Per i sistemi a cappotto da ripristinare il futuro si chiama Mapetherm Flex RP | Ingegneri.info

Per i sistemi a cappotto da ripristinare il futuro si chiama Mapetherm Flex RP

Il fondo rasante elastico e resistente agli urti Mapetherm Flex RP è la proposta Mapei sia per la manutenzione di cappotti termici degradati da tempo e intemperie sia per realizzare nuovi cappotti

Rifinitura di Mapetherm Flex rp 1,5
Rifinitura di Mapetherm Flex rp 1,5
image_pdf

Mapetherm Flex RP, fondo rasante elastico ed altamente resistente agli urti, rappresenta la proposta  di Mapei per interventi di manutenzione di cappotti termici degradati dal tempo e dalle intemperie e per la realizzazione di nuovi cappotti di moderna concezione.

Il fondo rasante Mapetherm Flex RP è frutto di un mix di tecnologie che lo rende un prodotto unico ed altamente innovativo. Le sue tante doti e qualità ne fanno un prodotto estremamente versatile, anche per impieghi fuori dall’ambito dell’isolamento termico. La tecnologia BioBlock®, formulata nei laboratori di Ricerca&Sviluppo Mapei e collaudata dal prestigioso P.R.A Institute, protegge le superfici dalle aggressioni di muffe ed alghe che spesso si associano alle situazioni di degrado dei rivestimenti a cappotto.

Mapetherm Flex RP rientra nella gamma di soluzioni Mapei “Fast Track Ready, che distingue i prodotti studiati per ridurre notevolmente i tempi di lavorazione, in quanto non è necessario attendere l’intervallo di stagionatura tipico dei rasanti a base cementizia e si evita l’utilizzo di primer prima dell’applicazione della finitura. La particolare composizione di Mapetherm Flex RP, frutto della tecnologia Ultralite, permette di ottenere un prodotto “leggero” con un miglioramento della resa e una maggior lavorabilità in fase applicativa.

L’utilizzo in percentuale significativa di materiale rigenerato testimonia la capacità e l’impegno di Mapei nel creare prodotti che combinino efficienza tecnologica e sostenibilità ambientale. Al fine di coprire tutte le possibili situazioni d’intervento Mapetherm Flex RP è proposto in due granulometrie0,5 mm e 1,5 mm.

Guarda nella gallery d’immagini le varie fasi di applicazione del prodotto:

Granulometria da 1,5 mm

Ripristino di vecchi cappotti : il valore della ristrutturazione

Mapetherm Flex RP 1,5 mm è perfetto per il recupero di sistemi di isolamento termico ammolorati, con presenza di alghe,muffe e/o fessurazioni. E’ in grado di aderire perfettamente su rivestimenti plastici o pitture esistenti, anche degradati, purchè coesi e asciutti.

Nuovi cappotti ad alta tecnologia: fatti per durare

Mapetherm Flex RP 1,5 mm ha ottenuto i massimi risultati nei test di resistenza all’impatto da corpo duro eseguiti secondo UNI EN ISO 7892 presso ITC (Istituto per le Tecnologie della Costruzione), in accordo alla ETAG 004.

Nei cicli abbinati alle finiture Elastocolor Tonachino Plus 1,2 mm e Quarzolite Tonachino Plus 1,5 mm è stata raggiunta la classe I sia per impatti da 10 Joule sia con impatti da 15 Joule, dato particolarmente rilevante in caso di zone critiche quali zoccolature,  parti comuni di condomini,  aree maggiormente esposte a urti e sollecitazioni. 

Rasature critiche: problem solving rapido e duraturo

In presenza di facciate con cavillature o realizzate con pannelli in fibrocemento, Mapetherm Flex 1,5 mm esprime tutte le sue potenzialità: livellamento del supporto, resistenza alla formazione di fessurazioni, protezione dalle aggressioni biologiche.

Granulometria da 0,5 mm

Rinforzo e protezione dentro e fuori

Interventi in esterno completabili con finiture lisce compatibili: Mapetherm Flex RP 0,5 mm offre la possibilità, a seguito di adeguata preparazione del supporto, di utilizzare per la finitura anche pitture specifiche, per un effetto estetico finale più liscio rispetto ai convenzionali tonachini a spessore.

Interventi su pareti interne: abbinato alla rete Elastocolor Net, Mapetherm RP 0,5 mm si rivela un valido alleato per risolvere situazioni  con fessure o imperfezioni, spesso presenti su pareti realizzate in cartongesso o nei punti di raccordo plafone-parete verticale. Anche in questi casi la resistenza alla formazione di muffe, l’utilizzo del prodotto già in tinta, la velocità dei tempi di applicazione fanno la differenza rispetto a soluzioni tradizionali con rasanti cementizi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Per i sistemi a cappotto da ripristinare il futuro si chiama Mapetherm Flex RP Ingegneri.info