Il diritto del web nel nuovo manuale aggiornato | Ingegneri.info

Il diritto del web nel nuovo manuale aggiornato

Privacy e sicurezza, fake news e democrazia digitale, social network e hate speech, cybersicurezza e responsabilità dei vari attori sulla Rete: arriva il nuovo manuale per aggiornarsi in modo completo sulla giurisprudenza del mondo digitale

diritto_web_rev_2
image_pdf

Con il nuovo regolamento in materia di Privacy (GDPR), il tema della giurisprudenza del web è di indubbia attualità, inoltre la giurisdizione di Internet è una delle branche più tortuose, delicate e in aggiornamento continuo della giurisprudenza mondiale. Per questo motivo Cedam, prestigioso brand del gruppo Wolters Kluwer specializzato in testi di diritto, economia e medicina, pubblica, in versione aggiornata, il manuale Il diritto del web, firmato da Maurizio Mensi e Pietro Falletta.

La gigantesca (e inarrestabile) mole di circostanze e situazioni nelle quali si muove Internet costringe ai cambiamenti più urgenti, e cercare di focalizzare l’attenzione su un aspetto diventa compito arduo.

Restringendo, però, il cerchio agli argomenti di più rilevante attualità già tre anni fa gli autori  Maurizio Mensi e Pietro Falletta hanno provato a mettere ordine nel mare magnum di un argomento così complesso. La nuova edizione del volume, aggiornata con tutto quello che è successo dal 2015 a oggi, analizza i temi più ricorrenti nella giurisprudenza di settore odierna.

Con un approccio teorico-pratico, il volume si focalizza sul rapporto fra privacy e sicurezza, le innovazioni previste dal nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali fra diritto all’oblio e obblighi a carico di soggetti pubblici e privati (GDPR), le fake news e la democrazia digitale, l’hate speech, le regole della cybersicurezza, il ruolo dei social network e le responsabilità dei vari attori sulla Rete.

Nel libro si evidenzia la costante dialettica fra tecnologia e regole, OTT (Google, Facebook, ecc.) e operatori tradizionali, soffermandosi sulle nuove sfide poste da una “disruptive innovation” dominata da algoritmi e intelligenza artificiale, con la difficoltà di garantire piena tutela ai diritti del cittadino/utente. Particolare attenzione è dedicata all’ambito internazionale degli interventi normativi dell’Unione europea, nel difficile equilibrio fra regolazione e concorrenza.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il diritto del web nel nuovo manuale aggiornato Ingegneri.info