Incidente in un cantiere stradale: chi è il responsabile? | Ingegneri.info

Incidente in un cantiere stradale: chi è il responsabile?

Nei casi di incidente all'interno di un cantiere strale, per individuare il soggetto responsabile occorre fare delle considerazioni preliminari sui rapporti tra committente e dell'appaltatore

cantiere-lavori-in-corso
image_pdf

La Cassazione penale, con la sentenza n. 17010 del 22 aprile 2016, ha approfondito un tema di grande attualità: identificare il soggetto responsabile al verificarsi di un incidente all’interno di un cantiere stradale.

Leggi anche: Cartello di cantiere: ecco cosa si rischia a non esporlo

L’analisi condotta dalla Cassazione è partita da una preliminare considerazione circa i rapporti e i limiti di questi rapporti tra l’Ente proprietario della strada (committente) e appaltatore, non solo alla luce degli obblighi previsti dalla normativa del codice della strada, non solo alla luce degli obblighi che la legge in generale pone a loro carico nella qualità di esecutore di lavoro e committente ma anche alla luce delle pattuizioni (contratto tra le parti) intervenute.

 

Vuoi sapere tutto sulla valutazione dei rischi, sicurezza nei cantieri, formazione dei lavoratori e sicurezza aziendale e avere la rassegna giurisprudenziale curata da Raffaele Guariniello?

Consulta ISL Igiene & sicurezza del lavoro e scarica subito un numero omaggio

 

Secondo la Cassazione, non c’è incompatibilità tra area di cantiere e strada aperta al pubblico, atteso che vale al riguardo il principio secondo cui in tema di danni determinati dall’esistenza di un cantiere stradale, se l’area di cantiere risulti si completamente delimitata, con assoluto divieto su di essa del traffico veicolare e pedonale, sia affidata all’esclusiva custodia dell’appaltatore, dei danni subiti all’interno di questa area risponde esclusivamente l’appaltatore, che ne è l’unico custode.

Se, invece, l’area su cui vengono eseguiti i lavori risulti adibita al traffico e, quindi, utilizzata a fini di circolazione, questa situazione comporta un carico di responsabilità in capo al committente, che mantiene, insieme all’appaltatore la conservazione della custodia della strada.

Esiste, dunque, una duplice posizione di garanzia a carico dell’Ente proprietario, a tutela della collettività, che deriva direttamente dalle norme del codice della strada (art. 14), e parallelamente, una posizione di responsabilità a carico dell’appaltatore, riconducibile al codice della strada (art. 21) e pertanto a tutela proprio dell’incolumità dei terzi utenti della strada che possano subire le conseguenze di una situazione di pericolo non debitamente gestita.

 

Scarica qui i nostri blocchi cad relativi alla segnaletica di cantiere

Copyright © - Riproduzione riservata
Incidente in un cantiere stradale: chi è il responsabile? Ingegneri.info