Servizi di ingegneria senza esecuzione, gli importi aumentano d’estate | Ingegneri.info

Servizi di ingegneria senza esecuzione, gli importi aumentano d’estate

Prosegue il trend espansivo del mercato dei servizi di ingegneria in Italia, secondo il Cni. Occhio però: le fasce di valore più alte restano precluse ai professionisti più piccoli

image_pdf

È in crescita il mercato dei servizi di ingegneria in Italia. Anche i due mesi di luglio e agosto, infatti, registrano un sensibile aumento degli importi messi a gara. In base ai dati elaborati dal Centro Studi del Consiglio Nazionale Ingegneri, tra luglio e agosto sono state bandite gare senza esecuzione per un totale di quasi 100 milioni di euro: 65,5 milioni a luglio (circa il triplo di quanto rilevato nel mese di giugno e 5 volte più di quanto rilevato nel mese di luglio dello scorso anno) e 29 milioni ad agosto (più del doppio di quanto registrato nel mese di agosto del 2016). La crescita complessiva degli ultimi mesi appare peraltro molto consistente, dato che l’importo a base d’asta “cumulato” nei bandi per i servizi di ingegneria e architettura (senza esecuzione) nei primi otto mesi dell’anno è arrivato a sfiorare i 280 milioni di euro, mentre nel medesimo periodo dello scorso anno non raggiungeva, complessivamente 117 milioni di euro.

È opportuno evidenziare che il mercato, già in sensibile crescita dall’inizio dell’anno, ha proseguito la fase espansiva anche dopo l’entrata in vigore del Decreto Correttivo al Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs. 19 aprile 2017, n. 56) approvato dal Consiglio dei Ministri il 19 aprile ed entrato in vigore il 20 maggio. Il “Correttivo” ha modificato sostanzialmente lo stato delle cose con ampie ripercussioni, oltre che sull’andamento del mercato, anche sull’applicazione di alcune indicazioni previste dalla normativa. Ad esempio, la situazione è migliorata per quanto riguarda l’obbligo di utilizzo del decreto “Parametri” per la determinazione dei corrispettivi. Nei due mesi estivi, infatti, quasi il 58% dei bandi ha utilizzato correttamente i parametri contenuti nel D.M. 17 giugno 2016 per il calcolo del corrispettivo a base d’asta per le prestazioni professionali.

Ancora poco applicata risulta invece la norma che obbliga, “per motivi di trasparenza e correttezza”, di “riportare nella documentazione di gara il procedimento adottato per il calcolo dei compensi posti a base di gara, inteso come elenco dettagliato delle prestazioni e dei relativi corrispettivi”: solo il 18,3% allega correttamente lo schema di calcolo del corrispettivo. Non si rilevano importanti variazioni per quanto attiene ai ribassi di aggiudicazione: il ribasso medio si mantiene sui valori medi rilevati nel corso dell’anno, mentre si registra una leggera diminuzione del ribasso massimo con cui sono stati aggiudicate le gare: 60,1% nel mese di luglio, 57% ad agosto.

“Dopo circa tre mesi dall’entrata in vigore del Decreto Correttivo del Nuovo Codice Appalti – ha commentato Michele Lapenna, Consigliere CNI con delega ai lavori pubblici – possiamo sicuramente affermare che continua il trend positivo nel mercato dei Sia. Le modifiche apportate dal D.Lgs. n. 56/2017, in particolare per quanto riguarda l’attenuazione della impossibilità di ricorrere allo strumento dell’Appalto Integrato, non hanno avuto effetti negativi. Risultano, poi, molto positivi gli effetti prodotti dalla previsione contenuta nel ‘Correttivo’ circa l’obbligatorietà dell’uso del D.M. 17 giugno 2016 per la determinazione del base d’asta. Positivo anche l’andamento dei ribassi che nelle gare con l’offerta economica più vantaggiosa si attestano oramai attorno al 30%.
“Va sottolineato poi che la situazione relativa alle aggiudicazioni risulta diversificata. Si verifica un’apertura del mercato ai professionisti di piccole e medie dimensioni per importi molto bassi (inferiori ai 40mila euro e tra 40 e 100mila euro), mentre l’accesso alle fasce superiori ai 100.000 euro risulta ancora precluso. A questo proposito, occorrerà lavorare ancora molto per avere un mercato finalmente aperto ai professionisti, ponendo un limite all’attuale predominio delle società. Dovremo intervenire sui requisiti di partecipazione, al fine di ridimensionarli, ma soprattutto bisogna favorire nuovi modelli organizzativi per l’esercizio della nostra professione”.

Leggi anche: Il Correttivo Appalti punto per punto

Copyright © - Riproduzione riservata
Servizi di ingegneria senza esecuzione, gli importi aumentano d’estate Ingegneri.info