Le tariffe professionali “infiammano” il Congresso Ingegneri 2016 in corso a Palermo | Ingegneri.info

Le tariffe professionali “infiammano” il Congresso Ingegneri 2016 in corso a Palermo

È ancora la questione dell’abolizione delle tariffe professionali a scaldare i delegati durante un intervento del presidente Antitrust Giovanni Pitruzzella nel corso del 61° Congresso degli Ordini degli Ingegneri

tariffe professionali ingegneri
image_pdf

Zambrano: “Non chiediamo il ripristino delle tariffe obbligatorie. Tuttavia, occorre fare una riflessione seria sulla qualità delle prestazioni professionali e il corretto valore che ad esse va dato”. L’annosa questione delle tariffe professionali ha infiammato il dibattito nella sessione mattutina dei lavori odierni del 61° Congresso degli Ingegneri. È accaduto nel corso dello svolgimento del modulo “Conoscenza, competitività, competenze nel mercato del futuro”, moderato dal giornalista La7 Andrea Pancani, al quale hanno partecipato Angelo Ciribini (Consigliere Building Smart Italia), Francesco Paolo Lamantia (Scuola politecnica Università di Palermo), Giovanni Pitruzzella (Presidente Autorità garante della concorrenza e del mercato) e Giuseppe Santoro (Presidente Inarcassa).

Sollecitato sul tema delle tariffe, Pitruzzella ha tenuto a sottolineare che sulla loro abolizione non si torna indietro. L’affermazione ha scaldato la platea dalla quale sono arrivate molte voci di dissenso e anche diverse domande allo stesso Pitruzzella, a dimostrazione del fatto che per gli ingegneri italiani – al pari di altri professionisti tecnici – l’abolizione delle tariffe rappresenta un nervo ancora scoperto. In un intervento fuori programma il Presidente del CNI Armando Zambrano ha detto: “Nessun professionista europeo attualmente ha gli obblighi ai quali sono sottoposti i professionisti italiani. Noi la riforma l’abbiamo fatta fino in fondo. Ora, non chiediamo il ripristino delle tariffe obbligatorie. Tuttavia, occorre fare una riflessione seria sulle prestazioni professionali e il corretto valore che ad esse va dato. Tutto questo a garanzia della qualità della prestazione e, quindi, delle esigenze dei committenti”.

Al di là del tema delle tariffe, Pitruzzella ha proposto una riflessione più generale sul rapporto col CNI. “Serve un confronto tra noi – ha detto -. Il mondo è cambiato radicalmente. Ci sono problemi da risolvere ma anche molte opportunità. Credo che le professioni in questo avranno un ruolo fondamentale se sapranno cambiare i loro modelli organizzativi”.

La sessione di lavoro è stata caratterizzata anche da un interessante scambio tra il Presidente Inarcassa Santoro e Zambrano. Il Presidente CNI ha sollecitato Inarcassa a stringere ulteriormente il rapporto di collaborazione tra le due istituzioni, trovando una certa disponibilità. Sotto la conduzione di Andrea Pancani, nella seconda parte della mattina si è tenuto anche il terzo modulo dei lavori congressuali “Ambiente, sostenibilità, territorio”. Il giornalista ha raccolto i contributi di Lorenzo Bellicini (Direttore Cresme), Maurizio Delfanti (Dipartimento Energia Politecnico Milano) e Maurizio Tira (Presidente Centro Nazionale Studi Urbanistici).

Copyright © - Riproduzione riservata
Le tariffe professionali “infiammano” il Congresso Ingegneri 2016 in corso a Palermo Ingegneri.info