Progetto Rosee: la sicurezza stradale in Europa sud-orientale | Ingegneri.info

Progetto Rosee: la sicurezza stradale in Europa sud-orientale

wpid-20197_AutostradaA.jpg
image_pdf

Il progetto Rosee, Road safety in south east european regions, ha l’obiettivo di focalizzare l’attenzione sugli aspetti infrastrutturali e comportamentali della sicurezza stradale nelle regioni del Sud Est Europa.

Co-finanziato dal Programma di cooperazione transnazionale dell’Unione europea South east Europe, è stato messo a punto analizzando la sicurezza su strade primarie e secondarie di queste regioni e rilevando le principali criticità all’interno di specifiche tratte di interesse locale. In queste aree saranno, infatti, sviluppate azioni pilota al fine di proporre soluzioni per ridurre la criticità e sensibilizzare l’opinione pubblica a vari livelli.

“Rosee” coinvolge 9 partner provenienti da Bulgaria, Grecia, Italia, Romania, Slovenia e Ungheria, oltre a una decina di organizzazioni nazionali e internazionali in qualità di osservatori provenienti da molti altri paesi europei.

Capofila per l’Italia è Alot, Agenzia della Lombardia orientale per i trasporti e la logistica, che, in collaborazione con il Dipartimento di ingegneria civile, architettura, territorio, ambiente e matematica (Dicatam) dell’Università di Brescia, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Mit) e la Direzione generale per la sicurezza stradale, promuove un corso di due giorni sul tema della sicurezza stradale, programmato per i prossimi 12 e 13 dicembre. I temi centrali saranno la formazione introduttiva alla Road safety audit (Rsa) e alla Road safety inspection (Rsi), rivolte a ingegneri e tecnici del settore.

L’evento è stato pensato per coinvolgere i principali attori nazionali interessati allo sviluppo e alla promozione della sicurezza stradale, fra cui Anci, Upi, Anas, Aiscat, Aipcr, Astral, Consiglio nazionale ingegneri e l’Agenzia di Roma per la mobilità del Comune di Roma.

La giornata del 12 dicembre si focalizzerà sul tema del Road safety audit, ossia lo svolgimento di un’analisi nel progetto di una nuova strada per valutarne potenziali pericoli di incidenti e possibili prestazioni in termini di sicurezza. I temi verteranno su un approfondimento della normativa vigente nel nostro paese, delle attività di ispezione e delle metodologie valutative applicabili, con la presentazione anche di casi pratici e attività già realizzate.

Il 13 dicembre è invece prevista una giornata di formazione sulla Road safety inspection, ossia la valutazione di sicurezza su strade già esistenti e fruite: verranno approfonditi modalità di effettuazione delle ispezioni, anche attraverso attività già realizzate ed esempi di applicazione per l’analisi dei fattori di rischio con successiva, relativa proposta di interventi.

La partecipazione alle due giornate di formazione è gratuita e prevede la consegna di un certificato di partecipazione. Le iscrizioni, che dovranno pervenire entro lunedì 9 dicembre, si possono effettuare ai seguenti link, rispettivamente per il “Corso road safety audit” e per il “Corso road safety inspection”.

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Progetto Rosee: la sicurezza stradale in Europa sud-orientale Ingegneri.info