Internet cento volte piu' veloce grazie al grafene | Ingegneri.info

Internet cento volte piu’ veloce grazie al grafene

wpid-17675_grafenebath.jpg
image_pdf

L’impiego del grafene nelle telecomunicazioni potrebbe far diventare la velocità di internet cento volte superiore a quella attuale: a spiegare come è un articolo apparso su Physical Review Letters e relativo a una ricerca del Centro per la scienza del grafene della University of Bath, tra le più avanzate strutture al mondo per lo studio in questo ambito.

Ogni giorno grandi quantità di informazioni vengono trasmesse e processate attraverso dispositivi optoelettronici, come ad esempio fibre ottiche, fotorivelatori e laser. I segnali sono inviati da fotoni a lunghezze d’onda infrarosse e elaborati utilizzando convertitori ottici, che li tramutano in una serie di impulsi luminosi. Normalmente questo processo di risposta avviene in pochi ‘picosecondi‘, ovvero in circa un trilionesimo di secondo. Nello studio della Bath University gli scienziati hanno osservato che impiegando pochi strati di grafene in questi dispositivi la velocità di risposta scende di circa cento ‘femtosecondi‘, vale a dire cento volte più rapidamente dei materiali correnti.

Il grafene ha il vantaggio di essere incredibilmente resistente nonostante abbia lo spessore di un solo atomo. Gli scienziati sostengono che per rompere un singolo foglio di grafene ci vorrebbe ‘un elefante in equilibrio su una matita’. Già definito ‘materiale dei miracoli’ per le sue proprietà quali flessibilità, conduttività, leggerezza e basso costo, il grafene adesso potrebbe rivoluzionare anche il settore delle telecomunicazioni.

“Abbiamo osservato un tasso di risposta superveloce utilizzando grafene a pochi strati”, spiega il capo ricerca Enrico Da Como. “Questa risposta veloce è nella parte infrarossa dello spettro elettromagnetico, dove sono già in corso di sviluppo parecchie applicazioni nelle telecomunicazioni, sicurezza e persino medicina che modificheranno sensibilmente la nostra società”.

Le strade aperte da questa ricerca non si arrestano qui: secondo il team sulla lunga distanza di potrebbe anche arrivare a impiegare il grafene per sviluppare laser a cascata quantica, che sono laser a semiconduttori impiegati nel monitoraggio dell’inquinamento, spettroscopia e sicurezza.  

Copyright © - Riproduzione riservata
Internet cento volte piu’ veloce grazie al grafene Ingegneri.info