Sicurezza palchi e spettacoli: aumentano i cantieri sanzionabili | Ingegneri.info

Sicurezza palchi e spettacoli: aumentano i cantieri sanzionabili

Dati negativi quelli delle verifiche periodiche dell’Ispettorato del Lavoro su palchi e altre strutture temporanee soggette a montaggio e smontaggio

image_pdf

Aumentano le sanzioni sui cantieri delle strutture per eventi temporanei, come fiere o spettacoli. Il dato allarmante è contenuto nel documento riassuntivo delle verifiche effettuate dall’Ispettorato Nazionale del Lavoro tra gennaio e settembre 2017, una campagna di verifica sui cantieri per l’allestimento e lo smontaggio delle strutture per eventi temporanei.
Rispetto a quanto rilevato nel 2017, risultano alcune Regioni italiane in cui la quasi totalità dei cantieri controllati è risultata sanzionabile, un dato in crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno passato.
Vediamo i dati nel dettaglio.

La campagna stabile di vigilanza dell’Ispettorato si focalizza sugli eventi culturali e di carattere fieristico ed espositivo, con particolare riferimento alle attività di allestimento e disallestimento di strutture temporanee – fisse e mobili – e impianti posti in opera in occasione di spettacoli, mostre, manifestazioni fieristiche ed eventi culturali, considerate maggiormente a rischio per il possibile ricorso a fenomeni di lavoro irregolare e per la maggiore incidenza di eventi infortunistici. I risultati delle suddette verifiche sono sottoposti a monitoraggio trimestrale, aggiornato progressivamente.
In occasione delle citate verifiche, nel periodo di riferimento, nell’ambito di un totale di n. 159 eventi/siti controllati (nel 75% dei quali sono state accertate violazioni), sono state oggetto di ispezione complessivamente n. 771 aziende, delle quali n. 301 (pari al 39%) sono risultate irregolari.
Su un totale di 2.350 lavoratori occupati, sono stati individuati n. 543 lavoratori irregolari di cui n. 258 (pari al 48% degli irregolari) totalmente in nero. Tra i lavoratori risultati irregolari, sono stati identificati n. 73 extracomunitari con permesso di soggiorno, di cui n. 29 in nero, 2 minori e ulteriori n. 2 privi di permesso di soggiorno.
Sono stati, inoltre, emessi n. 48 provvedimenti di prescrizione (D.Lgs. n. 758/1994) per violazioni penali, per un totale di sanzioni irrogate pari ad € 72.488,50.
Sono stati irrogati n. 271 provvedimenti sanzionatori amministrativi, il cui importo complessivo è pari ad € 541.839,15.
Il recupero dei contributi e premi omessi/evasi risulta pari ad € 123.315,07.
Infine, sono stati adottati n. 54 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale (art. 14, D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i.) di cui n. 41 (pari al 76%) revocati a seguito dell’avvenuta regolarizzazione.

Dal confronto con il corrispondente riepilogo dei risultati relativi allo stesso periodo del 2016, si può rilevare che, a fronte di un minor numero di eventi/siti ispezionati (159 a fronte di 166), aumenta il numero delle aziende verificate all’interno degli stessi. Aumenta anche l’incidenza percentuale degli eventi/siti irregolari rispetto al totale degli eventi ispezionati (dal 69% al 75%).
In corrispondenza all’incremento del numero di aziende ispezionate si riscontra anche l’aumento del numero di quelle risultate irregolari, restando sostanzialmente stabile la percentuale di irregolarità (dal 41% al 39%).

In aumento il numero dei lavoratori risultati irregolari, con lieve aumento della loro percentuale rispetto a quelli occupati (dal 21 al 23%). In aumento anche il numero dei lavoratori in nero (da 239 a 258), mentre resta stabile la loro percentuale sul totale degli occupati (11%). Diminuisce, invece, la percentuale dei lavoratori in nero sul totale dei lavoratori irregolari (dal 53% al 48%).
Aumentano anche i lavoratori irregolari con regolare permesso di soggiorno (da 51 a 73) e – lievemente -la loro incidenza sul totale dei lavoratori irregolari (dall’11% al 13%). Diminuisce invece il numero dei lavoratori in nero con regolare permesso di soggiorno (da 36 a 29) e la loro incidenza sul totale dei lavoratori in nero (dal 15% all’11%). Risultano inoltre 2 minori tra i lavoratori in nero con permesso di soggiorno, e diminuiscono (da 11 a 2) i lavoratori irregolari senza permesso di soggiorno.
In diminuzione, altresì, le sospensioni dell’attività imprenditoriale ex art. 14 D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. (da 58 a 54) nonché i provvedimenti penali (prescrizioni ex D.Lgs n. 758/1994), da 83 a 48, e delle relative sanzioni irrogate. In aumento, invece, il numero dei provvedimenti amministrativi emanati (da 229 a 271) e il relativo importo di sanzioni erogate (da € 439.657,64 ad € 541.839,15) nonché il recupero dei contributi e premi omessi/evasi (da € 82.727,24 ad € 125.315,07).

Scarica anche: Guida INAIL – Palchi per spettacoli ed eventi similari – Aggiornamento 2017

Leggi anche: Business continuity in caso di disastro perchè le aziende non possono farne a meno

Copyright © - Riproduzione riservata
Sicurezza palchi e spettacoli: aumentano i cantieri sanzionabili Ingegneri.info