Ordigni bellici inesplosi: arrivano le linee guida per il CSP | Ingegneri.info

Ordigni bellici inesplosi: arrivano le linee guida per il CSP

Dal Consiglio nazionale ingegneri un documento di indirizzo sulla valutazione del rischio per il coordinatore sicurezza in fase di progettazione

image_pdf

Il Consiglio nazionale ingegneri ha approvato e diffuso, nel corso della seduta del 17 maggio 2017, le “Linee Guida per la valutazione del rischio da ordigni bellici inesplosi“. Il documento arriva su proposta del gruppo di lavoro Cni Sicurezza coordinato dal Consigliere Gaetano Fede, ed è il prodotto di una collaborazione con numerosi Ordini provinciali e con il Genio Militare di Padova e Caserta.

L’obiettivo delle linee guida sugli ordini bellici inesplosi è indirizzare gli approcci dei coordinatori della sicurezza in fase di progettazione (CSP) riguardo all’obbligo di valutazione del rischio derivante dal rinvenimento dei suddetti ordigni.

Il documento, che recepisce quanto previsto dal Titolo IV del D.Lgs. n. 81/2008 e sS.mm. come modificato dalla Legge 1° ottobre 2012, n. 177, introduce un insieme di raccomandazioni sviluppate sulla base delle conoscenze disponibili, ed è redatto allo scopo di rendere appropriato, e con elevati standard di qualità, l’approccio e il comportamento del CSP, che è investito, a partire dal 26 giugno 2016, dell’obbligo di valutare il rischio di rinvenimento di ordigni inesplosi.

Le linee guida rappresentano pertanto la base di partenza per progettare le più adeguate misure di prevenzione e protezione in analogia all’adozione di approcci, comportamenti e “modus operandi” commisurati agli scenari di rischio prevedibili.

Il CNI è consapevole della necessità di intervenire sui soggetti istituzionali per correggere alcuni aspetti dell’attuale disposto normativo, come ad esempio:
– l’impossibilità da parte dei professionisti interessati di avere accesso alla documentazione cartografica richiamata nell’Interpello n. 14/2015 in larga parte del territorio del nostro Paese;
– 
la necessità di attribuire al committente un ruolo attivo finalizzato ad una valutazione precoce del rischio di rinvenimento obi.

Su questi due temi il CNI, unitamente al GdL Sicurezza, appronterà una serie di iniziative ed incontri con gli enti e le istituzioni competenti al fine di avanzare le adeguate proposte migliorative all’attuale disposto normativo.

Scarica le Linee Guida

Leggi anche: Sicurezza sul lavoro 2017: un capitolo del nuovo manuale in free download

Copyright © - Riproduzione riservata
Ordigni bellici inesplosi: arrivano le linee guida per il CSP Ingegneri.info