Ricostruzione post sisma: i temi dell'assemblea degli ingegneri volontari | Ingegneri.info

Ricostruzione post sisma: i temi dell’assemblea degli ingegneri volontari

Il 17 febbraio a Rieti l'atteso incontro tra la Rete degli ingegneri volontari dell'Ipe, il Consiglio nazionale ingegneri e la Protezione CIvile. I temi in programma e le proposte di revisione sulle ordinanze del Commissario alla ricostruzione

(Fonte Foto: Safety Engineering)
(Fonte Foto: Safety Engineering)
image_pdf

Venerdì 17 febbraio a Rieti si terrà l’assemblea della Rete dei volontari dell’Ipe, il gruppo formato dagli ingegneri volontari specializzati in gestione tecnica dell’emergenza sismica, rilievo del danno e agibilità. Si tratta dell’incontro richiesto a gran voce e annunciato nelle scorse settimane con una lettera aperta indirizzata alla Presidente dell’IPE, Patrizia Angeli, al Presidente del CNI Armando Zambrano, al Commissario Straordinario per la Ricostruzione, Vasco Errani e al capo del Dipartimento di Protezione Civile Fabrizio Curcio.

Nella lettera veniva espresso, da parte degli ingegneri volontari, il disappunto per le ultime ordinanze del commissario che, secondo la Rete, “hanno delegato ai privati l’onere della redazione della scheda Aedes, innescando meccanismi poco virtuosi che, tra l’altro, hanno finito per demotivare l’intera platea dei tecnici volontari facendo percepire alla popolazione colpita dal sisma un senso di totale abbandono”.

“I tecnici volontari”, si legge nella nota che presenta l’incontro, “convinti delle ragioni che, in questa occasione, hanno condotto al fallimento dell’originario sistema ideato dalla protezione civile (nel quale continuano a credere) e che tale fallimento sia solo in parte riconducibile all’elevato numero di istanze derivanti dal susseguirsi di ulteriori eventi sismici significativi, oltre quello del 24 agosto 2016, per valorizzare le loro proposte e confrontarsi con i centri decisionali, hanno deciso di riunirsi in un’assemblea venerdì 17 febbraio, nella sala dei Cordari, in via Arco dei Ciechi, 22 a Rieti”.

Un incontro che si presenta non come “un’occasione di protesta quanto un momento di confronto con le istituzioni per offrire il risultato delle loro analisi”, e al quale Ingegneri.info sarà presente.

A seguire, i volontari saranno impegnati in 5 giorni di campagna sui territori colpiti dal sisma, tra sopralluoghi e compilazioni di schede Aedes e Fast, dal 18 al 21 febbraio.

All’incontro del 17 parteciperanno il Consiglio Nazionale degli Ingegneri con il Presidente Armando Zambrano, l’associazione IPE, quale braccio operativo del CNI nell’emergenza, il Dipartimento della Protezione Civile, attraverso i funzionari tecnici impegnati nell’emergenza e l’Ufficio per la Ricostruzione con i propri rappresentanti.

Rete_IPE

L’Assemblea avrà i seguenti argomenti all’ordine del giorno:

  • Ordinanza n. 10 del 19/12/2016, riflessioni sull’opportunità di modificare, in fase emergenziale, la procedura per la compilazione delle Aedes e probabili conseguenze della delega ai professionisti incaricati dai privati della compilazione della stessa;
  • Ordinanza n.12 del 10/01/2017, criticità scaturite dall’accavallamento tra la fase del rilievo e censimento del danno e quella del conferimento degli incarichi legati alla ricostruzione;
  • Proposta di una procedura alternativa con la formazione di squadre miste Aedes-Fast;
  • Proposta sulla flessibilità dei turni, sul lavoro preparatorio nei COC, sulla logistica;
  • Discussione sull’opportunità di rendere IPE un’Associazione di Protezione Civile;
  • Ulteriori proposte per incentivare l’azione dei volontari;
  • Analisi e stima dei tempi per la chiusura di questa prima fase emergenziale

Leggi anche: Agibilità post sisma, critiche e proposte degli ingegneri volontari

Copyright © - Riproduzione riservata
Ricostruzione post sisma: i temi dell’assemblea degli ingegneri volontari Ingegneri.info