La climatizzazione in cloud: così Panasonic celebra i suoi "primi" 100 anni | Ingegneri.info

La climatizzazione in cloud: così Panasonic celebra i suoi “primi” 100 anni

A MCE 2018 Panasonic festeggia il 100° “compleanno” e i 6o anni di attività nel settore della climatizzazione presentando i prodotti più innovativi e eco-oriented

© Panasonic
© Panasonic
image_pdf

Durante la 41ª edizione di MCE- Mostra Convegno Expocomfort (svoltasi dal 13 al 16 marzo scorso) Panasonic ha celebrato il 100° anniversario della sua fondazione, e i 60 anni di attività nel settore della climatizzazione.

È in questo contesto che la divisione Air Conditioning ha presentato tutte le novità per le applicazioni residenziali, commerciali e industriali.

Qui di seguito i prodotti più innovativi.

  • Soluzioni residenziali tecnologiche e rispettose dell’ambiente
    Ecco la nuova gamma di climatizzatori mono e multi-split con refrigerante R32. I climatizzatori sono compatibili con il nuovo kit opzionale Wi-Fi per il controllo tramite Internet, sviluppato da Panasonic. All’interno della stessa area, sarà esposta la gamma di pompe di calore aria-acqua Aquarea serie H ad alta efficienza, e i visitatori avranno inoltre modo di conoscere la nuova piattaforma Aquarea Service Cloud, un completamento, rivolto a installatori e manutentori, della piattaforma per la gestione da remoto Aquarea Smart Cloud, lanciata nel 2017.
  • Soluzioni commerciali ecosostenibili
    Panasonic ha presentato la nuova linea commerciale PACi in R32 che sarà disponibile sul mercato a partire da maggio 2018. Al tempo stesso sarà possibile scoprire le nuove unità esterne per refrigerazione commerciale con refrigerante R744A (CO2).
  • Soluzioni digitali semplici e innovative
    Un’applicazione rivoluzionaria permette all’utente finale o all’addetto alla manutenzione di intervenire in maniera opportuna per attività di installazione e di assistenza.

Infine, sono stati presentati il primo sistema VRF ibrido in Europa, che consente di provvedere al riscaldamento e al raffrescamento, mediante alimentazione a gas e, in alternativa, elettrica, e i nuovi Mini ECOi, sistemi super compatti e altamente efficienti, con un COP pari a 5,19 per la taglia da 4HP.

Le soluzioni residenziali

Il Regolamento UE n. 517/2014, sui gas fluorurati a effetto serra, definisce il modo con cui ogni produttore, importatore, distributore, fabbricante, operatore, imprenditore e consumatore deve contribuire per ridurre, di anno in anno, l’impatto sul riscaldamento globale.

In linea con l’azione di contrasto dell’effetto serra, negli ultimi anni, l’adozione del refrigerante R32 è stata sempre di più un punto di riferimento per le aziende appartenenti al settore della climatizzazione, nell’ambito delle piccole capacità. L’R32 ha caratteristiche indubbiamente positive; è un refrigerante puro e ha un impatto sul riscaldamento globale, che è pari a circa un terzo dell’impatto del refrigerante tradizionalmente utilizzato, R410A.

Il passaggio da R410A a R32, non presenterà particolari difficoltà per gli installatori. Le procedure, comprese le operazioni di “piping” e “testing”, rimangono invariate e potrebbero solo essere necessari strumenti leggermente diversi per alcune operazioni, quali il recupero di refrigerante e il rilevamento di perdite. Come tutti i restanti refrigeranti, anche l’R32 deve essere maneggiato sempre in modo sicuro e in spazi adeguatamente ventilati, durante le operazioni sia di carica, sia di recupero.

La soluzione Aquarea Service Cloud rappresenta un’innovazione assoluta per il settore, in quanto permette di superare le restrizioni che legano i clienti a una specifica società di manutenzione. La piattaforma, infatti, sia lascia ai clienti la libertà di decidere chi effettuerà la manutenzione della pompa di calore, sia dà agli installatori l’opportunità di migliorare il servizio offerto.

