Pilotare un drone: rischi correlati ed i DPI | Ingegneri.info

Pilotare un drone: rischi correlati ed i DPI

Lavorare in sicurezza è un obbligo ed i lavoratori hanno il diritto di essere informati e salvaguardati da qualsiasi condizione di pericolo

image_pdf

Evoluzioni tecnologiche destinate a diventare una consuetudine quotidiana che negli ultimi mesi hanno prepotentemente occupato la stampa informatica, i droni salgono costantemente alla ribalta della rete e promettono di diffondersi a macchia d’olio.

Dalle forme e dimensioni mediamente contenute, i cosiddetti droni, classificati dal regolamento europeo sotto la sigla UA (Unmanned Aircraft) appartengono ad una speciale categoria di oggetti destinati al volo quali gli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR), ovvero mezzi aerei a pilotaggio remoto senza persone a bordo, non utilizzati per fini ricreativi o sportivi e gli Aeromodelli, intesi come dispositivi aerei a pilotaggio remoto, senza persone a bordo, impiegati esclusivamente per scopi ricreativi e sportivi, non dotati di equipaggiamenti che ne permettano un volo autonomo, e che volano sotto il controllo visivo diretto e costante dell’aeromodellista, senza l’ausilio di aiuti visivi.

Negli ultimi tempi, l’ormai diffuso utilizzo dei droni sia in ambito militare che civile, l’incremento esponenziale dei loro utilizzatori e le potenzialità insite in tali tecnologie aeronautiche, stanno sollevando delicate problematiche di sicurezza, incolumità personale e protezione della riservatezza, al punto di spingere governi, esperti di privacy e organismi internazioni dell’aviazione a emanare specifiche disposizioni normative e regolamenti destinati a disciplinarne l’impiego (sia amatoriale che commerciale), per scongiurare ogni pericolo o abuso, anche soltanto potenziali.

“Approfondisci il tema sulla sicurezza e l’utilizzo dei droni: le nuove norme europee”

Ma i droni, secondo la sicurezza sul lavoro e riguardo i pericoli ed i rischi correlati per l’operatore che li pilota, come vengono valutati?

È doveroso ricordare che, come in ogni ambito, la scarsa conoscenza, l’incoscienza, la distrazione e la troppa sicurezza nello svolgimento della propria mansione da parte dell’operatore, sono tra le principali cause che provocano incidenti sul luogo di lavoro, confermando ed evidenziando quanto sia importante l’idoneo comportamento del personale in relazione al lavoro svolto, la giusta conoscenza del luogo di lavoro nel quale si opera, la corretta identificazione e  l’utilizzo dei dispositivi di protezione collettiva ed individuale.

In questa guida, tratteremo il tema in maniera schematica e concreta, analizzando i rischi ed i pericoli correlati all’uso dei droni in linea alla normativa vigente, proponendo le essenziali regole pratiche dalle quali non si può prescindere se si vuole operare in sicurezza, con l’auspicio di richiamare l’attenzione anche su quegli aspetti che, a causa della dimestichezza e della confidenza con la propria mansione, spesso l’operatore tende a sottovalutare o a dare per scontati.

Quali sono i rischi per chi pilota un drone? Quali le regole pratiche da adottare?

Qualsiasi attività svolta in ambito lavorativo, potrebbe nascondere delle circostanze (pericoli) dalle quali potrebbero scaturire (rischi) delle conseguenze (danni) sia per la sicurezza che per la salute dell’individuo.

Potendo definire il pericolo, quale proprietà, o qualità, o modalità dannosa propria di una macchina, di una attrezzatura di lavoro, di una sostanza, di una mansione lavorativa o dell’ambiente in cui si opera, ed il  rischio (per l’uomo o per l’ambiente) come la situazione che si manifesta quando vi è contemporanea presenza di un pericolo e di qualcuno (uomo) o qualcosa (bene patrimoniale o ambiente naturale) esposto ad esso, quest’ultimo lo si può identificare come il prodotto tra la pericolosità (la probabilità che un evento si verifichi in un determinato spazio/tempo) e la magnitudo, cioè la gravità del potenziale danno.

