Negli impianti di acqua sanitaria uno dei batteri più pericolosi per la salute umana | Ingegneri.info

Negli impianti di acqua sanitaria uno dei batteri più pericolosi per la salute umana

Gli impianti di acqua sanitaria sono l’habitat ideale del batterio Pseudomonas Aeruginosa, incluso in una recente lista pubblicata dall’OMS. Un valido mezzo di prevenzione? I sistemi di installazione Viega. Vediamo perchè

Viega_1
image_pdf

Prevenire è meglio che curare – questo detto acquista un significato molto importante nel caso dei batteri antibiotico-resistenti, il cui elenco è stato recentemente pubblicato dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). La lista è stata elaborata per indirizzare e promuovere la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici, nel quadro di una crescente resistenza globale ai farmaci antimicrobici. Proprio in questo ambito , la prevenzione riveste un ruolo fondamentale. All’interno della lista, tra gli elementi a maggiore criticità, appare anche il batterio Pseudomonas Aeruginosa, che trova negli impianti di acqua sanitaria uno degli habitat preferenziali. Viega offre il suo contributo alla prevenzione fornendo a progettisti, installatori e gestori sistemi di installazione sottoposti a elevati standard qualitativi, accorgimenti tecnici mirati alla limitazione della proliferazione batterica e strumenti di supporto dedicati quali documentazione a tema e specifici corsi di formazione.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità OMS ha redatto una lista dei batteri che maggiormente resistono all’azione degli antibiotici, classificandoli sulla base della pericolosità e del livello di resistenza. La lista è stata elaborata per indirizzare e promuovere la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici ed è divisa in tre categorie a seconda dell’urgenza della necessità di nuovi antibiotici: priorità fondamentale, elevata e media.

Il gruppo più importante include batteri resistenti a più farmaci che rappresentano una particolare minaccia specialmente in ospedali e case di cura: tra questi viene annoverato anche il batterio Pseudomonas Aeruginosa. La pubblicazione intende stimolare la ricerca e tutelare la salute pubblica. Nella pratica, i tempi per lo sviluppo e l’introduzione di nuovi farmaci saranno estremamente lunghi –fase di ricerca, approfonditi test e lunghe fasi di introduzione sul mercato – ed è quindi essenziale concentrarsi su come prevenire la proliferazione di questi batteri nell’attesa degli stessi.

Nell’ambito della progettazione, realizzazione e manutenzione degli impianti di acqua sanitaria, nei quali il batterio Pseudomonas Aeruginosa trova uno dei propri habitat preferenziali, Viega offre un grande contributo  per la tutela della qualità dell’acqua, al fine di evitare situazioni favorevoli alla creazione e alla moltiplicazione del biofilm interno tipico delle reti di distribuzione idriche. L’azienda è da sempre in prima linea nello sviluppo di evoluti sistemi di installazione progettati specificatamente per gli impianti di acqua sanitaria e condivide il suo know-how in termini di progettazione e installazione offrendo strumenti di supporto alla progettazione e seminari formativi a tema.

Prevenire con i sistemi di installazione Viega

Nei sistemi di installazione Profipress, Sanpress, Sanpress Inox, Raxofix e Smartpress (novità 2017), Viega utilizza solo ed esclusivamente materiali che non alterano lo stato e le proprietà dell’acqua sanitaria, igienicamente testati, creando i presupposti ideali per la salvaguardia della sua qualità ed in conformità a quanto richiesto dal D.M. 174/2004.

Inoltre i raccordi Viega sono studiati al fine di ottimizzare il flusso, evitando accidentalità interne e asperità che possono rappresentare un punto favorevole all’adesione del biofilm ed alla conseguente proliferazione batterica. I sistemi Raxofix e Smartpress, in particolar modo, consentono una progettazione maggiormente razionale degli impianti idrico sanitari rispetto alla maggioranza dei sistemi multistrato in commercio, grazie ai ridotti coefficienti di accidentalità K. In questo modo, il volume di acqua degli impianti è inferiore rispetto a installazioni realizzate con soluzioni tradizionali, riducendo quindi il rischio di stagnazione e limitando di conseguenza il rischio di proliferazione di batteri nocivi.

Con la medesima filosofia, Viega ha concepito le valvole Easytop, realizzate con materiali di elevata qualità e con passaggio totale; grazie alla loro geometria ottimizzata è infatti possibile ridurre le zone a rischio di stagnazione, limitando al contempo le perdite di carico derivanti. Inoltre tutte le valvole della serie Easytop, sia a sede inclinata che a sfera, sono dotate di connessione specifica per l’inserimento di punti di campionamento acqua, utili a monitorare costantemente la concentrazione batterica.

Viega propone inoltre placche di comando per WC dotate di funzione Hygiene+, che garantiscono la possibilità di risciacquare forzatamente le linee di acqua fredda connesse al WC sul quale è stata installata la placca. Tale accorgimento, in combinazione con sistemi di allacciamento delle utenze a serie o ad anello, consente un frequente e programmabile ricambio di acqua, impedendo eccessivi tempi di ristagno anche in assenza di alcun utilizzatore finale.

La cura finale è demandata poi alla manutenzione e alle corrette operazioni di pulizia. La frequente sostituzione di flessibili e doccette, l’attenta pulizia dei rompigetto, l’astenersi dal pulire i rubinetti con gli stessi stracci usati per la ceramica sono poi ulteriori fattori di primaria importanza.

Sapere è potere: la brochure Viega

Come dimostrano la varietà e l’ampiezza delle soluzioni per impianti di acqua sanitaria, la salvaguardia della qualità dell’acqua è una competenza chiave di Viega. Una competenza che l’azienda condivide con progettisti, installatori e gestori di impianti attraverso documentazione dedicata e seminari i cui contenuti spaziano tra la corretta scelta dei materiali e l’adeguata progettazione, la gestione delle temperature e le norme e i regolamenti attinenti al tema. Un riassunto di questi argomenti è disponibile nella brochure “Acqua Sanitaria – Alla sorgente c’è la solida competenza Viega”.

Pseudomonas Aeruginosa

Come documenta la brochure di Viega, il batterio Pseudomonas Aeruginosa prolifera a temperature tra 4 °C e 42 °C. Il batterio è molto aggressivo e, appunto, resistente agli antibiotici: in un campione d’acqua di 100 ml, non dovrebbe essercene alcuna traccia poiché, anche delle minime concentrazioni, possono essere “rischiose per la salute”, come afferma l’Istituto Robert Koch collegato al Ministero della Salute tedesco.

Le conseguenze dovute alla trasmissione di tale batterio sono infatti complesse: la contrazione può causare nell’uomo gravi patologie infiammatorie organiche, alcune addirittura dall’esito letale; mentre per l’edificio interessato si rende necessario il risanamento totale degli impianti e, in casi estremi, la sua completa chiusura.

Copyright © - Riproduzione riservata
Negli impianti di acqua sanitaria uno dei batteri più pericolosi per la salute umana Ingegneri.info