Aquarea Service Cloud si presenta come uno strumento di supporto, che consente al tecnico di completare facilmente, e in tempi brevi, le operazioni di messa in funzione e manutenzione; tutte le informazioni relative alla pompa di calore oggetto dell’intervento, sono sempre a portata di mano, nel “cloud”. La nuova piattaforma semplifica l’assistenza in loco, aiutando gli istallatori a identificare i problemi, e permettendo, dunque, risparmio di tempo e contenimento dei costi.

Aquarea Service Cloud è un servizio dal facile utilizzo. All’utente è richiesto semplicemente di connettersi al sito https://aquarea-service.panasonic.com e, con alcuni passaggi, l’impostazione della piattaforma sarà effettuata. Tutti i sistemi installati saranno collegati automaticamente al cloud e i parametri di funzionamento saranno aggiornati in tempo reale.

Disponibile a partire da aprile 2018, Aquarea Service Cloud di Panasonic, massimizza e rende totalmente affidabile la gestione da remoto della pompa di calore; ne risultano un notevole risparmio di tempo e denaro e una significativa riduzione dei tempi di risposta.

Le soluzioni commerciali

Il nuovo modello della linea Panasonic Air Conditioning presenta un unità condensante transcritica a CO2, con capacità pari a 15kW. L’unità condensante, disponibile sia nella versione standard, sia nella versione speciale ad alta resistenza alle atmosfere saline, sarà distribuita in Europa a partire dalla prossima estate.

Come già accennato all’interno della Comunità Europea l’approccio alla riduzione dei gas fluorurati (HFC) è stato avviato sin dal 2015. Non solo le nazioni europei, ma anche molti altri paesi nei restanti continenti, sono pronti affinché la legislazione locale preveda la riduzione delle emissioni di gas fluorurati.

Panasonic, supportando tecnologicamente questa tendenza planetaria, intensificherà nei prossimi anni lo sviluppo dei sistemi di refrigerazione a CO2, contribuendo quindi, in modo significativo, alla riduzione del riscaldamento globale dell’atmosfera.

Le soluzioni digitali

DATANAVI è la una nuova applicazione (disponibile per iOS e Android, e facile da usare.), con disponibilità in Europa da maggio 2018, per la gestione semplice ed efficace dei sistemi di condizionamento.

DATANAVI consente l’accesso immediato a informazioni dettagliate sul sistema in modo da implementarne una manutenzione rapida e risolutiva.

L’innovativa applicazione, mediante la rivoluzionaria tecnologia Light ID di Panasonic, permette all’utente finale o all’addetto alla manutenzione, di ricevere sul proprio dispositivo smartphone, i dati operativi del sistema di condizionamento. In questo modo è possibile intervenire in maniera opportuna per attività sia di installazione, sia di assistenza.

Una volta scaricata gratuitamente l’applicazione e avvenuta la registrazione, basta accedere e seguire le semplici istruzioni per iniziare.

Ciascuno dei sistemi di condizionamento Panasonic compatibile con l’applicazione DATANAVI, possiede un codice Light ID, che viene trasmesso dalla sorgente luminosa a LED, presente nel pannello di comando del sistema. Per l’utente è semplice ottenere il codice Light ID: è sufficiente puntare il sensore di immagine integrato nello smartphone, sulla sorgente luminosa a LED, la quale invia fasci non visibili di luce, ad altissima velocità di propagazione. Ottenuto il Light ID, l’applicazione permette la connessione al Cloud, in modo da acquisire e visualizzare rapidamente sullo schermo del dispositivo smartphone, le informazioni associate al sistema.

CZ-RTC5B è il codice prodotto del pannello di controllo, sviluppato da Panasonic per la generazione e la trasmissione del codice Light ID.

Per ulteriori informazioni visitare Panasonic – Heating & Cooling Solutions

Copyright © - Riproduzione riservata
La climatizzazione in cloud: così Panasonic celebra i suoi “primi” 100 anni Ingegneri.info