Poliba, innovazione e lavoro a servizio del territorio | Ingegneri.info

Poliba, innovazione e lavoro a servizio del territorio

Seconda edizione dei DigiLab, progetto dedicato a 50 under 35 per sei mesi alle prese in una full immersion tra formazione e progettazione di nuove idee e prodotti: bando online in scadenza il 5 novembre

digilab aula 2017-18 (2)
image_pdf

Una apposita formazione, non convenzionale, di sei mesi, finalizzata alla generazione di nuove idee di business nei settori: green economy, agroalimentare, industria, commercio, sanità, pubblica amministrazione, turismo, entertainment, volontariato, beni culturali, ricerca è il percorso che propone DigiLab – contamination lab. Il Politecnico di Bari è sempre attivo nella ricerca dell’innovazione, in tutte le sue forme. La partecipazione a questo percorso è aperta, e anche chi non è in possesso di una laurea in ambito tecnico può candidarsi.

Da Bari il DigiLab per la contaminazione di esperienze

DigiLab è un progetto del Politecnico di Bari, al suo secondo anno di vita, finalizzato alla realizzazione di idee innovative per lo sviluppo dell’economia e del territorio. Esso intende favorire la cultura imprenditoriale attraverso la contaminazione di competenze di giovani e di esperti provenienti da vari contesti, arricchendo la tradizionale formazione universitaria con metodi originali ed applicati alle attuali esigenze del mondo contemporaneo. Un’attenzione particolare è rivolta alla digital economy applicata ai settori citati.
DigiLab si rivolge a 50 giovani, più 5 uditori, under 35 che possono essere:

  • iscritti ad un corso di laurea triennale, magistrale o a ciclo unico;
  • studenti stranieri in mobilità internazionale;
  • laureati, dottori di ricerca, iscritti ad un corso di dottorato, ad una scuola di specializzazione o ad un master universitario di qualsiasi università.

Si accede mediante un bando di selezione per l’ammissione. Per partecipare occorre compilare il form on line entro il prossimo 5 novembre. I candidati alla selezione devono presentare domanda di ammissione al DigiLab utilizzando l’apposito modulo online e allegare il proprio curriculum vitae in formato Europeo e una lettera motivazionale, con descrizione delle proprie inclinazioni, ragioni della scelta e aspettative della partecipazione al DigiLab. È previsto un contributo di partecipazione di 290 euro, dilazionabile in tre rate.

Il programma didattico di DigiLab

Il corso si svolgerà a Bari nella sede del Politecnico nel cuore del borgo antico (Isolato 47, Strada Lamberti, 13) e in sedi itineranti (altre Università, Enti, Imprese, Associazioni) nell’arco di 6 mesi e consisterà di almeno 375 ore di lavoro. È previsto un calendario di seminari più fitto nei mesi invernali (2-3 a settimana), mentre nei mesi primaverili ci sarà più lavoro di gruppo finalizzato allo sviluppo di idee imprenditoriali innovative.
Il Programma didattico si compone di quattro tematiche:

  • Contaminazione Creativa, nella quale i partecipanti sperimentano metodologie e tecniche disupporto alla creatività;
  • Contaminazione Digitale, nella quale i partecipanti si focalizzano sulle opportunità delle nuove tecnologie digitali abilitanti nei vari settori socio-economici;
  • Contaminazione Territoriale, nella quale i partecipanti interagiscono in modo dinamico con gli attori del territorio per far emergere opportunità di innovazione;
  • Innovation proposal, ove ai partecipanti si forniscono gli strumenti per sviluppare le proprie idee per trasformarle in progetti di innovazione economica e sociale, in modo che possano confrontarsi con gli stakeholders e cogliere opportunità come stage, collaborazioni e finanziamenti.

Nella parte di Innovation proposa”, i partecipanti, raggruppati in team e supportati da mentor e coach esperti, svilupperanno un’idea progettuale di attività innovativa che potranno presentare e discutere anche in eventi pubblici appositamente organizzati. In particolare, si prevede per alcuni team l’affiancamento ad imprese partner, con le quali i team potranno sviluppare idee di business coerenti con il business aziendale secondo una logica di open innovation, sotto con guida di un project manager dell’impresa e di un senior consultant del Digilab.
I partecipanti avranno a disposizione tavoli da lavoro e strutture open spac”, strumenti e attrezzature tecnologiche idonee allo sviluppo delle proprie idee, nonché accesso a tutte le risorse fisiche e virtuali disponibili presso il DigiLab.

DigiLab, tra storia e innovazione nell’Isolato 47 del Poliba, sede di lavoro e studio nel cuore del borgo antico di Bari

DigiLab, tra storia e innovazione nell’Isolato 47 del Poliba, sede di lavoro e studio nel cuore del borgo antico di Bari

I costi relativi alle trasferte dei partecipanti per visite al di fuori delle sedi istituzionali del DigiLab, così come le dotazioni tecnologiche a loro disposizione e gli interventi di formazione e coaching, sono sostenuti dal Politecnico di Bari.
Ai partecipanti che avranno superato con esito positivo l’intero percorso di apprendimento sarà riconosciuto un numero massimo di crediti formativi universitari (CFU) pari a quindici, e sarà altresì rilasciato un attestato finale.

La sfida finale di DigiLab

Si prevede inoltre una competizione finale nella quale ai primi classificati potranno ricevere premi in denaro, visibilità e percorsi di affiancamento per lo sviluppo delle idee di business.

Il Politecnico di Bari, nello svolgimento del corso, si avvarrà del contributo di diversi partner locali, nazionali ed internazionali, tra cui Università, Imprese, Distretti Tecnologici e Produttivi, Associazioni No Profit, Ospedali, Enti pubblici, Operatori del credito e della finanza, Incubatori.
DigiLab appartiene alla rete italiana dei CLab – Contamination Lab, supportati dal Ministero Istruzione, Università, Ricerca. Può contare su un solido partenariato costituito da imprese, multinazionali, distretti tecnologici, incubatori, come PoliHub del Politecnico di Milano, I3P-Politecnico di Torino, altri “contamination labs” italiani ed esteri.

Copyright © - Riproduzione riservata
Poliba, innovazione e lavoro a servizio del territorio Ingegneri.info