La creatività italiana in California | Ingegneri.info

La creatività italiana in California

wpid-6071_losangelesskyline.jpg
image_pdf

Creatività italiana al cento per cento. Progetti di business che abbracciano settori diversi: fotovoltaico, sport, monitoraggio ambientale, e-commerce, applicazioni per mobile, risparmio, interfacce neurali, servizi cloud. E poi arrivano dal nord ma anche dal sud della Penisola. Sono otto le aziende scelte dal Selection Commettee della Mind the Bridge Foundation per la fase finale dell’omonima competizione per business plan che si terrà in America a marzo e aprile 2011.

“Con le finaliste di quest’anno, saranno 30 le startup che dal 2008 hanno approfittato del ponte Italia-USA che stiamo sviluppando – commenta Marco Marinucci, fondatore di Mind the Bridge – Più di 100 startup hanno seguito training a vari livelli mentre la comunità affiliata MTB supera le 4.000 persone tra imprenditori, investitori e manager.”

Ma chi sono e da dove vengono i protagonisti italiani dell’evento californiano? eRalos3 (Catania) è un’ azienda che propone cellule fotovoltaiche (PV) flessibili integrate ai capi di abbigliamento e capaci di soddisfare i bisogni energetici di piccoli dispositivi elettronici portatili (come cellulari, lettori Mp3); Fubles.com (Milano) è un social network per lo sport sharing, che consente di iscriversi alle partite sportive organizzate nella propria zona con giocatori dello stesso livello, grazie a un sistema di valutazione “a pagelle”; Minteos (Torino) è una piattaforma per il monitoraggio ambientale con reti di sensori wireless – WSN, sviluppata per prevenire i disastri ambientali e poi estesa al monitoraggio in campo industriale, energetico e agricolo; Mopapp (Bologna) è un sistema di tracciamento e di analisi vendite per applicazioni mobile che permette di confrontare quanto queste vendano nei diversi store, nazioni, sistemi operativi o modelli di device; Porcovino (Cagliari) è una piattaforma di social e-commerce che intende portare sul mercato globale i tesori nascosti del wine&gourmet italiani di qualità di piccoli-medi produttori, con particolare focus sui contenuti e sulla user experience; Risparmiosuper (Milano) è un sito che permette di comparare i prezzi dei prodotti presenti nei supermercati della Grande Distribuzione Italiana e poter scegliere così il supermercato più conveniente; Smania (Pisa) è un progetto di spin-off specializzata nella ricerca, progettazione e sviluppo di interfacce neurali innovative che consentano una comunicazione bidirezionale tra il sistema nervoso periferico e dispositivi esterni come le protesi; infine Xapio (Salt Lake City, Utah – Genova) è un servizio cloud per la ricerca e l’acquisizione di informazioni autorizzate condivise da più utenti e collegate a particolari temi.

“Dalla nostra Business Plan Competition e dal Venture Camp esce un gruppo di startup veramente interessante ed eterogeneo” – segnala Alberto Onetti, Chairman di Mind the Bridge Foundation – “Abbiamo scelto 7 progetti che spaziano dalla life science e clean technology fino ad arrivare ad applicazioni web con ricadute in diversi ambiti, incluso quello dell’entertainment. Tutti i progetti selezionati hanno un potenziale interessante. La possibilità di partecipare al Gym, il nostro programma di incubazione in Silicon Valley, permetterà loro di fare il salto di qualità”.

Copyright © - Riproduzione riservata
La creatività italiana in California Ingegneri.info