Direttiva Macchine, PED e Marcatura CE, come districarsi tra i vari adempimenti? | Ingegneri.info

Direttiva Macchine, PED e Marcatura CE, come districarsi tra i vari adempimenti?

Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE, è previsto l’obbligo della marcatura CE per tutte le macchine costruite e immesse sul mercato dopo il settembre 1996. Sfera propone servizi tecnici sia ai fabbricanti sia ai proprietari di attrezzature, ecco quali sono

Sfera: servizi in confromità con Direttiva macchine e Marcatura CE
Sfera: servizi in confromità con Direttiva macchine e Marcatura CE
image_pdf

Le direttive Comunitarie di prodotto come ad esempio la Direttiva PED 2014/68/UE, la Direttiva Macchine 2006/42/CE o ancora la Direttiva ATEX 2014/34/UE e le norme armonizzate ad esse collegate, regolano l’attività quotidiana delle aziende del settore manifatturiero ed industriale. Tutte le fasi, dalla progettazione alla costruzione, dall’immissione sul mercato dei prodotti fino alla gestione e all’utilizzo, sono assoggettate a delle specifiche normative e adempimenti che per un’azienda sono fondamentali da rispettare.

Nel settore manifatturiero ed industriale la tipologia e la quantità di macchine ed impianti che possiamo censire negli stabilimenti è estremamente variegata: possiamo trovare macchine ed attrezzature marcate CE, non marcate perché costruite ed immesse sul mercato prima dell’entrata in vigore delle Direttive Comunitarie di prodotto, autocostruite, acquistate e messe in servizio per un uso e poi riconvertite o inserite in linee produttive non marcate CE, quasi-macchine e/o  soggette a regimi di verifiche periodiche o a diverse Direttive, anche contemporaneamente (Direttiva PED, Direttiva Macchine, Direttiva Atex, ecc..).

I soggetti responsabili della rispondenza ai requisiti di sicurezza e tutela della salute (RESS) delle attrezzature/macchine/impianti presenti in qualsiasi luogo di lavoro sono i Fabbricanti o i loro Mandatari (nel caso di Fabbricanti di paesi extra UE), gli importatori da paesi Extra UE e gli utilizzatori stessi (quindi ogni Datore di Lavoro).

Come districarsi tra i vari adempimenti? Vediamo in che modo il team di ingegneri e tecnici della società SFERA Engineering Solutions, possono supportare le aziende italiane mediante servizi di consulenza tecnica e gestionale in materia di Direttive Comunitarie di prodotto (quali ad es. direttiva PED 2014/68/UE – direttiva macchine 2006/42/CE, Direttiva ATEX 2014/34/UE) e sulle norme armonizzate ad esse collegate.

Consulenza in materia di Direttiva Macchine, sia per attrezzature marcate CE che non marcate e che quindi necessitano di adeguamento ai sensi dell’All.V del D.Lgs 81/08

  • Inquadramento normativo mediante esame tecnico e funzionale e identificazione delle direttive e norme tecniche applicabili al prodotto;
  • Redazione valutazione dei rischi (risk assessment) con verifica dei requisiti essenziali di sicurezza (RESS) e dei requisiti di cui alle direttive e norme EN applicabili;
  • Valutazione dei rischi ed individuazione dei Performance Level, ovvero dei requisiti di affidabilità richiesti per le funzioni di sicurezza individuate;
  • Relazione sulle non conformità riscontrate con indicazione degli step eventuali di adeguamento che consentano un’ottimizzazione costi-efficienza;
  • Redazione del Fascicolo Tecnico;
  • Redazione del manuale di istruzioni, mediante valutazione dei rischi residui, definizione delle avvertenze di sicurezza, dei DPI necessari e della cartellonistica da prevedere;
  • Assistenza tecnica per la valutazione di conformità della macchina qualora debba intervenire Organismo Notificato, se la macchina/attrezzatura rientra tra quelle elencate nell’allegato IV della direttiva 2006/42/CE;
  • Redazione della certificazione di rispondenza ai requisiti minimi di cui all’all. V del D.Lgs.81/08 (qualora si tratti di adeguamento macchine obsolete);
  • Assistenza a tutte le prove e al collaudo finale;
  • Formazione documentata degli operatori sui rischi residui e sull’utilizzo dell’attrezzatura.

