Sesame: primo supermicroscopio in Medio Oriente per le scienze sperimentali | Ingegneri.info

Sesame: primo supermicroscopio in Medio Oriente per le scienze sperimentali

wpid-20095_sincrotrone.jpg
image_pdf

L’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn) e la collaborazione Sesame (Synchrotron-light for experimental science and applications in the Middle East) hanno siglato un memorandum d’intesa per la realizzazione di una sorgente di luce di sincrotrone in Giordania, la prima del Medio Oriente.

L’accordo è stato firmato ad Amman, in Giordania, in occasione dell’11° meeting di Sesame, appena concluso, durante il quale è stato proposto a Giorgio Paolucci, dirigente di ricerca di Elettra Sincrotrone Trieste, il ruolo di Direttore Scientifico del progetto.

Come sancisce l’intesa, Sesame sarà uno strumento dedicato alle scienze sperimentali: funzionerà come un potentissimo microscopio e avrà applicazioni in vari ambiti, dalle scienze della vita, ai beni culturali, alle nanotecnologie.

A Sesame, cui partecipano scienziati di Autorità Palestinese, Bahrein, Cipro, Egitto, Iran, Israele, Giordania, Pakistan e Turchia, l’Italia contribuisce attraverso l’Infn e Elettra, che forniranno alcune componenti dell’acceleratore e avranno il compito di formare il personale nei propri laboratori.

Come spiega Fernando Ferroni, presidente dell’Infn, “la firma dell’accordo e l’incarico di responsabilità offerto a Paolucci rafforzano la collaborazione tra il nostro Paese e Sesame, un progetto che, al di là della sua validità scientifica, è significativo per la funzione che riveste nel costituire un terreno di incontro tra nazioni spesso molto distanti”.

Infine, un finanziamento da 1 milione di euro per l’anno 2013 accordato dal Miur, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sul Fondo ordinario dell’Infn, concretizza la partecipazione italiana alla realizzazione di Sesame.

Copyright © - Riproduzione riservata
Sesame: primo supermicroscopio in Medio Oriente per le scienze sperimentali Ingegneri.info