Pubblicate le norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio | Ingegneri.info

Pubblicate le norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio

Il decreto entra in vigore il 23 luglio 2016 ed è la prima norma tecnica verticale (capitolo V.4 – Uffici), derivata dalle nuove linee guida prevenzione incendi introdotte con il DM del 3 Agosto 2015. Facciamo il punto

Sprinkler and smoke detector
image_pdf

È stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 145 del 23 giugno 2016 il Decreto del Ministero dell’Interno 8 giugno 2016Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell’articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139.
Il decreto, che entra in vigore il 23 luglio 2016, rappresenta la prima norma tecnica verticale (capitolo V.4 – Uffici), derivata dalle nuove linee guida e metodologie introdotte con il D.M. del 3 Agosto 2015.

L’art. 2 disciplina il campo di applicazione del decreto, ovvero si può applicare alle attività di edifici o locali adibiti ad uffici con oltre 300 persone presenti, individuate al numero 71 del decreto del Presidente della Repubblica 1° agosto 2011, n. 151, esistenti alla data di entrata in vigore del decreto ed a quelle di nuova realizzazione, in alternativa alle specifiche disposizioni di prevenzione incendi di cui al decreto del Ministro dell’interno del 22 febbraio 2006 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici”.
La regola tecnica verticale segue la struttura del D.M. 3 agosto 2015 e fa riferimento alle misure previste nei vari capitoli del D.M. 3 Agosto 2015, come indicato nella sezione seguente:

V.4.4 Strategia antincendio
1. Devono essere applicate tutte le misure antincendio della regola tecnica orizzontale (RTO) attribuendo i livelli di prestazione secondo i criteri in esse definiti, fermo restando quanto indicato al successivo punto 3.
2. Devono essere altresì applicate le prescrizioni dei capitoli V.1 e, ove pertinente, V.3.
3. Nei paragrafi che seguono sono riportate le indicazioni complementari o sostitutive delle soluzioni conformi previste dai corrispondenti livelli di prestazione della RTO.
Nella sezione V.4.2 gli uffici sono classificati sia in base al numero di persone presenti

Classificazione dell’attività Persone presenti
OA 300 < n < 500
OB 500 < n < 800
OC n > 800

sia in base alla massima quota dei piani

Classificazione dell’attività Persone presenti
HA h < 12 m
HB 12 m < h < 24 m
HC 24 m < h < 32 m
HD 32 m < h < 54 m
HE h > 54 m

Le aree dell’attività sono classificate come segue:

Classificazione Tipologia di locali
TA Locali destinati ad uffici e spazi comuni
TM Depositi di sup. lorda > 25 m2 e carico di incendio specifico > 6000 MJ/m2
TO Locali con affollamento > 100 persone
TK Locali con carico di incendio specifico > 1200 Mj/m2
TT Locali in cui sono presenti significative apparecchiature elettriche e rilevanti ai fini della sicurezza antincendio (CED, stamperie ecc.)
TZ Altre aree (Esercizi pubblici ecc.)

Con almeno le aree TK classificate aree a rischio specifico secondo il capitolo V.1.
La sezione V.4.4.2 disciplina la classe di resistenza al fuoco (Capitolo S.2) che non può essere inferiore a quanto previsto nella seguente tabella:

tabella 4

Qualora l’attività occupi un unico piano a quota non inferiore a -1 m e non superiore a +1 m, in opera da costruzione destinata esclusivamente a tale attività e compartimentata rispetto ad altre opere da costruzione, e tutte le aree TA e TO dispongano di vie d’esodo che non attraversino altre Aree è ammessa la classe 15 di resistenza al fuoco (Capitolo S.2).
Relativamente alla gestione della compartimentazione, la sezione V.4.4.3 , nella tabella V.4-2, descrive le caratteristiche dei compartimenti secondo la strategia S.3.

La sezione V.4.4.4. – Gestione della Sicurezza Antincendio tratta il caso di attività con sistema di vie di esodo ad uso promiscuo. In particolare per gli uffici non aperti al pubblico afferenti a responsabili dell’attività diversi, con sistema di esodo promiscuo, deve essere previsto l’incremento di prestazione della misura gestionale della sicurezza antincendio (capitolo S.5).
Ulteriori indicazioni specifiche per l’attività ufficio sono riportate nelle sezioni V.4.4.5 – Controllo dell’incendio, V.4.4.6 Rivelazione ed allarme e V.4.5 Vani degli ascensori, se presenti.
Il programma CPI win Attività consente di poter valutare l’attività 71 Uffici ai sensi del D.M. 3 agosto 2015 secondo la RTV introdotta con il decreto del Ministero dell’Interno 8 giugno 2016.
In fase di inserimento di una nuova attività ufficio è possibile effettuare la valutazione o con il decreto 22 febbraio 2006, regola tecnica attualmente di riferimento, o procedere in maniera alternativa seguendo il D.M. 3 agosto 2015.

Dott. Piero Monaco – Namirial SpA

Approfondisci anche: Prevenzione incendi: il software Namirial CPI win® Attività

Fonte articolo: Namirial

Copyright © - Riproduzione riservata
Pubblicate le norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio Ingegneri.info