Coperture in alluminio: la nuova Scuola dell’infanzia a Bagnolo Mella | Ingegneri.info

Coperture in alluminio: la nuova Scuola dell’infanzia a Bagnolo Mella

La nuova Scuola dell’infanzia Pietro Nenni nasce all’insegna dell’ecosostenibilità ed efficienza energetica, con particolare attenzione alle esigenze dei bambini per i quali sono stati pensati soluzioni e colori

DJI_0006_2
image_pdf

Nel marzo 2016 il comune di Bagnolo Mella (BS) ha emesso un bando di gara per la costruzione della nuova Scuola dell’infanzia Pietro Nenni, previa demolizione del fabbricato esistente.

Su un lotto di circa 5.720 mq il progetto richiedeva un nuovo corpo di fabbrica, disposto su di un unico piano, da realizzare con strutture prefabbricate in legno, e composto da 8 aule con servizi annessi, spazi comuni, ingressi, mensa e cucina per una capacità di 300 pasti, deposito e altri locali accessori come la casa del custode.

Il progetto, realizzato dallo studio NT Nuova Tecnologia di Brescia, è stato pensato a misura di bambino e nel rispetto dell’ambiente. La nuova scuola, inaugurata nel maggio scorso, infatti, è tutta volta all’ecosostenibilità, interamente in legno, e gode di un simbiotico rapporto con la natura grazie alle ampie vetrate da cui si può costantemente vedere il paesaggio circostante. Particolare attenzione è stata inoltre riservata all’efficienza energetica.

Colorata e luminosa, oggi la nuova scuola Pietro Nenni è un luogo particolarmente adatto ai bambini più piccoli. Il volume dell’edificio è scomposto in corpi distinti, in modo da riflettere all’esterno le suddivisioni degli spazi interni: le classi, la zona mensa, l’aula nanna, sono ospitate ciascuna da un edificio perfettamente riconoscibile grazie anche alla diversa colorazione delle coperture dei vari corpi.

Anzi è proprio l’utilizzo di diverse coperture colorate a caratterizzare l’edificio scolastico, rendendolo vivace e attraente per i più piccoli.

Questo risultato, efficace nella sua semplicità, nasconde non poche difficoltà tecniche, superate grazie all’uso delle lastre Alugraf 600 di Alubel, che sono appositamente pensate per tetti piani o con pendenze ridotte.

Si tratta di un sistema di copertura metallica con montaggio ad incastro, in cui le lastre tagliate direttamente in cantiere sono fissate a una staffa e poi sormontate da un cappellotto che garantisce la perfetta tenuta anche in caso di completo invaso del tetto.

In questo caso sono state usate lastre in alluminio preverniciato, in undici diverse colorazioni, fissate a una sottostruttura in legno.

Ogni particolare costruttivo, dalle intersezioni fra le falde alle converse, è stato risolto grazie gli appositi accessori disponibili a catalogo: in questo modo la Magri Natalino srl ha potuto completare oltre 2.500 mq di coperture molto articolate in tempi rapidi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Coperture in alluminio: la nuova Scuola dell’infanzia a Bagnolo Mella Ingegneri.info