Kimitech FRP-LOCK®, il presidio antidelaminazione brevettato di Kimia | Ingegneri.info

Kimitech FRP-LOCK®, il presidio antidelaminazione brevettato di Kimia

L'innovativo sistema di ancoraggio Kimitech FRP-LOCK® rende più efficaci i consolidamenti strutturali con materiali compositi

Kimitech FRP-LOCK®
Kimitech FRP-LOCK®
image_pdf

Un sistema di fissaggio meccanico da utilizzare in combinazione a un rinforzo strutturale con materiali compositi, in grado di migliorare le prestazioni del sistema nel complesso. E’ Kimitech FRP-LOCK®, l’innovativo presidio antidelaminazione brevettato, testato e certificato da Kimia, azienda tutta italiana che da oltre 30 anni è specializzata in ricerca, sviluppo e produzione di materiali ad alte prestazioni per il settore del restauro e del recupero edilizio.

Kimitech FRP-LOCK® è progettato per impedire la delaminazione delle fibre applicate al supporto, rendendo il sistema di rinforzo più efficiente. Ciò consente di sfruttare meglio le resistenze apportate dai compositi. Questa caratteristica risulta particolarmente utile nel caso in cui i rinforzi vengano applicati:

  • su supporti di qualità scadente, per i quali, in mancanza di un presidio di connessione meccanico, si giunge puntualmente a una rottura coesiva a carico dello strato corticale dell’elemento rinforzato prima ancora di riuscire a far lavorare al meglio le fibre;
  • per il rinforzo di elementi come le forcelle dei pilastri di strutture prefabbricate o gli impalcati stradali che possono andare in crisi a causa di sollecitazioni dinamiche. Senza connessioni di estremità infatti, a seguito dei movimenti della struttura, il composito rischia di staccarsi dal supporto quando è sottoposto a compressione, risultando di conseguenza incapace di esercitare la sua resistenza nella fase in cui dovrebbe lavorare a trazione.

Grazie al migliore sfruttamento delle resistenze dei materiali impiegati, gli interventi che utilizzano Kimitech FRP-LOCK® possono essere di estensione più limitata, risultando quindi maggiormente economici, in virtù degli ovvi risparmi in termini di materiali e manodopera, meno invasivi e, dunque, particolarmente reversibili.

Composizione e vantaggi applicativi di Kimitech FRP-LOCK®

Kimitech FRP-LOCK®  si presenta come un blocco monolitico di materiale composito su cui è inserito un occhiello metallico passante. Dal corpo principale, parte un’estremità libera di tessuto non impregnato che dovrà essere solidarizzato tramite resina epossidica alla fascia di rinforzo principale. Kimitech FRP-LOCK® va a comporre quindi la terminazione del rinforzo in materiale composito offrendo, grazie all’occhiello, tantissime possibilità di ancoraggio.

Ma i vantaggi dell’utilizzo di Kimitech FRP-LOCK® non finiscono qui perché, oltre a facilitare e velocizzare le laboriose operazioni di ancoraggio, le rende anche molto più affidabili. Gli ancoraggi non sono più oggetti realizzati in situ, ma elementi preformati e assemblati a livello industriale.

Kimitech FRP-LOCK® è disponibile infatti in diversi formati per adattarsi al meglio alle varie misure dei rinforzi con materiali compositi di Kimia, presenti sul mercato. Inoltre, su richiesta, Kimia può provvedere a preassemblare Kimitech FRP-LOCK® con il relativo nastro della lunghezza necessaria per eseguire il rinforzo completo.

Kimitech FRP-LOCK PR per la Pietà Rondanini di Michelangelo

Una versione speciale di Kimitech FRP-LOCK® chiamata Kimitech FRP-LOCK PR, è stata impiegata lo scorso anno per ancorare la Pietà Rondanini di Michelangelo al suo basamento antisismico e antivibrazione in occasione dello spostamento della celebre scultura all’interno di una delle sale dell’Ospedale Spagnolo all’interno del Castello Sforzesco di Milano.

Per ulteriori informazioni e supporto su Kimitech FRP-LOCK® potete consultare la scheda tecnica disponibile nel  pdf qui di seguito e consultare i  tecnici di Kimia compilando il modulo di contatto.

Per ulteriori informazioni consultare il sito.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Kimitech FRP-LOCK®, il presidio antidelaminazione brevettato di Kimia Ingegneri.info