Periti industriali, ecco il bando per l'abilitazione | Ingegneri.info

Periti industriali, ecco il bando per l’abilitazione

Sono validi i praticantati pregressi: il Miur ha indetto la sessione 2018 degli esami di ammissione alla professione di perito industriale e di perito industriale laureato

perito industriale
image_pdf

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, IV serie speciale concorsi ed esami, n. 41 del 25 maggio 2018, l’ordinanza del Ministero dell’istruzione, università e ricerca che indice la sessione degli esami di abilitazione alla professione di perito industriale e di perito industriale laureato.
C’è tempo fino al 24 giugno 2018 per presentare la domanda di ammissione.

Periti industriali: chi può accedere all’abilitazione

All’esame di abilitazione possono partecipare coloro che:

  • hanno conseguito un diploma di istruzione tecnica e concluso un tirocinio di 18 mesi presso uno studio di un professionista o un’azienda;
  • i laureati triennali, quelli quinquennali (vecchio e nuovo ordinamento) nelle classi indicate dall’ordinanza Miur che hanno concluso un tirocinio di 6 mesi svolto, in tutto o in parte, durante il corso di studi universitario.

Possono altresì fare domanda per sostenere l’esame di abilitazione tutti coloro che, dopo il diploma d’istruzione tecnica, hanno iniziato il praticantato presso un professionista o un’azienda, o per tutti coloro che sono stati assunti come dipendenti, svolgendo mansioni inerenti alla professione di perito industriale, prima del 14 agosto 2012.

In particolare per i primi quel periodo di praticantato, anche concluso nel 2012, resta valido ai fini dell’ammissione all’esame di abilitazione, e per i secondi c’è la possibilità di potersi iscrivere con i requisiti maturati in passato, facendosi riconoscere quel periodo di attività ai fini della pratica professionale anche senza la preventiva (ora obbligatoria) iscrizione al registro dei praticanti. Un’opportunità da non perdere, perché l’alternativa è di maturare un nuovo periodo di 18 mesi di tirocinio.

Modalità di iscrizione all’esame di abilitazione

Le sessioni d’esame sono calendarizzate per il 29 e il 30 novembre 2018. Per candidarsi bisogna inviare richiesta all’ordine competente secondo la propria residenza, indirizzandola però al capo dell’istituto tecnico presso il quale si terrà la sessione dell’esame di abilitazione a perito industriale. Questo dato è riportato nella tabella A del provvedimento pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Nell’allegato compaiono anche la modulistica da compilare, i programmi oggetto d’esame a seconda dell’indirizzo prescelto e le classi di laurea che permettono di accedere all’abilitazione all’albo dei periti industriali e dei periti industriali laureati.

Le domande devono pervenire al collegio di appartenenza con queste modalità
a) tramite posta elettronica certificata –  PEC all’indirizzo: [email protected] – fa fede la stampa che documenta  l’inoltro della PEC;
b) a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento: fa fede il timbro dell’ufficio postale accettante, cui compete la spedizione;
c) a mano: fa fede l’apposita ricevuta che viene rilasciata agli interessati  sia  dall’istituto  scolastico  sia  dal  collegio, redatta su carta intestata, recante la firma  dell’incaricato alla ricezione delle istanze, la data di presentazione  ed  il  numero di protocollo.

Bisogna versare 49,58 euro di tassa di ammissione agli esami più 1,55 euro di contributo all’istituto scolastico che ospita la sessione d’esame e 16 euro di marca da bollo, da apporre sulla domanda di ammissione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Periti industriali, ecco il bando per l’abilitazione Ingegneri.info