Ddl concorrenza approvato alla Camera: le richieste delle società di ingegneria | Ingegneri.info

Ddl concorrenza approvato alla Camera: le richieste delle società di ingegneria

Il testo del Ddl concorrenza è passato alla Camera con la dibattuta norma che riconosce la legittimità delle società di ingegneria a operare nel privato. E che le stesse, ascoltate al Senato, chiedono di confermare

societa_di_ingegneria
image_pdf

“Confermare la norma sulla legittimità dei contratti privati delle società di ingegneria”: è la richiesta che ha avanzato l’Oice, l’Associazione delle società di ingegneria e di architettura aderente a Confindustria, in audizione presso la commissione attività produttive del Senato nell’ambito del disegno di legge annuale per la concorrenza e il mercato e, in particolare, sul contenuto dell’articolo 46, che disciplina la validità dei contratti privati delle società di ingegneria.

“Il positivo confronto con la Commissione siamo certi che poterà ad un sereno esame della norma che, diversamente da quanto affermato improvvidamente da qualcuno, non sana nulla perché nulla c’è da sanare”, ha dichiarato Patrizia Lotti, l’ingegnere presidente dell’Oice. Il riferimento è evidentemente alla protesta avanzata dalle professioni tecniche attraverso i rispettivi consigli nazionali (e la Rete di coordinamento), per le quali le società di ingegneria non sarebbero state legittimate a operare nel privato poiché non tenute a rispettare obblighi deontologici che attengono, al contrario, alle professioni. La questione era espressa nel testo precedente nell’art. 31, che invece nel testo approvato alla Camera è diventato l’art. 46 e che, se approvata al Senato senza alcuna modifica, confermerà la posizione delle società di ingegneria contro le motivazioni delle professioni.

“Dal ’97 le società di ingegneria possono legittimamente operare nel privato come ha detto già nel 2005 la giurisprudenza e come ha di recente confermato anche il tribunale di Bologna con la sentenza del 7 agosto scorso”, spiega Lotti. “L’auspicio è quindi che la si faccia finita con la contro informazione demagogica e corporativa e si consenta al legislatore di esaminare la equilibrata disposizione varata alla Camera tenendo conto del quadro normativo vigente, del raffronto con le norme UE e con la giurisprudenza, nonché della palese differenza esistente fra società di ingegneria e società tra professionisti. Tutti elementi illustrati in commissione e di cui confidiamo saranno valutate con equilibrio.”

Oltre alla conferma dell’art. 46, il presidente Oice ha sottolineato l’importanza della disposizione anche per quanto riguarda l’introduzione anche per il settore privato dell’obbligo di polizza e di indicazione nominativa del professionista responsabile della prestazione (oltre ad un elenco presso l’Anac di società di ingegneria).

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Ddl concorrenza approvato alla Camera: le richieste delle società di ingegneria Ingegneri.info