Consulenza in materia di Marcatura CE secondo la Direttiva PED, per fabbricanti di attrezzature e insiemi PED (o loro mandatari) o per gli importatori da paesi Extra UE

  • Calcoli strutturali di progettazione e di verifica, con annessi schemi di impianto;
  • Piping and Instrumentation Diagram o Process and Instrumentation Diagram (anche chiamato P&IDP&I);
  • Redazione valutazione dei rischi (risk assessment) con verifica dei requisiti essenziali di sicurezza di cui all’All. I della direttiva PED 2014/68/UE e dei requisiti di cui alle direttive e norme EN applicabili;
  • Relazione sulle non conformità riscontrate con indicazione degli step eventuali di adeguamento;
  • Redazione del Fascicolo Tecnico;
  • Eventuale assistenza tecnica per  la verifica di conformità qualora debba intervenire Organismo Notificato per il rilascio di marcatura CE per le attrezzature ricadenti in categorie di rischio dalla II alla IV;
  • Assistenza a tutte le eventuali prove e al collaudo finale.

Quando interviene un Organismo Notificato?

L’Organismo Notificato è necessario nel processo di marcatura CE se la macchina o attrezzatura da valutare è in una delle categorie elencate nell’Allegato IV della Direttiva Macchine 2006/42/CE e se non è fabbricata conformemente alle norme armonizzate (qualora esistano) o se è fabbricata rispettandole solo parzialmente.

Per quanto riguarda invece le attrezzature soggette a direttiva PED, a seconda della categoria di rischio della generica attrezzatura in pressione variano le procedure di certificazione: per le categorie I, II, III o IV, è sempre obbligatorio emettere la Dichiarazione di Conformità UE ed apporre la marcatura UE a responsabilità del costruttore o del suo mandatario (in caso di costruttore di un paese extra UE), operazione che, per le classi II, III e IV viene autorizzata da un Organismo Notificato alla Comunità Europea secondo specifici provvedimenti.

Una volta che l’attrezzatura è immessa sul mercato, l’utilizzatore ha l’obbligo di effettuare regolare e costante manutenzione, secondo quanto previsto dall’art. 70 e 71 del D.lgs. 81/08. Alcune categorie di attrezzature sono anche soggette a regimi di verifiche periodiche ai sensi dell’art. 71 c. 11 del D.lgs. 81/08.

Il Team di SFERA è in grado di fornire consulenza per la messa in servizio e pratiche autorizzative di:

Attrezzature di sollevamento cose e/o persone soggette al regime di verifiche periodiche ai sensi dell’art. 71 c. 11 del D.lgs. 81/08 e D.M. 11/04/2011

  • Identificazione degli obblighi di legge e del regime di verifiche a cui è sottoposta l’apparecchiatura;
  • Verifica della completezza della documentazione tecnica (targa di identificazione ed eventualmente marcatura CE, dichiarazioni di conformità, manuali di istruzioni per l’uso e la manutenzione, libretti di verifica periodica ENPI/ISPESL o schede tecniche INAIL, verbale verifica periodica, ecc.) o eventuale predisposizione della stessa
  • Gestione dei rapporti con gli Enti preposti alle verifiche;
  • Indagini strutturali approfondite e calcolo di vita residua.

Impianti o attrezzature PED soggette al regime di verifiche periodiche ai sensi del DM 329/04 e del DM 11/04/2011

  • Identificazione degli obblighi di legge e del regime di verifiche a cui è sottoposta l’apparecchiatura;
  • Predisposizione della documentazione tecnica necessaria alla Verifica obbligatoria di primo impianto ovvero della messa in servizio (art. 4 DM 329/04) ed alla dichiarazione di messa in servizio (art. 6 DM 329/04);
  • Riqualificazione periodica ai sensi dell’art. 10 del DM 329/04;
  • Assistenza e supporto in caso di riparazioni o modifiche su attrezzature a pressione
  • Denuncia di messa in servizio e richieste di prima verifica periodica INAIL ai sensi del DM 11 Aprile 2011;
  • Gestione dei rapporti con gli enti preposti alle verifiche;
  • Indagini strutturali approfondite mediante spessimetrie per evidenziare lo stato di conservazione/usura dell’attrezzatura in pressione.
IPI_direttiva_ped

Un impianto o attrezzatura a pressione è regolata dalla Direttiva PED (Pressure Equipment Directive) 2014/68/UE

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Direttiva Macchine, PED e Marcatura CE, come districarsi tra i vari adempimenti? Ingegneri.info