Seoullo 7017 di MVRDV: se il cavalcavia da demolire diventa un parco | Ingegneri.info

Seoullo 7017 di MVRDV: se il cavalcavia da demolire diventa un parco

Un parco lineare di 1 km recupera un centrale cavalcavia della capitale coreana destinato alla demolizione e lo trasforma in un’enciclopedia a cielo aperto della fauna locale in cui sono esposte 24.000 piante di 228 specie

© Ossip van Duivenbode
© Ossip van Duivenbode
image_pdf

Seoullo 7017 è uno degli ultimi progetti firmati dagli olandesi MVRDV, è stato inaugurato a inizio maggio nella capitale della Corea del Sud ed è un giardino lungo quasi un chilometro che trasforma in un parco lineare il tracciato di un sovrappasso dismesso, e destinato alla demolizione, nel pieno centro della città.

La commessa arriva allo studio basato a Rotterdam, che attualmente è anche impegnato nella progettazione del sito di Almere Floriade (l’expo floreale che, fra i più importanti al mondo, si terrà nel 2022 nel centro dei Paesi Bassi posizionato di fronte ad Amsterdam) nel 2015, quando il Seoul Metropolitan Government bandisce allo scopo un concorso internazionale di progettazione.

Il progetto di Seoullo 7017 si inserisce a pieno titolo nella strategia che l’imponente capitale sudcoreana (abitata da oltre 10 milioni di persone) sta perseguendo per rendere il suo futuro più smart, tecnologico e sostenibile, impostata sul miglioramento della mobilità e una governance “partecipata” dai cittadini. E proprio parzialmente dal basso, da una consultazione tra cittadini, tecnici e istituzioni, è arrivata la decisione, che ripropone la strategia che a New York ha creato l’High Line di Diller Scofidio + Renfro lungo i binari della West Side Line in disuso, di non distruggere un’infrastruttura dismessa e trasformare i suoi quasi 10.000 mq di superficie in uno spazio pubblico, verde e pedonale.

Mettendo insieme sia la città di Seoul che gli anni di costruzione, il 1970, e della rinascita dell’infrastruttura, il 2017, il progetto interviene sul tracciato del Seoul Station Overpass, realizzato a 17 m di altezza per oltrepassare il complesso della stazione centrale e collegare veicolarmene due parti della capitale separate dai tracciati dei binari, il Namdaemun market a ovest, uno dei più importanti mercati tradizionali della città, e l’area dei parchi a est.

L’idea di MVRDV, che nel suo sviluppo è stato affiancato anche dagli olandesi Ben Kuipers (paesaggista) e Makkink & Bey (designer) e dai local architects DMP, basa la trasformazione sulla modularità e ripetibilità e attinge al progetto in via di sviluppo per Almere, adattato a contesto e dimensioni differenti.

Realizzato sulla struttura in cemento armato di un sovrappasso non più sicuro per il traffico veicolare ma ancora in grado di reggere il passaggio di una mobilità più lenta e leggera, il progetto del verde è senza dubbio la parte centrale di una trasformazione che è stata affiancata anche dalla realizzazione di spazi commerciali, di servizio e destinati alla ristorazione. La sua organizzazione ed esposizione si basa su un criterio quasi enciclopedico: 228 tra specie e sottospecie vegetali di cespugli, piccoli alberi, arbusti e fiori, appartenenti a 50 famiglie autoctone sono infatti organizzate in 645 vasche e aiuole circolari distribuite lungo la superficie del parco, per un totale di 24.000 piante che, come una biblioteca botanica a cielo aperto, raccontano la varietà della flora coreana secondo consultabile alfabeticamente.

Il risultato è la conclusione di un processo di rigenerazione urbana che agisce su un’area di piccole dimensioni (e di presenza piuttosto comune in molte città anche italiane) trasformandola in ancora innovativo generatore di verde e qualità urbana aperto solo ai pedoni, a cui si accede attraverso scale, rampe e ascensori di nuova realizzazione. Seoullo 7017, per la sua posizione centrale e la conferma del suo ruolo di infrastruttura che accorcia i tempi di attraversamento della stazione dei binari (ma anche per il prestigio dei suoi progettisti), diventerà anche un punto di attrazione per turisti e visitatori.

Oltre ad essere un progetto di rinnovamento del costruito all’interno del costruito con possibilità di ampliarsi ramificandosi in varie direzioni, Seoullo 7017 è anche uno spazio in grado di rinnovarsi e presentarsi in modi differenti. Il colore della componente vegetale cambierà infatti seguendo le stagioni, mentre il colore “artificiale” dato dal progetto illuminotecnico, realizzato da Viabizzuno e Nanam Ald che hanno punteggiato il percorso di luci led, i cui corpi illuminanti possono cambiare colore a seconda delle esigenze.

Leggi anche: Com’è percorrere la maxi scala di MVRDV a Rotterdam: il video

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Seoullo 7017 di MVRDV: se il cavalcavia da demolire diventa un parco Ingegneri.info