HortExtreme, orto marziano made in Italy, vince il Premio ECOtechGREEN | Ingegneri.info

HortExtreme, orto marziano made in Italy, vince il Premio ECOtechGREEN

HortExtreme è un orto green design completamente made in Italy, prototipo per coltivazioni idroponiche high-tech. È già stato testato all'interno del progetto Amadee-18, finalizzato a missioni spaziali su Marte.

Il Presidente Mattarella - in una recente visita al centro ENEA Casaccia - di fronte al prototipo di HortExtreme
Il Presidente Mattarella - in una recente visita al centro ENEA Casaccia - di fronte al prototipo di HortExtreme
image_pdf

Il progetto HortExtreme, condotto in partnership da ENEA, Agenzia Spaziale Italiana e Università di Milano, ha vinto il Premio ECOtechGREEN indetto da Paysage per il miglior prototipo di verde high-tech (19 i concept candidati). HortExtreme è stato selezionato “per dimensione, strategia e proposta rappresentando possibili nuove ispirazioni per lo sviluppo futuro del progetto del paesaggio”.

Il Premio ECOtechGREEN è promosso dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, dal network Paysage e dalla rivista Paysage Topscape, in collaborazione con Padova Fiere.

Leggi anche: la casa ecosostenibile stampata in 3D e made in Italy

L’orto green design e high-tech per le missioni spaziali

HortExtreme è un sistema per coltivazioni idroponiche verticali che si compone di 4m2 di superficie divisi su quattro livelli, due per la germinazione e due per la crescita. È dotato di luci a led e inserito in una tenda gonfiabile. È progettato per la coltura di microverdure, che ricevono luce e nutrimento a intervalli regolari sulla base delle rilevazioni effettuate da un innovativo sistema di sensori operante in tempo reale; il metodo di coltivazione idroponico utilizzato è definito “ad allagamento” (la base è un grande vassoio con un substrato inerte) e permette di ottenere parametri finalizzati a un’alimentazione sana e a un’alta qualità nutrizionale. Telecamere high-tech completano il monitoraggio della crescita e sviluppo.

A ritirare il premio vinto da HortExtreme è stato – in rappresentanza di ENEA, Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e Università di Milano – Luca Nardi, realizzatore del prototipo e ricercatore del Laboratorio Biotecnologie dell’ENEA. La consegna del riconoscimento è avvenuta in occasione del Forum internazionale ECOtechGREEN dedicato al verde tecnologico. A proposito di riconoscimenti: nella sua recente visita al Centro Ricerche ENEA Casaccia, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visionato personalmente il prototipo di HortExtreme.

L’innovativo orto green design made in Italy era già stato protagonista lo scorso febbraio in Oman, insieme ad altri 15 esperimenti internazionali, del progetto Amadee-18. Coordinato dall’Austrian Space Forum, è finalizzato alla simulazione delle condizioni climatiche di Marte, con l’obiettivo di testare strumenti per future missioni spaziali. A fornire microverdure fresche – amaranto, cavolo cappuccio, senape e ravanello – è stato proprio Hortextreme. I risultati delle sperimentazioni di Amadee-18 saranno diffusi nel 2019.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
HortExtreme, orto marziano made in Italy, vince il Premio ECOtechGREEN Ingegneri.info