Per chi pilota un drone, i rischi sono molteplici e non di poco conto. Essendo degli aeromobili infatti, i droni più comuni, sono dotati di apposite strutture costituite da una o più eliche montate su bracci estraibili che possono presentare un pericolo per persone e animali qualora impiegati in luoghi pubblici (pericolo per terzi) ed espongono l’operatore per lo più a rischi fisici (rumore, rischi meccanici, rischi elettrici, radiazioni ottiche, ecc.) rischi chimici (possibile trasporto di sostanze infiammabili e/o prodotti chimici secondo il regolamento dell’Enac) ed a rischi trasversali e organizzativi correlati all’organizzazione del lavoro, fattori psicologici, ecc.

Rischi questi, che impongono all’utilizzatore del drone, di operare in piena sicurezza e nel rispetto di regole pratiche di carattere generale e norme di regolamentazione imposte dall’Enac quali:

  • Prima dell’utilizzo del drone, consultare il manuale sul funzionamento del modello acquistato al fine di ridurre la percentuale di incidenti ed imprevisti durante il volo;
  • Conoscere con precisione le reali capacità e limitazioni dell’aeromobile (es. distanza massima raggiungibile);
  • Prendere confidenza con tutti i componenti e con i comandi, imparando a fondo l’applicazione di controllo (se disponibile) essendo questa in grado di fornire tutte le informazioni relative allo stato del drone, informazioni sulle interferenze o eventuali errori;
  • Non volare in posti chiusi: Nonostante i droni siano perfettamente in grado di volare all’esterno, anche in presenza di vento, risulta essere più difficoltoso controllare un drone in spazi chiusi per via dei molteplici ostacoli riscontrabili e per la mancanza del segnale GPS/GLONASS per il posizionamento che induce spesso il drone ad entrare in modalità di volo non assistito, portando l’operatore a controllarlo continuamente per mantenerlo in posizione;
  • Controllare sempre il meteo: Le intemperie hanno conseguenze sul modo di volare del drone:
    – Un vento intenso può trascinarlo via oppure rendere difficoltoso l’atterraggio;
    – La pioggia può danneggiare i componenti elettrici e causare delle avaria o la caduta del drone.
  • Scegliere l’area di volo con cura:
    – Gli ostacoli naturali (cascate, grotte, pinete), nonostante il loro fascino, possono rivelarsi particolarmente ostici durante i primi voli;
    – Gli ostacoli artificiali (ponti, cavi sospesi, edifici), possono anche creare interferenze ai componenti interni del drone causandone il malfunzionamento;
  • Mantenere il contatto visivo col drone: Anche se presente uno schermo nel quale si ricevono le immagini in tempo reale, bisogna ricordare i seguenti punti chiave:
    – La telecamera punta solo in una direzione per volta, mentre gli ostacoli possono essere in tutte le direzioni;
    – Dalla telecamera non è sempre percepibile il movimento del drone se non si hanno riferimenti vicini.
  • Gestire lentamente i movimenti: si avrà così il tempo di correggerli o mitigarli. Spostare i controller a fine corsa infatti, potrebbe portare il drone al massimo della sua velocità, con conseguenze pericolose per la sua integrità e/o persone all’interno dell’area di volo;
  • Rispettare le norme di regolamentazione europee e dell’Enac;
  • In fase di atterraggio scegliere sempre una zona sgombra da ostacoli e prediligere gli atterraggi manuali a quelli automatici.

La normativa vigente ed i dispositivi di protezione individuale (DPI)

Il Testo Unico sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro D.Lgs. n. 81/2008 è il pilastro portante della sicurezza sui luoghi di lavoro. Subentrato all’ex D.Lgs. n. 626/1994, ed integrato e modificato dal D.Lgs. n. 106/2009 garantisce la tutela dei lavoratori in materia di salute e sicurezza negli ambienti lavorativi, sancendo l’obbligo per il datore di lavoro di effettuare l’analisi dei rischi di natura chimica, fisica e biologica associati alle mansioni lavorative, alle macchine, alle attrezzature e alle sostanze utilizzate o comunque presenti nell’ambiente di lavoro e di attuare prioritariamente misure di prevenzione eliminando (o comunque riducendo al minimo possibile) i rischi connessi con l’attività lavorativa (ovvero minimizzando la presenza di pericoli e/o l’esposizione dei lavoratori) ed attuando secondariamente le necessarie misure di protezione (collettive e individuali) contro gli ineliminabili rischi residui.

