Mediterranean Engineering Group: nona edizione in Turchia | Ingegneri.info

Mediterranean Engineering Group: nona edizione in Turchia

wpid-17079_MEGAnkara.jpg
image_pdf

La capitale turca Ankara, attraversata da scontri e manifestazioni contro il premier Erdogan, ha ospitato il 4 e 5 giugno scorsi la nona edizione del MEG – Mediterranean Engineering Group – il vertice che riunisce le associazioni e le società di ingegneria dei Paesi della sponda nord e sud del Mediterraneo.

Marocco, Grecia, Turchia, Portogallo, Spagna, Italia e Francia. Questi i Paesi delle sette associazioni di ingegneria che si sono date appuntamento nella metropoli turca per condividere la situazione dei mercati nazionali ed esplorare opportunità di cooperazione nell’area del Mediterraneo.

L’Oice, che è tra i membri fondatori e che ha ospitato a Roma la prima edizione del 2005, ha partecipato con una delegazione guidata dal consigliere e responsabile della Campania, Giovanni Kisslinger, e composta da Francesco Ruvidi (Studio KR – Napoli), Fausto Bisi (Dune – Reggio Emilia), Francesco Fiermonte e Marco Ragusa dell’Ufficio internazionale dell’associazione.

Il vertice, organizzato dalla turca Atcea – Association of turkish consulting engineers and architects, si è sviluppato in due sessioni di lavoro. Nella prima sono state presentate le opportunità di business connesse all’Unione per il Mediterraneo e ai progetti World Bank nell’area mediterranea, gli strumenti di marketing dell’Efca (European federation of engineering consultancy associations) e la prossima conferenza Fidic (Federazione internazionale delle associazioni e delle società di ingegneria), dal 15 al 18 settembre a Barcellona. La seconda sessione è stata dedicata a presentazioni tematiche nei settori dello sviluppo sostenibile e dell’antisismica.

Per l’Oice, la società Dune ha svolto un intervento sull’approccio italiano alle tecnologie antisismiche e al restauro di monumenti danneggiati dal terremoto. La società turca In-Arch, partecipata dalla italiana Studio KR, ha fatto una presentazione sull’isolamento sismico e tecnologie strutturali di monitoraggio sanitario.

“Il MEG –  ha detto il coordinatore della missione Kisslinger – si conferma una straordinaria opportunità di contatti per le società e un network importante per sviluppare partnership operative. Per l’Oice può diventare un utile strumento per favorire la costituzione di reti multinazionali e quindi il processo di internazionalizzazione”. “Tuttavia – ha detto Ruvidi di Studio KR – bisogna rendere operativa la proposta di un database di società di ingegneria MEG per favorire la ricerca dei partner e condividere informazioni su progetti e appalti”

L’incontro si è chiuso con l’impegno di strutturare al meglio la comunicazione interna ed esterna del MEG e di avviare una fase costituente per istituzionalizzare un appuntamento che sarà sempre più essenziale per l’ingegneria mediterranea.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Mediterranean Engineering Group: nona edizione in Turchia Ingegneri.info