Gli ingegneri liberi professionisti sempre più al margine | Ingegneri.info

Gli ingegneri liberi professionisti sempre più al margine

La libera professione attira sempre meno le nuove generazioni, del resto i volumi d'affari (e i redditi) sono crollati. L'analisi durante il Congresso nazionale degli ingegneri

ingegere
image_pdf

In Italia ci sono poco più di 103.000 ingegneri che operano nel campo della libera professione, dei quali 78.313 esercitano tale attività in via esclusiva, mentre i restanti lavorano al contempo sia come liberi professionisti che come lavoratori dipendenti. Se il numero degli ingegneri che esercitano la libera professione ha continuato a crescere anche negli anni recenti, il tasso di incremento si è progressivamente ridotto, a sottolineare la scarsa attrattività di questo tipo di lavoro.

Questo dato va letto in parallelo con un’altra valutazione: mentre il numero di immatricolati e di laureati nelle facoltà di ingegneria è andato aumentando, si è ridotto drasticamente il numero di giovani ingegneri (con meno di 35 anni) che intendono operare come liberi professionisti, mentre paradossalmente negli ultimi anni il contributo alla crescita del numero di ingegneri liberi professionisti è stato dato dagli over 35 (ma anche over 40) che espulsi dal mercato del lavoro dipendente hanno deciso di operare come liberi professionisti. Se gli ingegneri con meno di 35 anni neo iscritti ad Inarcassa erano poco più di 4.000 nel 2005, nel 2014 si sono attestati a circa 2.700 unità.

Indagine Centro studi Cni su dati Inarcassa

Indagine Centro studi Cni su dati Inarcassa

A fare il punto sul rapporto tra ingegneri e libera professione è una tavola rotonda organizzata all’interno del contesto del 60° Congresso nazionale degli ingegneri, a Venezia dal 30 settembre al 2 ottobre 2015. Durante la tavola rotonda, dedicata al tema “Fare professione: mercato, competizione e ricambio generazionale”, è stata presentata una ricerca del Centro studi Cni che approfondisce l’argomento.

“I liberi professionisti – ha commentato Armando Zambrano, Presidente del Cni – sono il segmento dell’ingegneria italiana maggiormente colpito dalla lunga crisi iniziata nel 2008. Una crisi che ha trasformato il settore da elemento di punta del terziario, caratterizzato da elevato reddito, ad un
comparto che rischia un serio processo di marginalizzazione. Si profila già oggi un problema di ricambio generazionale, che tuttavia nasconde trasformazioni ben più profonde e problematiche”.

Indagine Centro studi Cni su dati Inarcassa

Indagine Centro studi Cni su dati Inarcassa

Ad esempio, quelle economiche. Tra il 2008 ed il 2014 il volume d’affari complessivo delle attività professionali svolte da ingegneri ha registrato una flessione senza precedenti: -19%, praticamente i i volumi del 2003. A colpire è il fatto che oggi poco più di 78.000 liberi professionisti realizzano ciò che nel 2003 realizzavano 46.000 ingegneri. Il mercato si è drammaticamente ridotto, proprio quando il numero degli operatori è quasi raddoppiato. Parallelamente il reddito medio degli ingegneri liberi professionisti è passato dagli oltre 40.000 euro del 2007 ai 32.309 euro del 2014.

Indagine Centro studi Cni su dati Inarcassa

Indagine Centro studi Cni su dati Inarcassa

“La libera professione nel campo dell’ingegneria – ha dichiarato Luigi Ronsivalle, Presidente del Centro Studi Cni – ha rappresentato per decenni uno dei comparti più ricchi nel segmento delle attività professionali. Anche grazie agli elevati livelli di competenza tecnica che l’ingegneria ha sempre espresso ed esprime tuttora. Tuttavia, il completo stravolgimento dei numeri impone ora una riflessione profonda. Occorre chiedersi innanzitutto quali politiche servono per recuperare un settore in crisi ma di cui il Paese non può fare a meno. D’altra parte, è necessario che l’intero sistema della libera professione ingegneristica si dia da fare per riorganizzarsi, riposizionarsi e innovare”.

Secondo l’indagine effettuata dal Centro Studi Cni, gli ingegneri liberi professionisti indicano le seguenti priorità: ridurre il peso della tassazione sul reddito professionale e rilanciare un piano efficace e trasparente di investimenti in opere pubbliche, che permettano ai liberi professionisti di operare nel campo più consono che è quello della progettazione.

D’altra parte, gli ingegneri interpellati si rendono conto che il ritorno alla crescita, collettiva e individuale, dipende anche da un processo di riorganizzazione e di innovazione dell’attività professionale attraverso la costituzione di reti tra professionisti, nuove modalità di condivisione di competenze differenti attraverso il coworking, attraverso strumenti innovativi di progettazione come il BIM (Building Information Modelling). “

Gli ingegneri italiani – ha aggiunto Ronsivalle – si rendono perfettamente conto di dover adeguare ai tempi il loro modo di fare professione. Tuttavia, occorre denunciare la scomparsa da ogni agenda politica di una visione e di un intervento organici per il lavoro professionale. Siamo di fronte ad un vero e proprio disarmo della politica verso questo vasto segmento del mercato del lavoro e del tessuto produttivo del Paese. Qualunque provvedimento assunto negli ultimi anni in materia di lavoro ha riguardato in modo quasi esclusivo il lavoro dipendente. Compreso il Jobs Act”.

“La nostra indagine – ha concluso Ronsivalle – mostra come gli ingegneri liberi professionisti chiedano sgravi sui redditi da lavoro, incentivi per investimenti necessari allo svolgimento della professione, misure sostanziali di welfare, apertura vera a bandi di gara sia in ambito europeo che in ambito regionale a sostegno dell’attività professionale, possibilità di partecipare a Contratti di rete. Su tutti questi temi sinora il mondo della politica si è mostrato latitante”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Gli ingegneri liberi professionisti sempre più al margine Ingegneri.info