Calcestruzzo drenante Drainbeton per la pista ciclabile sul Monte Mesa | Ingegneri.info

Calcestruzzo drenante Drainbeton per la pista ciclabile sul Monte Mesa

wpid-4309_DSC.jpg
image_pdf

La nuova pista ciclabile e pedonale, ubicata all’interno del Parco Eolico “Monte Mesa”, nel comune di Rivoli Veronese è stata realizzata con il calcestruzzo drenante Drainbeton prodotto da Betonrossi. Situata in un’area sottoposta a tutela ambientale, la nuova pista ciclabile è larga 2,5 metri nelle varie ramificazioni e 3 metri nel tronco principale e percorre oltre 2,5 Km.

La realizzazione è nata dalla necessità di dotare il parco e i suoi fruitori, di un percorso agibile e praticabile a tutti, mantenendo al contempo l’impatto paesaggistico e ambientale in armonia con il contesto. L’utilizzo del Drainbeton ha permesso di realizzare un manto stradale con elevate performance strutturali ed estetiche, idoneo anche come pista per cicloturisti a collegamento della ciclabile dell’Adige-Sole.

In particolare, il team di progetto dopo un’attenta analisi delle prestazioni e delle specifiche tecniche richieste per la realizzazione della ciclabile, ha scelto il prodotto Drainbeton, uno speciale calcestruzzo drenante per applicazioni stradali prodotto da Betonrossi, steso con uno spessore medio di circa 10 cm, nella versione pigmentata. Ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche dell’intervento.

Posa in opera a freddo e compatibilità ambientale grazie a Drainbeton

L’area del parco eolico Monte Mesa è sottoposta a tutela ambientale, ciò ha imposto l’esecuzione di una pavimentazione “non bituminosa” ad elevata permeabilità in modo da agevolare e aumentare la dispersione delle acque meteoriche, mantenendo nel contempo una buona compatibilità ambientale. Inoltre la posa “a freddo”, quindi senza emissione di fumi o vapori nell’ambiente,né rischi per la sicurezza degli operatori, ha consentito ridotte emissioni e un notevole risparmio energetico.

L’area sottoposta a tutela ha inoltre spinto la committenza, l’Agsm Verona, e la Direzione lavori a scegliere una versione pigmentata per ridurre al minimo l’impatto ambientale. Drainbeton, infatti, può essere utilizzato in colorazione naturale, oppure pigmentato in qualunque tonalità cromatica. La colorazione viene conferita al materiale mediante l’introduzione, nella miscela, di pigmenti inorganici composti da ossidi di ferro che non contengono alcuna sostanza pericolosa o nociva alla salute. Il risultato cromatico risulta quindi omogeneo e duraturo nel tempo, interessando il conglomerato per l’intero spessore e non limitatamente alla sua superficie.

Una volta identificato il prodotto e definita la pigmentazione, la messa in opera è stata effettuata dall’impresa Parolini Giannantonio attraverso l’utilizzo di una finitrice stradale normalmente utilizzata per la posa di conglomerati bituminosi. Durante la lavorazione di cantiere si è constatato che le particolari e innovative caratteristiche di Drainbeton hanno consentito una rapida stesura, con pieno controllo delle caratteristiche plano-altimetriche e di regolarità superficiale.

L’innovazione e le elevate performance di Drainbeton

Drainbeton di Betonrossi rappresenta la soluzione in grado di soddisfare differenti esigenze progettuali e di cantiere, strutturali ed estetiche, abbattendo allo stesso tempo i costi di realizzazione e di manutenzione. In particolare tra le sue caratteristiche spiccano alcuni vantaggi. Ad esempio, la stesa avviene “a freddo”, senza emissione di fumi nell’ambiente e rischi per la sicurezza degli operatori, la posa in opera può avvenire a temperature ambientali sensibilmente inferiori rispetto a quelle limite per i conglomerati bituminosi e il basso ritiro igrometrico del materiale non richiede la realizzazione di giunti di contrazione.

