Rimozione Costa Concordia, a che punto siamo | Ingegneri.info

Rimozione Costa Concordia, a che punto siamo

wpid-22631_image.jpg
image_pdf

All’Isola del Giglio si lavora per raggiungere l’obiettivo della rimozione del relitto della Concordia il prima possibile, nel pieno rispetto dell’ecosistema marino e della vita socio-economica dell’isola. Attualmente sono oltre 290 i tecnici al lavoro, che nelle prossime settimane aumenteranno a fino a raggiungere circa 400 persone. Nei giorni scorsi, il Commissario per l’Emergenza Franco Gabrielli, il presidente dell’Osservatorio, Maria Sargentini, unitamente al sindaco di Isola del Giglio, Sergio Ortelli, e i rappresentanti di Costa Crociere hanno incontrato la popolazione per fornire gli ultimi aggiornamenti sullo stato di avanzamento del progetto di rimozione del relitto.

La prossima fase del progetto prevede l’installazione dei 19 cassoni mancanti, 15 sul lato di dritta e 4 sul lato mare, per raggiungere il totale di 30 necessari per il rigalleggiamento della Concordia. In vista di queste operazioni, i tecnici del Consorzio Titan Micoperi stanno lavorando all’installazione dei cosiddetti respingenti, che forniranno una base di appoggio per l’allineamento dei cassoni in corrispondenza delle aree danneggiate sul lato di dritta. Sempre su questo lato, si sta inoltre procedendo alla rimozione dei sistemi di messa in sicurezza invernali sul lato di dritta per consentire, appunto, le operazioni di installazione degli sponson.

I primi quattro cassoni, completi dei sistemi elettrico-penumatici necessari al loro funzionamento per il rigalleggiamento, sono stati già trasferiti dal terminal di Livorno a Marina di Carrara e gli altri seguiranno nei prossimi giorni. Partiranno poi verso Isola del Giglio già in posizione verticale pronti per essere installati.

Costa Crociere e il Consorzio Titan Micoperi stanno collaborando con le Autorità al fine di consentire le necessarie valutazioni sulla documentazione predisposta per questa fase del progetto. Attualmente, si prevede che il posizionamento dei primi cassoni possa avvenire entro la fine di aprile, previa autorizzazione da parte delle Autorità competenti. I cassoni saranno installati e agganciati sott’acqua con catene e cavi, con un’operazione complessa e sensibile alle condizioni atmosferiche. Una volta completata l’installazione dei primi due cassoni sarà quindi possibile verificare con maggiore precisione il cronoprogramma complessivo che, attualmente, indica il possibile rigalleggiamento del relitto a fine giugno.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rimozione Costa Concordia, a che punto siamo Ingegneri.info