La mediazione nei conflitti ambientali: un ebook per orientarsi | Ingegneri.info

La mediazione nei conflitti ambientali: un ebook per orientarsi

E’ possibile l’utilizzo dello strumento della mediazione anche in ambito ambientale? Che vantaggi offre rispetto al procedimento giudiziario? Quali sono i rapporti tra mediazione, accordi e transazioni ambientali?

Conflitti_ambientali
image_pdf

E’ possibile l’utilizzo dello strumento della mediazione anche in ambito ambientale? Che vantaggi offre rispetto al procedimento giudiziario? Quali sono i rapporti tra mediazione, accordi e transazioni ambientali? A questo e ad altri quesiti risponde l’ebook “Conflitti Ambientali: Mediazione, Transazione, Accordi” pubblicato da Wolters Kluwer, e firmato da un pool di autori professionisti che si occupano della materia ambientale partendo da prospettive diverse: pubblici amministratori, imprese, tecnici, avvocati, mediatori, esperti di processi partecipativi.

Per saperne di più e acquistare l’eBook, clicca nel box qui sotto.

Di pari passo con la questione ecologica, negli ultimi anni sono aumentati i conflitti ambientali, sia a livello locale sia a livello nazionale.
L’attuale sistema giudiziario risulta essere inadeguato e, spesso, incapace di offrire soluzioni pronte ed efficaci di cui i conflitti ambientali necessitano. I lunghi tempi di attesa di una decisione nel merito, le probabili sospensioni ed interruzioni, di lunga durata, dei lavori o delle attività oggetto del procedimento, il sovraccarico delle domande, la mancanza del contatto con i diversi attori della società sono solo alcune delle criticità.

La procedura di mediazione, disciplinata dal D.Lgs. n. 28/2010, è utilizzabile per tutte le controversie in materia civile e commerciale, comprese quelle ambientali, a condizione che vertano su diritti disponibili.
Tale procedura risulta estremamente semplificata rispetto alle procedure ordinarie, offre alle parti una soluzione migliore e rapida, i costi e i tempi vengono assolutamente ridotti.
La mediazione, infatti, interviene su due dei principali problemi di questo tipo di conflitti:

  • coinvolgere tutti i portatori di interesse (imprese, cittadini, amministrazione) mantenendo aperta, attraverso il mediatore, la comunicazione;
  • il tempo: l’ecosistema e le comunità in cui si genera una controversia non possono attendere i tempi di un processo. Il danno va riparato al più presto in modo da non deteriorare ulteriormente l’ambiente e da non mettere a rischio la salute dei cittadini.

Con un approccio teorico-pratico, il volume “Conflitti ambientali: mediazione,transazione, accordi”, dopo aver affrontato alcuni nodi essenziali – come la responsabilità contabile dei Pubblici Amministratori, i rapporti tra mediazione, accordi e transazioni ambientali, le cautele nella traduzione per la collettività di questioni tecniche di particolare complessità (quali quelle ambientali) – analizza, oltre ad alcune mediazioni ambientali svoltesi dinnanzi alla Camera Arbitrale di Milano, anche il progetto avviato dalla Regione Lombardia per la gestione dei conflitti nei processi di localizzazione di opere che producono impatto sull’ambiente e sulla salute.

Di estrema utilità, inoltre, per il lettore l’eterogeneità delle competenze degli autori, professionisti che si occupano della materia ambientale partendo da prospettive diverse: pubblici amministratori, imprese, tecnici, avvocati, mediatori, esperti di processi partecipativi.

Copyright © - Riproduzione riservata
La mediazione nei conflitti ambientali: un ebook per orientarsi Ingegneri.info