Si alza oggi il sipario dopo il restauro del teatro San Carlo di Napoli | Ingegneri.info

Si alza oggi il sipario dopo il restauro del teatro San Carlo di Napoli

wpid-4059_Home.jpg
image_pdf

Si  alza oggi  il sipario sul nuovo teatro San Carlo di Napoli. Antico e moderno si fondono nel teatro  partenopeo dopo i lavori di restauro terminati in tempi record.

Due anni di progettazione, duecento operai che hanno lavorato a turni alterni, giorno e notte per 330 giorni e 67 milioni di euro di investimento Il Teatro San Carlo venne costruito nel lontano 1737, ovvero  51 anni prima della Fenice e 41 della Scala di Milano.

L’intervento è stato  condotto sotto la direzione artistica dell’architetto Elisabetta Fabbri e la supervisione gruppo di specialisti ed esperti di livello internazionale che, pur rispettando le architetture originarie, ha puntato su una ristrutturazione all’avanguardia. I lavori di ristrutturazione interna hanno riguardato la sala, i palchi, il palcoscenico e tutti gli spazi interni: gli stucchi e tutti i rilievi decorativi e gli ori sono stati ripuliti, mentre i velluti hanno ripreso quella tonalità di rosso fiammeggiante voluta appositamente da Ferdinando II di Borbone.

Particolarmente apprezzato il  nuovo impianto di climatizzazione, il cui flusso d’aria raggiunge la platea attraverso una bocca posta sotto ognuna delle poltrone (in tutto 580) che soffia aria a meno di 20 decibel. 

Entro il 2012, grazie agli ulteriori 50 milioni di euro stanziati dalla Regione Campania, il San Carlo sarà dotato di sale sotterranee di registrazione, di nuove scale e di un nuovo foyer posto in un livello inferiore al sottopalco.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Si alza oggi il sipario dopo il restauro del teatro San Carlo di Napoli Ingegneri.info