Riqualificazione energetica di edifici residenziali con tecnologia a condensazione. Le soluzioni Hoval | Ingegneri.info

Riqualificazione energetica di edifici residenziali con tecnologia a condensazione. Le soluzioni Hoval

Un grande complesso condominiale di otto edifici e la sua riqualificazione energetica. Le caldaie di Hoval per un intervento sempre più necessario

© Hoval
© Hoval
image_pdf

La riqualificazione energetica di edifici residenziali, oltre ad apportare indubbi benefici in termini sia di resa sia di risparmio, è particolarmente opportuna per tutte le costruzioni risalenti a prima degli anni ’90, e prive di un adeguato isolamento termico dell’involucro.

È il caso di un ampio complesso condominiale, costituito da otto edifici, a Milano, nella zona sud compresa tra via Pezzotti e via Aicardo. L’intero complesso era riscaldato, fino a qualche tempo fa, da una centrale termica vecchia di oltre venti anni, giunta ormai al termine del suo ciclo di vita. Non solo: due dei generatori erano completamente fuori uso. Si è perciò deciso di sostituire gli impianti, intervenendo contemporaneamente sulla centrale termica e nei singoli appartamenti, dove è stato introdotto il sistema di contabilizzazione termica individuale.

Per la sostituzione dei vecchi generatori di calore, è stata scelta la tecnologia a gas a condensazione Hoval, con la caldaia UltraGas® 800D. In realtà sono stati istallati 4 generatori, collegati tra loro in cascata, per una potenza totale di 1600 kW. Assemblati con questa modalità, offrono infatti maggior sicurezza di esercizio e migliore efficienza, grazie a un adattamento della potenza e alla distribuzione del carico ottimizzati. La funzione di regolazione dell’intera cascata è inoltre già integrata nel regolatore di sistema TopTronic® E delle singole caldaie. Dalla centrale termica partono sette gruppi di pompaggio che vanno a servire tutti gli otto fabbricati distribuendo l’acqua calda. L’intervento di riqualificazione ha previsto anche il risanamento dei camini e di tutte le opere accessorie: è stato ricostruito l’impianto elettrico, l’impianto è stato trasformato da vaso aperto a vaso chiuso e sono stati predisposti anche gli impianti di telegestione.

Come ottimizzare i rendimenti con la caldaia a condensazione Hoval UltraGas® versione 800D

Per riscaldare con un unico impianto un complesso residenziale così esteso e articolato, Hoval UltraGas® nella versione 800D, ha offerto la soluzione ideale. È infatti una caldaia a condensazione ad alta efficienza che, soprattutto per classi di potenza elevate, permette di migliorare il rendimento e di ridurre il consumo di gas, grazie ad alcuni particolari dettagli tecnici.

Rispetto a una moderna caldaia a bassa temperatura, Hoval UltraGas® consuma il 10-20% in meno di gas. Il suo elevato rendimento è merito soprattutto dello scambiatore di calore aluFer®. La sua funzione è quella di raffreddare il vapore acqueo e i fumi che si generano durante la combustione in modo particolarmente efficiente ed efficace, ricavando così energia termica supplementare, che viene trasferita all’acqua di riscaldamento. È la speciale struttura dello scambiatore di calore – in alluminio all’interno e in acciaio inossidabile all’esterno – a rendere possibile le sue elevate prestazioni: la presenza delle lamelle permette di quintuplicare la superficie sul lato dei fumi e di condensare una maggiore quantità di vapore.

© Hoval

© Hoval

La modulazione continua, compresa tra il 20 e il 100%, riduce ulteriormente il consumo di gas, poiché la potenza può essere adattata esattamente al fabbisogno di calore. Un ulteriore vantaggio è costituito dalla resistenza idraulica molto ridotta: dal momento che la pompa deve funzionare di meno, è possibile utilizzarne una di minori dimensioni. Ciò consente di ridurre, in primo luogo, i costi di investimento e, poi, anche quelli elettrici.

L’acqua può stratificarsi in modo ottimale nella caldaia – quella calda in alto, quella fredda in basso, in modo che la base della caldaia resti fredda. Si creano così le condizioni ottimali per la condensazione, a garanzia di un rendimento sempre massimizzato. La caldaia a condensazione Hoval UltraGas® è inoltre dotata di due ritorni: sopra il ritorno ad alta temperatura e sotto quello a bassa temperatura. L’acqua di ritorno può, quindi, fluire nel punto ottimale. Con un conseguente ulteriore incremento del grado di condensazione. Il rendimento dell’impianto aumenta di un ulteriore 6-8% e il consumo di energia e i costi subiscono un’ulteriore riduzione.

Ogni caldaia a condensazione a gas Hoval UltraGas® è equipaggiata con il nuovo sistema di regolazione TopTronic® E. È facile da utilizzare e in grado di combinare in un efficiente e affidabile sistema tutti i componenti dell’impianto. Mediante relativi moduli interfaccia – sono disponibili GLT 0-10V, ModBus TCP, MOdBus RS 485 e KNX – la caldaia a condensazione a gas può anche essere integrata nel sistema di gestione sovraordinata dell’edificio, o in una rete di teleriscaldamento mediante il sistema di gestione Hoval TopTronic® supervisor.

Dati tecnici dell’impianto:

  • Potenza utile nominale 40/30°C: 97-900 kW
  • Potenza utile nominale 80/60°C: 87-820 kW
  • Potenza focolare nominale: 139-820 kW
  • Pressione esercizio max: 6 bar
  • Rendimento normalizzato 40/30°C: 109,8%
  • Rendimento normalizzato 75/60°: 107,3%
  • Assorbimento elettrico min./max.: 60/1164 W
  • Pressione sonora: 66 dB(A)

Copyright © - Riproduzione riservata
Riqualificazione energetica di edifici residenziali con tecnologia a condensazione. Le soluzioni Hoval Ingegneri.info