Iscrizione in un ulteriore settore della stessa Sezione dell'albo: il parere del Ministero di Giustizia | Ingegneri.info

Iscrizione in un ulteriore settore della stessa Sezione dell’albo: il parere del Ministero di Giustizia

image_pdf

Iscrizione in un ulteriore settore della stessa Sezione dell’albo: il parere del Ministero di Giustizia

Con la circolare n. 175 del 22 ottobre scorso inviata ai Consigli degli Ordini ed alle Federazioni e/o Consulte regionali degli ingegneri, il Consiglio nazionale degli ingegneri ha trasmesso la risposta pervenuta dalla Direzione Generale della Giustizia Civile del Ministero della Giustizia sulla questione delle domande di iscrizione in un ulteriore settore della medesima sezione dell’albo da parte di soggetti privi del corrispondente titolo di studio.

Il Consiglio nazionale, infatti, a seguito della pronuncia del Tar Puglia, Sezione lecce, 4 dicembre 2007 n.4154, aveva richiesto una pronuncia delle Autorità ministeriali competenti in materia, facendo così fronte alle richieste di numerosi ordini provinciali perplessi di fronte a siffatte situazioni.

La risposta del Ministero della Giustizia è giunta con la nota del 13 ottobre 2008 in cui il medesimo precisa che gli ingegneri iscritti in un settore dell’Albo possono chiedere l’iscrizione ad altro settore della medesima sezione soltanto se sono in possesso del titolo accademico previsto dall’articolo 47 del D.P.R. n. 380/2001 e, pertanto gli ordini provinciali devono procedere alla cancellazione di coloro che sono stati iscritti in base al superamento dell’esame di stato ma in assenza del corrispondente titolo di studio.

Scarica la circolare

Copyright © - Riproduzione riservata
Iscrizione in un ulteriore settore della stessa Sezione dell’albo: il parere del Ministero di Giustizia Ingegneri.info