Crediti formativi ingegneri 2018: autocertificazione Cfp per pubblicazioni, brevetti e commissioni | Ingegneri.info

Crediti formativi ingegneri 2018: autocertificazione Cfp per pubblicazioni, brevetti e commissioni

Autocertificazione Cfp: le disposizioni del testo unico entrato in vigore il 1 gennaio 2018 sul conseguimento di crediti formativi professionali per pubblicazioni, brevetti e commissioni

Autocertificazione cfp
Autocertificazione cfp
image_pdf

Formazione professionale obbligatoria e conseguimento dei Cfp (crediti formativi professionali):  dal 1 gennaio 2018 è in vigore il testo unico (leggi qui il Regolamento integrale) del Cni che determina l’aggiornamento della competenza professionale per gli ingegneri e sostituisce le disposizioni precedenti (vedi la circolare n.722 27 aprile 2016).

In questo articolo vediamo come il testo unico si esprime in merito alla computazione di crediti formativi professionali nell’ambito di pubblicazioni, brevetti e commissioni.

Crediti formativi ingegneri: autocertificazione Cfp

L’Agenzia Nazionale della Certificazione delle Competenze istituita dal Cni (denominata Agenzia CERTING) assicura il riconoscimento di 15 Cfp/anno per 3 anni a partire da quello di conseguimento dell’apposita certificazione. Certificazioni emesse da soggetti diversi dall’Agenzia Nazionale permettono il riconoscimento di Cfp solo se rilasciate da un ente certificatore qualificato, riconosciuto tramite l’inserimento in apposito elenco tenuto dal Cni.

Spetta al Cni, su richiesta dell’ente certificatore, stabilire il numero di crediti formativi professionali riconosciuti, da un minimo di 5 fino a un massimo di 15 Cfp/anno. I Cfp riconosciuti per la certificazione delle competenze emessa da soggetti diversi dall’Agenzia CERTING sono caricati nell’Anagrafe Nazionale dall’Ente certificatore riconosciuto dal Cni. In caso di certificazioni multiple possono essere acquisiti un massimo di 15 Cfp/anno.

Per ottenere il riconoscimento di 15 Cfp/anno per l’aggiornamento informale legato all’attività professionale dimostrabile, in conformità con la tempistica prevista annualmente da apposita circolare del Cni, gli iscritti devono inviare la relativa autocertificazione dei Cfp all’Anagrafe Nazionale, attestando le azioni di aggiornamento svolte.

Occorre compilare la relativa modulistica e inviarla telematicamente all’Anagrafe Nazionale dei crediti entro il 31 gennaio dell’anno successivo, eccettuate eventuali proroghe concesse dal Cni e comunicate mediante circolare. In nessun caso sono accettate istanze tardive.

Indice degli argomenti:

Cfp per articoli su rivista

Cfp per manuali, libri, monografie, ricerche e studi

Cfp per contributi su volume

Cfp per brevetti

Cfp per partecipazione qualificata a organismi, gruppi di lavoro, commissioni tecniche

Cfp per la partecipazione a commissioni di esami di stato per l’esercizio della professione di ingegnere

Cfp per partecipazione a interventi di carattere sociale 

Crediti formativi ingegneri e articoli su rivista

Sono riconosciuti 2.5 Cfp per articoli della lunghezza minima di 5000 caratteri (spazi esclusi) pubblicati su riviste indicizzate da SCOPUS o Web of Science e/o comprese tra quelle riconosciute dall’ANVUR per l’area di ricerca Area 8 – Ingegneria civile e architettura – e Area 9 – Ingegneria industriale e dell’informazione.

Sono altresì riconosciuti 2.5 crediti formativi professionali per articoli pubblicati su riviste del Cni (L’Ingegnere Italiano, Il Giornale dell’Ingegnere) e/o inserite in apposito elenco aggiornato ogni anno dal Cni. La data da considerare per l’attribuzione dei Cfp è quella di pubblicazione della rivista.

Crediti formativi ingegneri per manuali, libri, monografie, ricerche e studi

Sono computati 5 Cfp per la pubblicazione di manuali, libri, monografie, ricerche e studi (escluse le curatele) i cui autori siano indicati in copertina.

