Rischio sfondellamento: come proteggere i solai con interventi certificati? | Ingegneri.info

Rischio sfondellamento: come proteggere i solai con interventi certificati?

Lo sfondellamento dei solai è un fenomeno diffuso in diverse tipologie edilizie. Con il sistema antisfondellamento SICURTECTO® si può prevenire e intervenire con soluzioni certificate e non invasive

sfondellamento_4_giorni
image_pdf

Lo sfondellamento dei solai è uno tra i rischi più diffusi nel costruito. È quanto emerge dall’analisi dello stato di fatto: nel 2017 sono stati raccolti e analizzati i casi di cronaca legati alle vulnerabilità degli edifici e lo sfondellamento è il fenomeno più frequente, con la media di un episodio ogni 4 giorni. Anche andando indietro negli anni lo sfondellamento conserva il triste primato, da quando balzò all’attenzione dei media a causa del tragico evento nella scuola di Rivoli, che nel 2008 costò la vita al giovane Vito Scafidi.

Lo sfondellamento è un fenomeno diffuso, ma quali sono gli edifici vulnerabili?

I casi di sfondellamento analizzati interessano diverse tipologie edilizie e sono stati registrati in modo omogeneo sul territorio italiano. Lo sfondellamento si può infatti innescare in tutti i solai in latero-cemento per il naturale invecchiamento dei materiali, anche se alcuni fattori ne incentivano l’evoluzione. Le principali cause possono essere dovute a valutazioni sbagliate in fase di progettazione, dimensionamenti errati delle luci dei solai, utilizzo di pignatte non a norma, errori nella posa in opera o sollecitazioni non previste. Si tratta di fattori riscontrati anche negli edifici più recenti, che quindi possono risultare soggetti allo stesso modo dei fabbricati più datati.

obiettivo_prevenzione_sicurtecto

Prevenire il rischio sfondellamento è la priorità del costruito: come intervenire?

Non è più possibile sottovalutare o trascurare il rischio sfondellamento dei solai: la diffusione del fenomeno ed i rischi connessi al distacco rendono prioritaria la prevenzione. Chi gestisce gli edifici ha il compito di disinnescare lo sfondellamento per garantire ambienti sicuri e persone protette da crolli improvvisi. La parola chiave è prevenzione.

È necessario intervenire con soluzioni certificate, per garantire protezione in ogni condizione, ma anche accessibili, per agevolare la messa in sicurezza dei solai senza ricorrere ad azioni distruttive, lunghe e costose. L’antisfondellamento SICURTECTO® risponde a queste esigenze: garantisce la protezione definitiva attraverso interventi a secco, pratici ma soprattutto certificati.

Sfondellamento_rischio_scuole

Si tratta di uno speciale sistema a secco armato e fibrorinforzato che viene applicato direttamente ai travetti, studiato per garantire protezione senza alcuna demolizione e senza causare disagi all’utenza. L’intervento viene infatti pianificato in modo da non interrompere le regolari attività all’interno degli edifici.
Oltre alla praticità, l’antisfondellamento SICURTECTO® si distingue per le prestazioni di messa in sicurezza offerte: è l’unica soluzione certificata dal Politecnico di Milano e certificata anche nella posa in opera per dare garanzia sull’efficacia dell’intervento effettuato.

Sicurtecto_caratteristiche

SICURTECTO® è il sistema antisfondellamento sviluppato dall’azienda Sicurtecto Srl in seguito ad anni di studi specializzati sullo sfondellamento: la ricerca in laboratorio e l’esperienza acquisita sul campo in oltre 25 anni, hanno permesso a Sicurtecto Srl di diventare cultore dello sfondellamento e di offrire un supporto efficace nella messa in sicurezza dei solai. In questi anni l’azienda ha messo in sicurezza oltre 1,6 milioni di solai in tutta Italia, un impegno continuo per prevenire lo sfondellamento, proteggere le persone da rischi e tutelare il lavoro dei professionisti che gestiscono il costruito.

Vai al sito di Sicurtecto Srl per approfondire il sistema antisfondellamento SICURTECTO® e richiedi la documentazione gratuita per conoscere i dettagli tecnici.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rischio sfondellamento: come proteggere i solai con interventi certificati? Ingegneri.info