Inoltre, l’eventuale pigmentazione conferita al materiale interessa la miscela di calcestruzzo per l’intero spessore, non solo superficialmente, risultando quindi omogenea e di lunga durata nel tempo e il piano di posa richiede caratteristiche di regolarità e portanza normalmente richieste per i sottofondi di pavimentazioni stradali. Già dopo 2 o 3 giorni dalla stesura, Drainbeton raggiunge valori di resistenza sufficienti a consentire l’apertura della strada al traffico veicolare, compreso l’eventuale passaggio dei mezzi di cantiere; e le resistenze a 7 e 28 giorni sono tali da consentire l’impiego del materiale anche per pavimentazioni stradali a elevato volume di traffico.

Va inoltre sottolineato che Drainbeton è a tutti gli effetti un conglomerato cementizio, pertanto la posa in opera del materiale può avvenire a temperature ambientali sensibilmente inferiori rispetto a quelle limite per i conglomerati bituminosi, arrivando anche fino a pochi gradi sopra lo zero. E nel caso di interventi di modesta superficie o in zone non accessibili alla finitrice, Drainbeton può essere steso e compattato mediante staggia vibrante. Infine, il basso ritiro igrometrico del materiale non richiede la realizzazione di alcun giunto di contrazione, né tantomeno l’utilizzo di armature.

L’alto effetto drenante

L’impiego di materiali drenanti in ambito stradale è sempre più diffuso, sia per far fronte alle elevate esigenze di sicurezza di marcia anche in condizioni meteo sfavorevoli, sia come strumento per la regolazione dei deflussi delle acque piovane. La soluzione per questa tipologia di applicazioni in ambito stradale è efficacemente rappresentata da Drainbeton che, grazie all’elevato volume di vuoti interconnessi, consente al manto stradale realizzato di drenare anche più di 40 l/mq ogni secondo, garantendo comunque elevati valori di resistenza ai carichi.

Inoltre, la matrice aperta di Drainbeton consente il continuo ricircolo d’aria che accelera sensibilmente il processo di scioglimento di neve e ghiaccio. Il tutto senza dimenticare che la colorazione chiara del materiale, combinata con l’elevata porosità della miscela, determina una minore fonte di assorbimento termico rispetto ai conglomerati bituminosi, consentendo anche un più rapido dissipamento del calore.

Le ottime caratteristiche di drenaggio rendono dunque Drainbeton particolarmente indicato per la realizzazione di interventi in zone a tutela ambientale, per le quali è richiesta la restituzione delle acque piovane al terreno. In aggiunta: la struttura a filtro del materiale limita anche la necessità di interventi di trattamento delle acque meteoriche e riduce gli effetti nocivi di eventuali inquinanti.

Un prodotto efficace e versatile

Drainbeton si è quindi rivelato estremamente performante ed efficace nella realizzazione del manto della ciclabile del Parco Eolico di Rivoli Veronese, ma le sue possibili applicazioni sono davvero molteplici, grazie a caratteristiche prestazionali davvero straordinarie. Drainbeton è resistente agli idrocarburi e al fuoco: questo ne consente l’impiego anche in zone particolarmente a rischio di incendi o di sversamento di carburanti come ad esempio piazzali di parcheggio, stazioni di servizio, depositi carburanti.

Drainbeton è in grado di mantenere invariate le proprie caratteristiche fisico-meccaniche ed estetiche nel tempo e non richiede pertanto particolari operazioni di manutenzione. Solo per applicazioni in zone interessate da grandi quantità di detriti o polveri può rendersi necessario un intervento di ripristino saltuario della drenabilità mediante pulizia con acqua in pressione.

Drainbeton può anche essere impiegato in combinazione con uno strato di usura in conglomerato bituminoso drenante, dando origine a una pavimentazione doppio-drenante/fonoassorbente, conferendo al pacchetto non solo doppie caratteristiche di drenabilità e fonoassorbenza, ma anche minore deformabilità e maggiore resistenza ai carichi, con un significativo incremento della vita utile della pavimentazione.

Copyright © - Riproduzione riservata
Calcestruzzo drenante Drainbeton per la pista ciclabile sul Monte Mesa Ingegneri.info