Tra quest’ultime, vi sono i dispositivi di protezione individuale (DPI), quali attrezzature destinate ad essere indossate dal lavoratore per proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciare la sicurezza o la salute durante il lavoro.

Impiegati esclusivamente quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione, da mezzi di protezione collettiva, da misure, metodi o procedimenti di riorganizzazione del lavoro (art. 75 del D.Lgs. n. 81/2008), i DPI infatti, vengono definiti dal D.Lgs. n. 81/2008, Titolo III, Capo II, Art. 74, come “qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggere contro uno o più rischi suscettibili di minacciare la propria sicurezza o la salute durante il lavoro, nonchè ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo“, e secondo il quale, all’art. 76 dello stesso, questi devono:

  • essere conformi alle norme di cui al D.Lgs. n. 475/1992 e ss.mm.ii.;
  • essere adeguati ai rischi da prevenire, senza comportare di per sè un rischio maggiore;
  • essere adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro;
  • tenere conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore;
  • poter essere adattati all’utilizzatore secondo le sue necessità;
  • essere tra loro compatibili e tali da mantenere, anche nell’uso simultaneo, la propria efficacia nei confronti del rischio e dei rischi corrispondenti, in caso di rischi multipli che richiedono l’uso simultaneo di più DPI.

In relazione all’utilizzo dei droni, alle fonti di rischio che da esso derivano, alla normativa vigente di seguito elencata:

  • D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”;
  • D.Lgs. 3 agosto 2009, n. 106Disposizioni integrative e correttive al decreto 9 aprile 2008 n. 81 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”;

ed agli organi bersaglio in relazione alle mansioni svolte quali occhi, volto, mani, piedi, vie respiratorie, le dotazioni di sicurezza utili per gli utilizzatori dei droni dovranno essere atte alla protezione degli arti superiori e inferiori, occhi, viso, capo e vie respiratorie.

Quali sono i DPI che deve utilizzare chi pilota un drone?

La scelta e l’applicazione costante di idonee procedure e corrette scelte comportamentali costituiscono la regola fondamentale per la protezione della salute dell’operatore. Tuttavia, se permane ancora un rischio, si deve ricorrere all’adozione dei cosiddetti Dispositivi di Protezione Individuali (DPI).

In base alla parte del corpo protetta si possono distinguere dispositivi per:

  • protezione della testa e del viso (cranio, udito, occhi e volto):
    – caschi o elmetti in poliestere per il rischio di caduta del drone;
    – occhiali protettivi per via del possibile rischio di sollevamento polveri e detriti dall’area di volo in fase di decollo o atterraggio del velivolo;
  • protezione degli arti superiori (mani, braccia):
    – guanti in neoprene, gomma nitrilica o butilica da indossare contro i rischi meccanici (tagli, vibrazioni), in fase di decollo per via delle eliche che compongono il drone, poichè per via della rotazione, se in tale situazione non si rispettano le procedure di sicurezza possono essere indice di rischio da taglio per le mani e braccia dell’operatore;
  • protezione degli arti inferiori (piedi e gambe):
    – stivali antiscivolo con puntale rinforzato da indossare contro i rischi di caduta e scivolamento dell’operatore. Quest’ultimo infatti, spesso non presta attenzione al terreno disconnesso, scivoloso o frastagliato sul quale sta camminando per poter mantenere un continuo contatto visivo col velivolo in fase di volo, esponendosi dunque a possibili scivolamenti o cadute.
  • protezione dalle vie respiratorie:
    – mascherine in tessuto non tessuto antipolvere o maschere in gomma a facciale interno con scherma panoramico e filtri antipolvere e antigas, da usare durante il trasporto di eventuali sostanze infiammabili e/o prodotti chimici, regolamentate dagli artt. 9-10-11 del Regolamento Enac.

“Approfondisci il Regolamento Enac sui Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto”

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Pilotare un drone: rischi correlati ed i DPI Ingegneri.info