Vanno assolte le formalità previste dall’ ex art. 1 D.Lgs. n. 660 del 1945 (ogni stampatore ha l’obbligo di consegnare – prima di porli in commercio o in diffusione e senza che alcuna copia sia rimessa al committente o ad altra persona – quattro esemplari di ogni stampato o pubblicazione alla prefettura della Provincia nella quale ha sede l’ufficio grafico e un esemplare alla locale procura della Repubblica) e quelle previste dall’ex art. 2 L. 8 febbraio 1948, n. 47 (ogni esemplare delle pubblicazioni e degli stampati soggetti all’obbligo della consegna deve portare, sul frontespizio o sull’ultima pagina del testo, l’esatta e ben visibile indicazione del nome e del domicilio legale dello stampatore e dell’editore, nonché dell’anno di effettiva pubblicazione).

Crediti formativi ingegneri per contributi su volume

Sono computati 2.5 Cfp per articoli di lunghezza di 5000 caratteri o più (spazi esclusi) pubblicati su volumi per i quali siano assolte le formalità previste sia dall’ ex art. 1 D.Lgs. n. 660 del 1945, sia da quelle previste dall’ex art. 2 L. 8 febbraio 1948, n. 47. Gli atti di convegno sono esclusi.

Crediti formativi ingegneri per brevetti

Ogni brevetto dotato di attestato di concessione emesso dall’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM), o da equivalente struttura per brevetti internazionali vale 10 Cfp. La data da prendere in considerazione ai fini dell’attribuzione dei Cfp è quella dell’emissione dell’attestato di concessione.

I crediti formativi professionali sono concessi anche all’inventore – oltre che al titolare – purché indicato nel brevetto. Per il riconoscimento va compilata la relativa modulistica, da inviare poi tramite piattaforma telematica all’Anagrafe Nazionale dei crediti entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento. Eventuali proroghe concesse dal Cni sono comunicate mediante apposita circolare.

Crediti formativi ingegneri per partecipazione qualificata a organismi, gruppi di lavoro, commissioni tecniche

Si ottengono 5 Cfp/anno per la partecipazione qualificata a organismi, gruppi di lavoro, commissioni tecniche istituite da: Ministeri, Regioni, Provincie, Comuni, UNI (Ente Italiano di Normazione), Consiglio superiore lavori pubblici, CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) ed equivalenti italiani ed esteri.

L’incarico dev’essere stato ricoperto per almeno 6 mesi nel corso dell’anno solare e l’attività connessa dev’essere stata effettivamente svolta. Va compilata la relativa modulistica, da inviare telematicamente all’Anagrafe Nazionale dei crediti entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, eccettuate proroghe concesse dal Cni e comunicate mediante circolare. In nessun caso sono accettate istanze tardive.

Il Cni può riconoscere ulteriori commissioni /gruppi di lavoro (sempre con apposita circolare). Non sono attribuiti Cfp per partecipazioni a commissioni di gara e collaudo.

Crediti formativi ingegneri per la partecipazione a commissioni di esami di stato per l’esercizio della professione 

Sono riconosciuti 3 Cfp per singola sessione di esame di stato (come anno di riferimento si considera quello della sessione di esame). I Cfp sono assegnati a membri effettivi e aggregati. I supplenti, ai fini della computazione, devono aver partecipato ai lavori nella sessione d’esame.

Va compilata la relativa modulistica, da inviare telematicamente all’Anagrafe Nazionale dei crediti entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, eccettuate proroghe concesse dal Cni (comunicate con circolare).

Crediti formativi ingegneri per partecipazione a interventi di carattere sociale 

Sono riconosciuti Cfp per la partecipazione a interventi di carattere sociale/umanitario/in occasione di calamità naturali, individuati di volta in volta dal Cni con provvedimento apposito. Il Cni, autonomamente o di concerto con l’Ordine territoriale, specifica le modalità di riconoscimento, nonché il numero dei Cfp computabili.

Sullo stesso tema:

Crediti formativi ingegneri 2018: ottenere i Cfp con corsi di formazione e seminari

Crediti formativi ingegneri 2018: ottenere i Cfp in convegni, fiere, congressi e dimostrazioni tecniche

Crediti formativi ingegneri 2018: ottenere Cfp con stage, Master in Ingegneria, dottorati ed eventi all’estero

Crediti formativi ingegneri 2018: ottenere Cfp con formazione erogata dal datore di lavoro

Crediti formativi ingegneri 2018: esonero dalla formazione professionale obbligatoria

Crediti formativi ingegneri 2018. Formazione a distanza: come funziona

Crediti formativi ingegneri 2018: controlli e sanzioni

Crediti formativi ingegneri 2018: la guida completa

Copyright © - Riproduzione riservata
Crediti formativi ingegneri 2018: autocertificazione Cfp per pubblicazioni, brevetti e commissioni Ingegneri.info