Le Societa' tra professionisti sono soltanto 54 | Ingegneri.info

Le Societa’ tra professionisti sono soltanto 54

wpid-21077_stp.jpg
image_pdf

Si è tenuto il 17 gennaio 2014 il convegno “Società tra professionisti, le strutture societarie divengono a pieno titolo strumento di esercizio dell’attività professionale: potenzialità e limiti”, organizzato dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili con il Consiglio notarile di Milano.

L’obiettivo dell’incontro è stato quello di risolvere le molte criticità ancora presenti delineando un quadro completo della materia: dallo scenario normativo alle modalità di trasformazione di uno studio professionale in Stp, dall’analisi pratica degli statuti agli aspetti fiscali, previdenziali e disciplinari.

Aprendo i lavori Alessandro Solidoro, presidente dell’Odcec di Milano ha voluto sottolineare “la necessità di fare chiarezza sul tema delle Stp, che ad oggi risentono ancora di una normativa incerta, in particolare dal punto di vista previdenziale e dell’organizzazione funzionale. Le Stp, volute soprattutto dal legislatore, non rispondono alle reali esigenze dei professionisti ed evidentemente nemmeno a quelle dei soci di capitale. Tutto ciò nonostante il momento storico richieda aggregazione di funzioni e suddivisione di costi per essere competitivi in un mercato che necessita di risposte sempre più complesse. La sfida è: chiarire il contesto normativo per vedere se ci sarà un reale decollo”.

Secondo i dati forniti da Unioncamere negli ultimi due mesi, e cioè da metà novembre, il numero delle Stp iscritte nella sezione speciale del registro delle imprese è praticamente raddoppiato. “Questo è sicuramente un buon segno – ha affermato Arrigo Roveda, presidente del Consiglio notarile di Milano -, ma si tratta comunque di numeri molto bassi, se pensiamo che il totale ad oggi è di sole 54 società tra professionisti. E’ evidente quindi che servono gli sforzi di tutti, e questo convegno concepito e promosso con l’Ordine dei Commercialisti vuole essere un esempio concreto, per cercare di trovare soluzioni adeguate ai problemi e alle criticità di cui soffre questo istituto, in modo da favorirne un uso più ampio, in linea con la volontà del legislatore”.

Per Mauro Nicoli, presidente della Commissione albo, tutela e ordinamento di Odcec Milano, “l’evoluzione dell’ordinamento giuridico italiano ha conosciuto dal 2001 un’accelerazione in tema di esercizio della professione in forma associata con la costituzione delle società tra avvocati”. Ha inoltre ricordato che nel 2006 la legge Bersani ha posto le basi per una successiva evoluzione sino alla Legge n. 183. Il concreto esercizio delle attività delle Stp è regolamentato dal dm n.34 dell’8 febbraio 2013, che rappresenta la fonte primaria per disciplinare l’attività degli ordini professionali nella delicata fase di valutazione di ammissibilità di iscrizione delle Stp.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Le Societa’ tra professionisti sono soltanto 54 Ingegneri.info