La ricerca italiana per il maxi-progetto sulla fusione nucleare | Ingegneri.info

La ricerca italiana per il maxi-progetto sulla fusione nucleare

wpid-21155_spider.jpg
image_pdf

Con un convegno presso l’Area della ricerca del Consiglio nazionale delle ricerche di Padova, prende il via oggi 24 gennaio 2014 l’attività di installazione degli impianti che svilupperanno il ‘cuore‘ del reattore a fusione nucleare Iter, presso il Padova Research Iter Megavolt Accelerator – Prima.

Il progetto Iter (International Thermonuclear Experimental Reactor) punta a realizzare il primo reattore sperimentale a fusione, in fase di costruzione in Francia, per dimostrare la fattibilità della produzione di energia da fusione. L’Italia è coinvolta nel progetto, finanziato da Unione Europea, Giappone, Russia, Stati Uniti, Cina, Corea e India, come parte del Consorzio Rfx (composto da Cnr, Infn, Università di Padova, Enea e Acciaierie Venete), incaricato di realizzare nell’Area Cnr padovana la macchina “Spider”, il prototipo della sorgente di atomi, e la macchina “Mitica” che completa la sorgente con il sistema di accelerazione da 1 MV (un milione di Volt).

Insieme a ricercatori giapponesi, europei ed indiani, gli scienziati padovani affronteranno una grande sfida tecnologica e scientifica: produrre un fascio di neutri accelerati a 1 MeV (un milione di elettronvolt) con una potenza di 16 MW, in grado di rimanere attivo per un’ora ad ogni accensione. La potenza di questo fascio di particelle sarà l’elemento fondamentale per riscaldare il plasma di Iter, dando il via al processo di fusione nel reattore. Il Cnr, attraverso il Consorzio Rfx, si occupa inoltre dello sviluppo di un sistema di protezione dei magneti superconduttori e di un sistema di alimentazione per il controllo veloce della configurazione magnetica.

L’investimento italiano per il progetto Prima è per ora di 20 milioni di euro, a fronte di investimenti per un valore di 200 milioni di euro in attrezzature scientifiche, a carico del progetto Iter. Con la presentazione delle attività si punta, inoltre, ad illustrare all’industria le opportunità di partecipazione a commesse per la fornitura dei componenti.

Copyright © - Riproduzione riservata
La ricerca italiana per il maxi-progetto sulla fusione nucleare Ingegneri.info