre i progetti vincitori:

  • Bac3Gel, un gel per coltivare in laboratorio batteri utili per la ricerca. Il gel permette di imitare la matrice extracellulare presente nel tessuto vivente e di fare ricerca in modo più realistico. Il progetto è nato dalla collaborazione tra il gruppo di ricerca della professoressa Paola Petrini e della dottoressa Daniela Pacheco del Politecnico di Milano con l’università di Torino e l’Università di Pavia. Autori: Daniela Pacheco, Paola Petrini, Federico Bertoglio, Natalia Suarez Vargas, Livia Visai, Sonja Visentin
  • MUSHA, un dispositivo antropomorfico prensile per la chirurgia laparoscopica mini-invasiva. Consente, attraverso una guida inserita nel corpo del paziente, di eseguire interventi complessi restituendo al chirurgo sensazioni riguardo la consistenza dei tessuti su cui sta intervenendo. Sostituisce la mano del chirurgo, garantendo la stessa destrezza e capacità sensoriale. Il progetto è dell’Università Federico II di Napoli. Autori: Fanny Ficuciello, Mario Selvaggio, Umberto Bracale, Giuseppe Fontanelli, Huan Liu, Satwinder Singh
  • UBSD, un dispositivo per consentire a pazienti disabili o anziani di attivare interruttori a distanza mediante controllo vocale.  Il progetto è stato realizzato da un gruppo di ricercatori e studenti della laurea in ingegneria biomedica del Politecnico di Milano. Autori: Lorenzo Niero, Federico Raimondo, Stefano Dalla Gasperina, Luigi Privitera, Giandomenico Caliandro, Alessandra Pedrocchi.

I 3 vincitori saranno supportati dal TTO del Polimi e da PoliHub, per valutare le potenzialità imprenditoriali e di brevettabilità dei progetti proposti.


La migliore idea di divulgazione scientifica proposta da studenti si è guadagnata una menzione speciale. Si tratta di Cardioflip, un gioco per bambini che si propone di educare a una maggiore conoscenza del sistema cardiovascolare.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Il Gruppo Nazionale di Bioingegneria premia l’innovazione al Polimi Ingegneri.info