Consolidamento del terreno con iniezione mirata di resine espandenti: il metodo Geosec | Ingegneri.info

Consolidamento del terreno con iniezione mirata di resine espandenti: il metodo Geosec

Tecniche di consolidamento di terreni mediante iniezioni di resine espandenti sono utilizzate con buon successo grazie alla loro applicazione mini-invasiva, rapida e piu' economica rispetto alle soluzioni tradizionali

wpid-4525_DSCF.jpg
image_pdf

Tecniche di consolidamento di terreni mediante iniezioni di resine espandenti sono utilizzate con buon successo grazie alla loro applicazione mini-invasiva, rapida e più economica rispetto alle soluzioni tradizionali.

Geosec ha industrializzato un procedimento innovativo e brevettato per il consolidamento e la stabilizzazione dei terreni che prevede in supporto alle iniezioni l’applicazione di metodi diagnostici di tomografia di resistività elettrica 3D.

Diagnostica di supporto e criteri di intervento

Come detto i cedimenti del terreno trovano spesso origine nell’azione di disturbo provocata da acqua e vuoti, laddove viene alterato l’equilibrio statico tra il terreno e la struttura di fondazione sovrastante.

Dunque la tomografia di resistività elettrica 3D ben si presta ad individuare la presenza di vuoti e di concentrazioni anomali di fluidi nel terreno.

Questo perché diviene fondamentale conoscere la presenza di vuoti e concentrazioni di acque nel terreno sopratutto sotto all’impronta del costruito e all’interno del volume significativo che sostiene l’edificio.

Conseguentemente la tomografia di resistività consente di mirare le iniezioni di resina giusto là dove serve. Mantenere poi attivo il monitoraggio ERT3D durante il trattamento, consente vantaggiosamente di verificare gli effetti indotti dalle iniezioni, ovvero controllare se effettivamente sono stati colmati o ridotti vuoti preesistenti e spiazzato l’acqua in eccesso dal terreno di fondazione. L’immagine ERT3D ottenuta in time lapse durante il trattamento permette infatti di correggere al bisogno il trattamento per il necessario consolidamento finale.

Laddove il Direttore dei Lavori volesse poi acquisire e monitorare parametri meccanici propri del terreno si potrà integrare a posteriori il modello numerico geoelettrico in modo mirato. Infatti l’immagine della tomografia elettrica consente vantaggiosamente di mirare il progetto delle prove geotecniche.

Il trattamento mediante iniezioni mirate

Nel metodo Geosec, le iniezioni possono essere condotte secondo due principali criteri osservazionali:

– Eseguire consolidamenti dei volumi di terreno ceduto fino a quando le condizioni di questi non risulteranno prossime e simili a quelle dei terreni limitrofi non ceduti e presi a riferimento. Questo criterio esecutivo è applicato solitamente nei casi di intervento parziale e consente di ottenere una vantaggiosa omogeneizzazione delle zone trattate con quelle più stabili.

– Nei casi in cui fosse richiesto un trattamento integrale dell’intero volume significativo le iniezioni potranno essere condotte fino a quando non si potranno più osservare significativi miglioramenti.

La complessità dell’applicazione, degli strumenti diagnostici, della molteplici di parametri geofisici e geotecnici in considerazione impongono ad ogni squadra di intervento Geosec la presenza di geologo specializzato sempre presente sul cantiere ed in stretta collaborazione con gli ingegneri Geosec dell’ufficio tecnico.

Qualifiche e certificazioni tecniche

Inoltre il metodo Geosec ha ottenuto qualifiche tecniche a validità internazionale. In particolare l’Istituto italiano Icmq, leader nei controlli ispettivi e indipendenti nel settore delle costruzioni, ha verificato sia su base documentale che in sito sui cantieri, tutta la procedura di applicazione di consolidamento Geosec.

Sono state esaminate le competenze del personale tecnico specializzato che degli operai, le certificazioni tecniche della resina, le conformità Ce delle attrezzature e dei macchinari, la taratura degli strumenti diagnostici del terreno, le misure di sicurezza del lavoro, l’applicabilità del procedimento compatibilmente con il D.M. 14/01/2008 NTC.

Ne consegue una regola dell’arte volontaria certificata secondo la norma Uni En Iso 17020 da Icmq che diviene una prestigiosa qualifica tecnica, di serietà e trasparenza dell’azienda verso tutti i suoi clienti e i progettisti.

Inoltre sempre Icmq ha certificato la conformità del metodo Geosec alla norma EN 12715 che disciplina in Europa i Lavori Geotecnici Speciali – Iniezioni.

Da ultimo il prestigioso Istituto di controllo francese Socotec ha riconosciuto alla consorella Geosec France il Cahier des Charges sui procedimenti Geosec di consolidamento del terreno in profondità e sul metodo di stabilizzazione e sollevamento dei pavimenti civili, industriali, aeroportuali. Si tratta di un ulteriore protocollo operativo che sia affianca a quello Icmq e fissa le corrette modalità operative delle nostre soluzioni.

Richiedi maggiori dettagli

Per saperne di più consulta il sito www.geosec.it e visita la ricca sezione di archivio interventi con schede tecniche, immagini e video relazioni. E’ inoltre disponibile una sezione progettisti dedicata contenente elaborati tecnici e grafici per l’istruzione dei progetti. Una collana di quaderni di approfondimento è gratuitamente scaricabile sempre dal nostro sito aziendale.

Il nostro staff tecnico è a completa disposizione per supportare i progettisti in ogni loro esigenza. Per informazioni e supporto tecnico chiama: 800.045.645

LEGGI ANCHE ‘CEDIMENTI DELLE FONDAZIONI: LE CAUSE PRINCIPALI’

Copyright © - Riproduzione riservata
Consolidamento del terreno con iniezione mirata di resine espandenti: il metodo Geosec Ingegneri.info