Al Salone del Mobile 2017 gli accessi erano controllati dai tornelli "intelligenti" Came | Ingegneri.info

Al Salone del Mobile 2017 gli accessi erano controllati dai tornelli “intelligenti” Came

I 65 tornelli a tripode “intelligenti” XVia di Came hanno debuttato in occasione del Salone del Mobile di Milano gestendo in soli 6 giorni il passaggio degli oltre 340mila visitatori alla Fiera Milano Rho

IMG_0075
image_pdf

I tornelli “smart” firmati Came sono stati scelti da Fiera Milano per gestire gli ingressi al polo espositivo di Rho-Pero. Il nuovo sistema di controllo accessi progettato dal Gruppo trevigiano – leader nella fornitura di soluzioni tecnologiche integrate per l’automazione di ambienti residenziali, pubblici e urbani – ha debuttato in occasione del Salone del Mobile (leggi qui il nostro Speciale Salone del Mobile su Architetto.info) di Milano, gestendo in soli 6 giorni il passaggio degli oltre 340mila visitatori.

Protagonista della piattaforma tecnologica sviluppata da Came per Fiera Milano è XVia, il tornello a tripode dotato di una testa di lettura “intelligente” progettato per Expo Milano 2015 e in grado di gestire la grande complessità di dati e di variabili connesse alla lettura di tutti i tipi di titoli d’ingresso, all’elevato numero di periferiche e agli oltre 5 milioni di persone che ogni anno visitano le fiere del ricco calendario espositivo del polo milanese.

Forte dell’esperienza di Expo Milano 2015, che in soli 6 mesi ha visto la gestione di oltre 21milioni di visitatori, la soluzione proposta da Came si basa su un sistema innovativo, in grado di dialogare con le tecnologie di controllo, sicurezza, sorveglianza e connettività più efficienti presenti oggi sul mercato, dimostrando la capacità dell’azienda di proporsi come solution provider in grado di gestire sistemi complessi.

Gli accessi pedonali della fiera sono controllati da 65 tornelli automatici, posizionati ai quattro lati del sito espositivo e nelle quattro reception situate sull’asse centrale, che gestiscono l’ingresso ad alcuni padiglioni. L’estrema versatilità dei tornelli consente, all’occorrenza, di spostare e installare in soli 20 minuti alcune unità dove è necessario selezionare gli ingressi, rendendo così il sistema ideale anche per la gestione di eventi temporanei.

Pensato per essere integrato in grandi progetti di controllo accessi, XVia di Came coniuga innovazione tecnologica e minuziosa ricerca estetica. Il design ricercato, lo stile minimale e la struttura compatta permettono al tornello di inserirsi in modo armonico e discreto nella più varia tipologia di ambienti e di essere personalizzato con il logo dell’evento fieristico in corso. La costante connessione alla rete Ethernet consente, inoltre, di controllare in tempo reale tutte le funzionalità dell’impianto.

Il design del tornello è stato studiato anche per comunicare con i visitatori attraverso segnalazioni luminose e sonore, rendendo più rapida la fase di accesso, che avviene in soli 5 secondi, e riducendo code e lunghe attese. Gli indicatori direzionali luminosi garantiscono, infatti, sicurezza e facilità di passaggio nei contesti in cui i flussi sono elevati: la segnalazione luminosa consente di comprendere in modo immediato quando è possibile transitare.

Grazie alla motorizzazione di serie, la soluzione XVia prevede la pre-rotazione del tripode che viene attivata non appena convalidato il titolo d’accesso, facilitando così il passaggio dell’utente. In caso di particolari esigenze o qualora sia necessario liberare immediatamente il passaggio, XVia dispone della funzione di caduta braccio; a emergenza rientrata, è possibile attivare, anche da remoto, il riarmo automatico.

Il sistema di controllo accessi Came, si aggiunge alla già presente offerta tecnologica di automazioni per cancelli, barriere automatiche stradali e dissuasori che gestiscono da qualche anno le entrate perimetrali e la viabilità all’interno del polo espositivo di Rho-Pero.

Per maggiori informazioni, consulta Came.

Copyright © - Riproduzione riservata
Al Salone del Mobile 2017 gli accessi erano controllati dai tornelli “intelligenti” Came Ingegneri.info